Condividi su Facebook | Commenta

Citazioni, aforismi, motti celebri da libri o recuperati

Scegli e filtra una CATEGORIA: TUTTE Bostro Filosofia Motto Narrativa Scienze
CONSULTA L'ELENCO DI TUTTI GLI AUTORI DI CITAZIONI, AFORISMI, MOTTI

RICERCA per autore/libro/citazione:

Ti senti fortunato? Leggi una citazione casuale

Stephen King, "IT"
Ogni credenza ha il suo rovescio. Se ci sono diecimila contadini medievali capaci di far esistere i vampiri con la forza della loro credulità, può essercene sempre uno, e probabilmente bambino, capace di immaginare il piolo con cui ucciderli. Ma un piolo non è che uno stupido pezzo di legno. La mente è invece la mazza con cui conficcarlo nel cuore.
Categoria: Narrativa
Stephen King, "L'ombra dello scorpione"
Dio chiede sempre un sacrificio. Ha le mani tutte insanguinate.
Categoria: Narrativa
Stephen King, "L'ombra dello scorpione"
Il bello della mania religiosa è che ha la capacità di spiegare tutto. Una volta che Dio (o Satana) sia accettato come causa prima di tutto ciò che accade nel mondo dei mortali, nulla viene lasciato al caso... o al mutamento. Una volta che ci si sia impadroniti perbene di formule magiche quali «Ora noi vediamo come in uno specchio scuro» e «Misteriose sono le vie che Egli sceglie per porre in atto [continua...]
Categoria: Narrativa
Stephen King, "L'ombra dello scorpione"
È questo il destino della razza umana. Socievolezza. Vuoi che ti dica che cosa ci insegna la sociologia a proposito della razza umana? Te lo dico in poche parole. Mostrami un uomo o una donna soli e io ti mostrerò un santo o una santa. Dammene due e quelli si innamoreranno. Dammene tre e quelli inventeranno quella cosa affascinante che chiamiamo «società». Quattro ed edificheranno una piramide. Ci [continua...]
Categoria: Narrativa
Stephen King, "L'ombra dello scorpione"
Al crepuscolo, anche un tronco d'albero, se lo guardi nel modo giusto, ti mette paura. Siamo tutti mortali, grazie a Dio.
Categoria: Narrativa
Emanuele Severino, "Il Fatto Quotidiano"
Gentile è pressoché ignoto nel mondo anglosassone: c’è un motivo. Abbiamo perduto una guerra in un modo indecente. Abbiamo avuto il Partito Comunista più forte dell’Occidente, infastidendo notevolmente il mondo capitalistico. Tutti questi sono fattori che ci hanno resi antipatici al resto del mondo.
Categoria: Filosofia
Emanuele Severino, "Hemingway, il nichilista che sapeva uccidere"
Hemingway aveva imparato che il piacere della vita è inseparabile dal dolore: la vita è lotta – è «guerra», diceva l'antichissimo Eraclito".[...]Hemingway concepiva la sincerità come il supremo comandamento morale. Anche e innanzitutto nella scrittura, che non deve nascondere quello che l'uomo prova veramente. Il culmine della follia non è forse pensare che l'essere è il nulla? E «nichilismo» non [continua...]
Categoria: Filosofia
Emanuele Severino, "Corriere della Sera"
È del tutto fuorviante condannare l'Occidente e il capitalismo per aver dominato e sfruttato il resto del mondo. I popoli non hanno morale. Se ne è mai visto uno sacrificarsi per un altro? Quando hanno potenza si impongono sui più deboli, come la natura riempie il vuoto
Categoria: Filosofia
Mark Twain, "Le Avventure di Huckleberry Finn"
Tom ormai è guarito, e porta la pallottola al collo attaccata alla catena dell'orologio, e guardare sempre che ora è, così non mi resta più niente da scrivere, e ne sono proprio contento forte, perché se sapevo che fatica si faceva a scrivere un libro mica mi ci mettevo, e adesso la pianto. Ma secondo me è meglio che parto per i Territori Indiani prima degli altri, perché la zia Sally dice che vuo [continua...]
Categoria: Narrativa
Jonathan Safran Foer, "Se niente importa"
"Il peggio arrivò verso la fine. Moltissime persone morirono proprio alla fine, e io non sapevo se avrei resistito un altro giorno. Un contadino, un russo, Dio lo benedica, vide in che stato ero, entrò in casa e ne uscì con un pezzo di carne per me". "Ti salvò la vita". "Non lo mangiai [...] Era maiale. Non ero disposta a mangiare maiale". "Perché? [...] Perché non era kosher?". "Certo". "Ma neppu [continua...]
Categoria: Narrativa
Isaac Bashevis Singer, "N.D."
Gli scrittori possono stimolare la mente, ma non possono dirigerla. Il tempo cambia le cose, Dio cambia le cose, i dittatori cambiano le cose, ma gli scrittori non possono cambiare nulla.
Categoria: Narrativa
Ernest Hemingway, "Avere e non avere"
Qualcuno ricorreva alla tradizione indigena della Colt o della Smith and Wesson; quei ben studiati arnesi che pongono fine all'insonnia, cancellano i rimorsi, curano il cancro, evitano la bancarotta e aprono una tonante via d'uscita da situazioni intollerabili con la pressione di un dito; quei miserabili strumenti americani così facili da trasportare, di così sicuro effetto, così indicati per porr [continua...]
Categoria: Narrativa
Ernest Hemingway, "Avere e non avere"
"Sa, sono un uomo fortunato, veramente fortunato. "Perché?" chiese Richard Gordon. "Sono pazzo" disse Spellman. "Gesù. Che meraviglia. E' proprio come essere innamorati, solo che va sempre a finir bene".
Categoria: Narrativa
Albert Einstein, "Lettera alla moglie Mileva"
Mileva, queste sono le mie condizioni:A. Ti assicurerai che:1. i miei vestiti e il mio bucato siano sempre tenuti in buon ordine.2. che riceverò i miei tre pasti regolarmente e nella mia stanza.3. che la mia stanza e il mio studio siano sempre puliti, e specialmente che il mio tavolo sia riservato al mio esclusivo utilizzo.B. Rinuncerai a tutte le relazioni personali con me, a meno che non siano s [continua...]
Categoria: Motto
Sigmund Freud, "N.D."
A volte un sigaro è solo un sigaro.
Categoria: Motto
Stephen Jay Gould, "Questa idea della vita. La sfida di Charles Darwin"
L'estinzione è il destino della gran parte delle specie, generalmente a causa della loro incapacità di adattarsi abbastanza rapidamente ai cambiamenti climatici o alla competizione. L'evoluzione darwiniana esclude che un animale possa sviluppare attivamente una struttura dannosa, ma non può garantire che strutture utili continuino ad essere vantaggiose in circostanze ambientali mutate.
Categoria: Scienze
Maometto, "N.D."
I cattivi pensieri scorrono negli esseri umani come il sangue nelle vene.
Categoria: Filosofia
Maometto, "Corano"
E non disputate con la Gente del Libro [Ebrei e Cristiani] se non nel modo migliore.
Categoria: Filosofia
Stephen Jay Gould, "Questa idea della vita. La sfida di Charles Darwin"
Dovremmo forse apprezzare meno la bellezza della natura perché dietro la sua armonia non c'è alcun disegno? Il potenziale della mente dovrebbe smettere di ispirarci rispetto e timore perché nei nostri crani si trovano diversi miliardi di neuroni?
Categoria: Scienze
Richard Dawkins, "Il Gene Egoista"
Una macchina da sopravvivenza deve prendere due tipi di decisione completamente diverse, quelle relative alla procreazione e quelle relative alla cura. Uso la parola "decisione" per indicare mosse strategiche inconsce.
Categoria: Scienze
Ralph Sonny Barger, "Let's Ride"
Il mio obiettivo è trasformarvi in motociclisti per il resto della vostra vita .
Categoria: Narrativa
Joe Haldeman, "Ponte Mentale"
Più in generale, il problema consisteva nel fatto che, qualunque cosa si volesse fare, bisognava consumare energia. E prelevare energia in qualunque modo dalla Terra - fosse carbone, uranio, o energia idroelettrica - avrebbe sempre avuto qualche effetto sull'ecologia della Terra medesima. E per rimediare ai guasti all'ecologia occorreva altra energia. E così di seguito.
Categoria: Narrativa
Ernest Hemingway, "Il Vecchio e il Mare"
E' un pesce grosso e devo vincerlo, pensò. Devo impedirgli di rendersi conto della sua forza e di quello che potrebbe fare fuggendo. Se fossi al suo posto, è adesso che ce la darei tutta e andrei avanti finché non si spaccasse qualcosa. Ma grazie a Dio non sono così intelligenti come noi che li uccidiamo; anche se sono più nobili e più capaci.
Categoria: Narrativa
Richard Dawkins, "Il Gene Egoista"
All’inizio era la semplicità. È abbastanza difficile spiegare come inizi un universo anche semplice e penso che tutti siano d’accordo sul fatto che sarebbe ancora più difficile spiegare l’improvvisa comparsa di un ordine complesso – la vita – perfettamente strutturato, o di un essere capace di creare la vita. La teoria darwiniana dell’evoluzione per selezione naturale è soddisfacente perché ci mos [continua...]
Categoria: Scienze
Richard Dawkins, "Il Gene Egoista"
È ormai invalsa, tra i biologi, questa abitudine di parlare di un animale o di una pianta, o di un gene, come se cercasse consapevolmente il modo migliore di aumentare il proprio successo [...]. È un linguaggio di comodo che non è dannoso, a meno che non capiti fra le mani di persone che non sono in grado di capirlo. O forse sono così in grado che lo capiscono male? Ad esempio, non riesco a trovar [continua...]
Categoria: Scienze
Richard Dawkins, "Il Gene Egoista"
Un feto umano, che ha sentimenti quanti ne può avere un'ameba, gode di una venerazione e di una protezione legale molto maggiore di quella che viene concessa a una scimpanzé adulto. Il feto appartiene alla nostra specie e per questo motivo automaticamente riceve privilegi e diritti speciali. Se sia possibile porre l'etica dello "specismo" su di un terreno logico più saldo di quello del "razzismo" [continua...]
Categoria: Scienze
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Quando negli anni Quaranta del secolo scorso iniziò l’era nucleare, furono fatte molte previsioni circa il futuro nucleare dell’anno 2000. Quando lo Sputnik e l’Apollo 11 infiammarono l’immaginazione del mondo, tutti cominciarono a predire che per la fine del secolo gli uomini sarebbero vissuti in colonie spaziali su Marte e Plutone. Ben poche di queste previsioni sono diventate realtà. D’altro ca [continua...]
Categoria: Filosofia
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Nell’anno 2000 le guerre hanno causato la morte di 310.000 individui e i crimini violenti altri 520.000. Ciascuna di queste vittime, naturalmente, rappresenta la distruzione di un mondo e la rovina di una famiglia, ferite che rimangono aperte nella vita di amici e parenti. Tuttavia, da un punto di vista macro, queste 830.000 vittime hanno rappresentato solo l’1,5 per cento dei 56 milioni di indivi [continua...]
Categoria: Filosofia
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Una comunità immaginata è una comunità di persone che in realtà non si conoscono tra di loro, ma credono di conoscersi. Tali comunità non sono un’invenzione nuova.I due esempi più importanti che illustrano la nascita di tali comunità immaginate sono la nazione e la tribù dei consumatori. La nazione è la comunità immaginata dello stato. La tribù dei consumatori è la comunità immaginata del mer [continua...]
Categoria: Filosofia
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
La storia dell'etica è una triste rassegna di splendidi ideali cui nessuno è riuscito a tener fede. La maggior parte dei cristiani non ha imitato Cristo, la maggior parte dei buddhisti non ha seguito l’esempio di Buddha e la maggior parte dei confuciani avrebbero fatto venire uno scatto di nervi a Confucio.
Categoria: Filosofia
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
La scoperta dell’America fu l’evento fondativo della Rivoluzione scientifica. Non solo insegnò agli europei a mettere in maggior rilievo le osservazioni attuali rispetto alle tradizioni del passato. Il desiderio di conquista spinse a cercare nuove conoscenze senza perder tempo. Se gli europei volevano davvero il controllo di nuovi vasti territori, dovevano raccogliere enormi quantità di dati circa [continua...]
Categoria: Filosofia
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Nell’anno 1500 vivevano nell’intero mondo 500 milioni di Homo sapiens. Oggi ce ne sono 7 miliardi68. Il valore totale di beni e servizi prodotti dall’umanità nell’anno 1500 è stimato intorno a 250 miliardi di dollari al valore attuale69. Oggi il valore annuale della produzione umana è vicino ai 60 miliardi di miliardi di dollari70. Nel 1500 l’umanità consumava circa 13 miliardi di miliardi di calo [continua...]
Categoria: Filosofia
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Il cristiano medio crede nel Dio monoteistico, ma anche nel Diavolo dualistico, nei santi politeistici e negli spiriti animistici.
Categoria: Filosofia
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Neppure una cultura completamente isolata che si trovi in un ambiente ecologicamente stabile può essere del tutto esente dal cambiamento. A differenza delle leggi della fisica, che sono prive di ogni contraddizione interna, ogni ordine costruito dall’uomo è pieno di potenziali smentite. Le culture cercano costantemente di conciliare queste contraddizioni, e tale processo alimenta il cambiamento.Ma [continua...]
Categoria: Scienze
Jared Diamond, "Il mondo fino a ieri. Che cosa possiamo imparare dalle società tradizionali?"
Le società in cui vive la maggior parte dei lettori di questo libro rappresentano soltanto una piccola fetta della diversità culturale umana, ma occupano una posizione dominante nella gerarchia planetaria: ciò non si deve a una loro intrinseca superiorità, bensí a fattori specifici come la supremazia tecnologica, politica e militare raggiunta grazie alla precoce introduzione dell’agricoltura, a su [continua...]
Categoria: Scienze
Jared Diamond, "Il mondo fino a ieri. Che cosa possiamo imparare dalle società tradizionali?"
In tutto il mondo il consumo medio giornaliero di sale pro capite si aggira fra i 9 e i 12 grammi, il range è compreso tra i 6 e i 20 e i livelli più alti in assoluto si registrano in Asia.Il fatto è che in passato il problema per l'uomo non era eliminare il sodio, ma assumerne abbastanza, perché la maggior parte dei vegetali ne contiene pochissimo, mentre tutti i fluidi extracellulari animali ne [continua...]
Categoria: Scienze
Jared Diamond, "Il mondo fino a ieri. Che cosa possiamo imparare dalle società tradizionali?"
La vita è semplicemente una cosa che succede.
Categoria: Scienze
Jared Diamond, "Il mondo fino a ieri. Che cosa possiamo imparare dalle società tradizionali?"
Siamo convinti che certi comportamenti (bere a una certa sorgente, non lavarsi le mani prima di mangiare) possano causare malattie, mentre altri (sollecitare la protezione di un certo spirito) non possano. Tuttavia non ci piace sentirci dire che abbiamo il cancro allo stomaco perché abbiamo ereditato la variante 211 del gene PX2R: la spiegazione non ci soddisfa, ci trasmette un senso di impotenza, [continua...]
Categoria: Scienze
Jared Diamond, "Il mondo fino a ieri. Che cosa possiamo imparare dalle società tradizionali?"
Sono esistite migliaia di religioni umane, diverse tra loro fuorché per quest'unica caratteristica: i seguaci di ciascuna fede sono convinti che soltanto la loro religione sia autentica, e tutte le altre false. Da cui si deduce, in ultima analisi, che tutte le religioni sono false.
Categoria: Scienze
Jared Diamond, "Il mondo fino a ieri. Che cosa possiamo imparare dalle società tradizionali?"
Verrebbe spontaneo immaginare che gli stili di vita tradizionali siano generalmente più pericolosi del nostro, il che spiegherebbe la differenza in termini di aspettativa di vita. In realtà questo divario ha cominciato a profilarsi soltanto in tempi recenti, a partire da circa 400 anni or sono, quando cioé i governi statali iniziarono a prendere provvedimenti per ridurre l'impatto delle carestie, [continua...]
Categoria: Scienze
Jared Diamond, "Il mondo fino a ieri. Che cosa possiamo imparare dalle società tradizionali?"
Lo stile di vita dei cacciatori-raccoglitori ha funzionato tutto sommato abbastanza bene per i quasi centomila anni di storia del comportamento umano moderno. Fino alle origini localmente diversificate dell'agricoltura, circa 11.000 anni fa, tutti gli abitanti del pianeta erano cacciatori e raccoglitori, e fino ad appena 5.400 anni fa nessuno di essi era mai vissuto sotto il governo di uno stato. [continua...]
Categoria: Scienze
Bibbia, "Ecclesiaste"
Ogni discorso resta a mezzo, perché l'uomo non riesce a concluderlo. L'occhio non si sazia di ciò che vede, né l'orecchio si riempie di ciò che ode.Ecclesiaste 1,8
Categoria: Filosofia
Jared Diamond, "Il mondo fino a ieri. Che cosa possiamo imparare dalle società tradizionali?"
La diffusa abitudine a negare la guerra di tipo tradizionale tradisce tuttavia una certa riluttanza ad accettare le prove della sua portata ed esistenza: perché?I motivi possono essere molti. [...] Un'altra ragione è che, ansiosi di liberarsi delle popolazioni indigene, alcuni stati o governi coloniali puntano a conquistarle, a cacciarle dalle loro terre e a chiudere un occhio sul loro sterminio: [continua...]
Categoria: Scienze
William Tecumseh Sherman, "N.D."
La guerra è crudeltà e non si può purificarla. Non stiamo combattendo solo contro armate ostili ma contro un intero popolo ostile, e dobbiamo far sentire la dura mano della guerra a giovani e vecchi, a ricchi e poveri. Noi non possiamo cambiare la testa ai sudisti, ma possiamo far conoscere loro una guerra così terribile... da renderli talmente stanchi e disgustati, che prima che tornino a farvi r [continua...]
Categoria: Scienze
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Come possiamo distinguere ciò che è biologicamente determinato da ciò che cerchiamo di giustificare tirando in ballo miti biologici? Una buona regola dice: "La biologia consente, la cultura proibisce". Da un punto di vista biologico, niente è innaturale. Tutto quello che è possibile è, per definizione, anche naturale.In verità, i nostri concetti di "naturale" e "innaturale" non sono ricavati dalla [continua...]
Categoria: Scienze
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Le società estese riscontrate in alcune altre specie, come formiche e api, sono stabili e resiliente perché la maggior parte delle informazioni di cui hanno bisogno per sostenersi sono codificate nel genoma.Dato che l'ordine sociale dei Sapiens è [invece] frutto di un'astrazione, gli umani non possono preservare le informazioni necessarie a riprodurlo facendo semplicemente replica del DN [continua...]
Categoria: Scienze
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Il passaggio all'agricoltura ebbe inizio in un periodo compreso fra il 9500 e l'8500 a.C. Ancora oggi oltre il 90% delle calorie che nutrono l'umanità proviene da una manciata di piante che gli antenati hanno domesticato tra il 9500 e il 3500 a.C.: frumento, riso, mais, patate, miglio e orzo. Negli ultimi due millenni nessuna specie animale o vegetale è stata domesticata. Se le nostre menti sono q [continua...]
Categoria: Scienze
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
La psicologia evoluzionistica, che è un ambito in piena espansione, sostiene che molte caratteristiche sociali e psicologiche del nostro tempo si siano modellate nel corso di questa lunga era preagricola. Ad esempio, come mai ci si ingozza di cibo ipercalorico, che non giova certo ai nostri corpi? Nelle moderne società opulente l'obesità è ormai un flagello. E' difficile capire perché ci abbuffiam [continua...]
Categoria: Scienze
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Solo Homo Sapiens può parlare di cose che non esistono veramente e mettersi in testa storie impossibili appena sveglio. Non riuscirete mai a convincere una scimmietta a darvi una banana promettendole che nel paradiso delle scimmiette, dopo morta, avrà tutte le banane che vorrà. Ma come mai [questa finzione] è così importante?Il punto è che la finzione ci ha consentito non solo di immaginare l [continua...]
Categoria: Scienze
Richard Dawkins, "L'orologiaio cieco"
Un ateo prima di Darwin avrebbe potuto dire, seguendo Hume: "Io non ho alcuna spiegazione per il complesso disegno biologico. Tutto ciò che so è che Dio non è una buona spiegazione, cosicché dobbiamo attendere e sperare che qualcuno ne trovi una migliore". Io non posso fare a meno di pensare che una tale posizione, per quanto logicamente sana, non potesse essere soddisfacente e che, per quanto l'a [continua...]
Categoria: Scienze
Amos Oz, "Giuda"
Gershom Wald disse: "La vita è um'ombra che passa. Anche la morte è un'ombra che passa. Solo il dolore non passa. Dura. Per sempre".
Categoria: Narrativa
Bibbia, "Ecclesiaste"
e ho trovato una cosa più amara della morte: la donna il cui cuore è lacci e reti, e le cui mani sono catene. Chi è gradito a DIO le sfugge, ma il peccatore sarà preso da lei.Ecclesiaste 7,26
Categoria: Filosofia
Amos Oz, "Giuda"
Ebraismo e Cristianesimo, compreso anche l'Islam, trasudano tutti e tre nettare di bontà e pietà e compassione solo fintanto che non hanno per le mani sbarre e manette, potere, cantine di tortura e patiboli. Tutte queste fedi, comprese quelle sorte di recente, moderne, che continuano a incantare così tanti cuori, sono venute tutte per salvarci e ben presto spargono il nostro sangue. Non che il mon [continua...]
Categoria: Narrativa
Ernst Junger, "Il tenente Sturm"
La guerra era una nebbia originaria di possibilità psichiche, carica di sviluppi; chi tra i suoi effetti riconosceva solo l'elemento rozzo, barbarico coglieva, di un complesso gigantesco, un solo attributo, con l'identico arbitrio ideologico di chi vi vedeva soltanto il carattere eroico e patriottico.
Categoria: Narrativa
Tim O'Brien, "Le cose che portiamo"
La verità del racconto è a volte più vera della verità dell'accaduto.
Categoria: Narrativa
Tim O'Brien, "Le cose che portiamo"
Si può sostenere che la guerra è mostruosa. Ma in verità la guerra è anche bellezza. Nonostante tutto il suo orrore, non puoi che restare a bocca aperta di fronte alla terribile maestosità del combattimento.
Categoria: Narrativa
Tim O'Brien, "Le cose che portiamo"
Una storia di guerra vera non è mai morale. Non ammaestra, non incoraggia la virtù, non propone modelli di corretto comportamento, non trattiene gli uomini dal fare le cose che gli uomini hanno sempre fatto. Se una storia di guerra ti sembra morale, non crederci. Non c'è alcuna rettitudine. Non c'è virtù. Come prima regola empirica, dunque, puoi riconoscere una storia di guerra vera dalla sua asso [continua...]
Categoria: Narrativa
Bostro-X, "N.D."
Piove per due mesi poi viene il bel tempo e i fiumi sono pieni e c'è il sole e il caldo e allora tu, dopo aver lavorato col pubblico, in ufficio per il pubblico, rifatto i siti internet, sistemate le documentazioni, tagliata la siepe e rastrellato e pulito e raccolto e buttato, dicevo tu vieni a lavorare in moto in modo che finalmente oggi, che dicevo c'è il sole e il bel tempo e il caldo, oggi di [continua...]
Categoria: Bostro
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
Rispetto ai politeisti, i monoteisti mostrarono la tendenza a essere molto più fanatici e inclini al proselitismo. Una religione che riconosca la legittimità di altre fedi ammette implicitamente o che la propria divinità non è il potere supremo dell'universo, oppure di aver ricevuto da Dio soltanto una parte della verità universale. Poiché i monoteisti hanno di norma creduto di essere i detentori [continua...]
Categoria: Scienze
Yuval Noah Harari, "Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità"
"29.086 misure orzo 37 mesi Kushim". La più probabile lettura di questa frase è: "Un totale di 29.086 misure di orzo è stato ricevuto nel corso di 37 mesi. Firmato, Kushim". Ahimè, i primi testi della storia non contengono pensieri filosofici né poesie, leggende, leggi o cronache sul trionfo di qualche sovrano. Sono banali documenti economici, registrazioni di pagamenti di tasse, conteggi di debit [continua...]
Categoria: Scienze

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima