Vedi figliolo, è la tua testa che fa il bar. Non il contrario. (N.D.)

Citazioni, aforismi, motti di Filosofia

CONSULTA L'ELENCO DI TUTTI GLI AUTORI DI CITAZIONI, AFORISMI, MOTTI

CATEGORIA

TUTTE LE CITAZIONI
Filosofia
Motto
Narrativa
Scienze

Autori:

TUTTE LE CITAZIONI
Albert Camus
Aldoux Huxley
Anassimandro
Arthur Schopenhauer
Blaise Pascal
Christopher Hitchens
David Hume
Donald Davidson
Emanuele Severino
Emil Cioran
Friedrich Nietzsche
G. W. Friedrich Hegel
Giulio Cesare Vanini
Herbert Marcuse
Ignazio di Loyola
Immanuel Kant
Jean Paul Sartre
Linneo
Ludwig Wittgenstein
Mark Rowlands
Massimo Marchiori
Max Stirner
Michael Dummett
Oswald Spengler
Otto Weininger
Paul Valery
Paul Watzlawick
René Descartes
Soren Kierkegaard
Spinoza
Stephen King
Sun Tzu
Theodor W. Adorno
Thomas Hobbes
Thomas Paine
 
Puoi anche effettuare una ricerca per autore/libro/citazione:

Ultime 30 citazioni inserite

OPPURE VUOI VEDERE LE ULTIME 5?
Stephen King, "Carrie"
CARRIE WHITE STA BRUCIANDO PER I SUOI PECCATI: DIO NON FALLISCE MAI.

Soren Kierkegaard, "Timore e Tremore"
La fede comincia appunto là dove la ragione finisce.

Immanuel Kant, "Critica della Ragion Pura"
Essere, manifestamente, non è un predicato reale, cioè un concetto di qualche cosa che si possa aggiungere al concetto di una cosa. Essere è semplicemente la posizione di una cosa ? di certe determinazioni in se stesse. Nell'uso logico è unicamente la copula di un giudizio. Il giudizio: Dio è onnipotente, contiene due concetti, che hanno i loro oggetti: Dio è onnipotenza: la parolina "è" non è anc [continua...]

Giulio Cesare Vanini, "Amphitheatrum aeternae Providentiae"
Se Dio non volesse che nel mondo avessero luogo le peggiori e le più indegne azioni, senza alcun dubbio egli, con un solo cenno, caccerebbe e bandirebbe dai confini del mondo tutte le azioni ignominiose: chi di noi può opporre resistenza alla volontà divina? Come si può pensare che i delitti vengano commessi contro la volontà di Dio, se egli dà agli scellerati, nel momento di commettere un delitto [continua...]

Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Quando mi hanno chiesto se sapessi qualcosa del suo lavoro tra i poveri, se l'avessi mai conosciuto, ho risposto che avevo camminato con lei per Calcutta e che ero arrivato alla conclusione che fosse non tanto un'amica dei poveri quanto della povertà. Lodava la povertà, la malattia e la sofferenza come doni dall'alto e diceva alle persone di accettare questi doni con gioia. Era adamantinamente con [continua...]

Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Il progetto è giudicare la reputazione di Madre Teresa in base alle sue azioni e alle sue parole anziché le sue azioni e le sue parole in base alla sua reputazione.

Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Cara Madre Teresa, sono un vice procuratore distrettuale della Contea di Los Angeles, e uno dei rappresentanti della pubblica accusa nel processo contro il suo benefattore, Charles H. Keating Jr. Ho letto al giudice Ito la lettere che lei ha scritto a favore di Mr. Keating, e in cui ammette di non sapere nulla né delle sua attività né delle accuse di reato a suo carico presentate al giudice Ito. L [continua...]

Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Tenete presente che le entrate complessive di Madre Teresa bastano e avanzano per attrezzare svariati ambulatori di prim'ordine nel Bengala. La decisione di non farlo, e di gestire invece un centro improvvisato e inefficiente che rischierebbe denunce e proteste se fosse diretto da qualsiasi branca della professione medica, è deliberata. Lo scopo non è quello di dare un'onesta assistenza ai soffere [continua...]

Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
La mia prima impressione fu quella di tutte le fotografie e i filmati che avevo visto di Belsen e posti del genere, perché tutti i pazienti avevano la testa rasata. Non c'erano sedie, solo barelle. Sono dello stesso tipo di quelle usate durante la prima guerra mondiale. Non c'è un giardino, nemmeno un cortile. Niente di niente. Allora mi chiesi: che cos'è questo posto? [continua...]

Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Ci sono dei medici che si fanno vivi di quando in quando, ma di solito le suore e i volontari (alcuni dei quali possiedono qualche rudimento di medicina) prendono le decisioni come meglio possono. Ho visto un giovane che era stato accolto in brutte condizioni con febbre alta: gli erano stati prescritti tetraciclina e paracetamolo. Successivamente, un medico venuto in visita gli aveva diagnosticato [continua...]

Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
MUGGERIDGE: Quindi lei non sarebbe d'accordo con quanti sostengono che in India ci sono troppi bambini? MADRE TERESA: No, non sono d'accordo perchè Dio provvede sempre. Provvede per i fiori e gli uccelli, per tutte le cose del mondo che ha creato. E quei piccoli bambini sono la sua vita. Non potranno mai essercene abbastanza. Se fosse vero che Dio "provvede sempre" allora, ovviamente, tanto per [continua...]

Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Madre Teresa ha una teoria della povertà, che è anche una teoria della sottomissione e della gratitudine. Ha una teoria del potere, derivata dalle trascurate parole di San Paolo sulle autorità costituite, che "sono stabilite da Dio". E', infine, l'inviata di un papato risoluto e politicizzato. I suoi viaggi per il mondo non sono gli itinerari di una pellegrina, bensì una campagna che si conforma a [continua...]

Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Guardiamo allora di nuovo la fotografia di Madre Teresa serrata in un abbraccio sororale con Michèle Duvalier, una delle donne più ciniche, frivole e corrotte del mondo moderno, un sepolco imbiancato e una parassita dei poveri. L'immagine e il suo contesto rivelano Madre Teresa per quella che è: una fondamentalista religiosa, un'attivista politica, una predicatrice primitiva e una complice di pote [continua...]

Arthur Schopenhauer, "Parerga e Paralipomena"
La religione può dunque venir paragonata ad uno che prende per mano un cieco e lo guida dove questi non può vedere, nel qual caso l'essenziale è che il cieco raggiunga la propria meta, e non ch'egli veda ogni cosa. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
La religione non ha ormai più scusanti. Grazie al telescopio e al microscopio, non fornisce più alcuna spiegazione di qualche importante. Mentre un tempo, grazie all’assoluto controllo che esercitava su una visione del mondo, era in grado di prevenire il sorgere di rivali, oggi può solo impedire e ritardare - o cercare di far regredire - i cospicui progressi che abbiamo fatto. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Da Socrate, in ogni caso possiamo imparare [...] che il credente dogmatico può facilmente essere messo fuori gioco e ridicolizzato da qualcuno che faccia mostra di prendere i suoi insegnamenti alla lettera. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Socrate sul letto di morte, condannato a bere la cicuta, parlò di una possibile vita nell’aldilà. Ma anche in quel momento egli non mancò di distinguersi aggiungendo che poteva anche non essere così. La questione, come sempre, meritava di essere indagata. La ricerca filosofica comincia là dove finisce la religione, proprio come, per similitudine, la chimica e l’astronomia iniziano quando vengono m [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Se non posso dimostrare in maniera definitiva che l’utilità della religione è ormai cosa del passato, che i suoi testi fondamentali sono palesemente delle favole, che essa è una impostura prodotta dall’uomo, che è stata nemica della scienza e della ricerca, che si è basasta in gran parte su menzogne e paure ed è stata complice di crimini e ignoranza così come dello schiavismo, di genocidi, razzism [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Come se nel mondo mussulmano non ci fossero già ignoranza e repressione a sufficienza tra i giovani maschi, sovente isolati da ogni compagnia femminile, indotti a disprezzare madri e sorelle, e sottoposti a istupidenti e ripetitive recitazioni del Corano. Avendo conosciuto alcuni dei prodotti di questo sistema “educativo”, in Afghanistan e altrove, posso solo ribadire che il loro problema non è ta [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Domandatevi quanto sia morale ciò che segue: mi viene raccontato di un sacrificio umano che ebbe luogo duemila anni fa, senza che io lo volessi e in circostanze talmente orribili che, se fossi stato presente e ne avessi avuta la possibilità, mi sarei sentito in dovere di impedirlo. In conseguenza di questo assassinio, i miei molteplici peccati vengono perdonati e io posso ambire alla vita eterna. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Coloro che hanno a noia le tradizionali religioni della “Bibbia”, e cercano l’illuminazione attraverso una qualche forma di dissoluzione delle proprie facoltà critiche nel nirvana, farebbero bene a stare attenti. Forse pensano di lasciare il regno del disprezzato materialismo, ma qui viene anche chiesto loro di mettere a tacere la ragione e di buttare via, insieme ai sandali, le proprie teste. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Quella umana è una specie animale senza grandi varietà al suo interno, ed è sciocco e futile credere che un viaggio in Tibet, ad esempio, possa svelare un modo radicalmente diverso di essere in armonia con la natura o con l’eterno. Il Dalai Lama, per fare un esempio, si può tranquillamente considerare un laico. Esattamente come un principe medievale, egli rivendica non solo l’indipendenza del Tibe [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Quando i preti si mettono sulla via del male, lo fanno in maniera estrema e commettono crimini che farebbero impallidire un comune peccatore. Si preferisce attribuire ciò alla repressione sessuale piuttosto che alle dottrine che essi predicano; tuttavia, una di queste dottrine predica proprio la repressione sessuale… [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Non è forse vero che tutte le religioni nel corso dei secoli hanno mostrato un acuto interesse per l’accumulazione di beni materiali nel mondo reale?

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Ciò che può essere affermato senza prove può anche essere lasciato cadere senza prova.

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
La Santità di Madre Teresa [rafforza la tesi di lei] come di una persona la cui intercessione può fare meglio della medicina. La cosa non è solo uno scandalo in sé, ma allontanerà ulteriormente il momento in cui i contadini indiani cesseranno di avere fiducia nei mediconi e nei fachiri. In altre parole, molte persone morranno senza necessità in conseguenza di questo “miracolo” spregevole e fasullo [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Ogni tanto c’è gente che dice di vedere piangere o sanguinare statue di vergini o di santi. Se anche non potessi farvi conoscere facilmente persone in grado di produrre a tempo perso questo identico effetto con del grasso di porco o con altri materiali, mi domanderei comunque perché una divinità dovrebbe abbassarsi a produrre effetti tanto meschini. [...] I miracoli su suppone avvengano per imperi [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Si può stabilire una diretta linea di sangue col Profeta se si è tanto fortunati da conoscere il giusto imam locale, e se si è in grado di pagarlo.

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Tutte le religioni si preoccupano di mettere a tacere o addirittura a morte coloro che le pongono in discussione. E’ passato comunque un certo tempo da quando giudaismo e cristianesimo ricorrevano apertamente alla tortura e alla censura. Non solo l’Islam cominciò col condannare al fuoco eterno tutti coloro che dubitavano, ma pretende ancora il diritto di agire così in quasi tutti i suoi domini, e [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Con questo voglio dire che dovremmo essere felici che nessun mito religioso racchiuda una qualsivoglia verità. La Bibbia contiene giustificazioni per il traffico di esseri umani, per la pulizia etnica, per la schiavitù, per il prezzo della sposa, per il massacro indiscriminato, ma non siamo tenuti a nulla di ciò perché si tratta di pratiche di mammiferi umani rozzi e privi di cultura. [continua...]


ELENCO CITAZIONI E AFORISMI, ORDINE PER AUTORE/LIBRO

Albert Camus, "Il mito di Sisifo"
L'abisso che c'è fra la certezza che io ho della mia esistenza e il contenuto che tento di dare a questa sicurezza, non sarà mai colmato.

Aldoux Huxley, "Collected Essays - Case of voluntary ignorance"
Il fatto che gli uomini non imparino molto dalla storia è la lezione più importante che la storia ci insegna.

Aldoux Huxley, "Le porte della percezione"
La maggioranza dei consumatori di mescalina sperimentano solo la parte celestiale della schizofrenia. La droga porta inferno e purgatorio solo a coloro che abbiano avuto di recente l'itterizia, oppure che soffrano di depressioni periodiche o di ansietà cronica. Se, come le altre droghe molto più potenti al paragone, la mescalina fosse notoriamente tossica, il prenderne sarebbe sufficiente, per se [continua...]

Aldoux Huxley, "Le porte della percezione"
Noi viviamo insieme, agiamo e reagiamo gli uni agli altri; ma sempre, in tutte le circostanze, siamo soli. I martiri quando entrano nell'arena si tengono per mano; ma vengono crocifissi soli. Allacciati, gli amanti cercano disperatamente di fondere le loro estasi isolate in una singola autotrascendenza; invano. Per la sua stessa natura, ogni spirito incarnato è condannato a soffrire e godere in so [continua...]

Aldoux Huxley, "Le porte della percezione"
Che l'umanità in genere sarà mai in grado di fare a meno dei Paradisi Artificiali, sembra molto improbabile. La maggior parte degli uomini e delle donne conduce una vita, nella peggiore delle ipotesi così penosa, nella migliore così monotona, povera e limitata, che il desiderio di evadere, la smania di trascendere se stessi, sia pure per qualche momento, è, ed è stato sempre, uno dei principali bi [continua...]

Anassimandro, "N.D."
Onde è la nascita per le cose che esistono, lì si compie anche la loro dissoluzione secondo necessità.

Arthur Schopenhauer, "Aforismi sulla saggezza del vivere"
All'uomo intellettualmente dotato la solitudine offre due vantaggi: prima di tutto quello di essere con sé stesso e, in secondo luogo, quello di non essere con gli altri.

Arthur Schopenhauer, "Aforismi sulla saggezza del vivere"
Per quanto l'amicizia, l'amore e il matrimonio uniscano gli uomini strettamente, in fondo ciascuno è interamente onesto soltanto con se stesso.

Arthur Schopenhauer, "Il mondo come volontà e rappresentazione"
Ora, è difficilissimo raggiungere e menare a compimento alcunché: a ogni novero proposito contrastano difficoltà e fatiche senza fine, e a ogni passo si accumulano gli ostacoli. Quando poi finalmente tutto è superato e raggiunto, nient'altro ci si può guadagnare, se non d'essere liberati da una sofferenza, o da un desiderio: quindi ci si trova come prima del loro inizio, e non meglio. Direttamente [continua...]

Arthur Schopenhauer, "Il mondo come volontà e rappresentazione"
L'uomo, come la più compiuta oggettivazione [... della ...] volontà, è per conseguenza anche il più bisognoso di tutti gli esseri: è in tutto e per tutto un volere, un abbisognare reso concreto, è il concremento di mille bisogni. Con questi egli sta sulla terra, abbandonato a se stesso, incerto di tutto fuor che della propria penuria e delle proprie necessità: l'ansia per la conservazione di quell [continua...]

Arthur Schopenhauer, "Il mondo come volontà e rappresentazione"
Noi vogliamo piuttosto liberamente dichiarare: quel che rimane dopo la soppressione completa della volontà è invero, per tutti coloro che della volontà ancora son pieni, il nulla. Ma viceversa per gli altri, in cui la volontà si è rivolta da se stessa e rinnegata, questo nostro universo tanto reale, con tutti i suoi soli e le sue vie lattee, è - il nulla. [continua...]

Arthur Schopenhauer, "Il Mondo come Volontà e Rappresentazione"
Il nucleo e lo spirito più profondo del cristianesimo è identico a quello del bramanesimo e del buddismo: tutti insegnano la grave colpa della razza umana causata dalla sua semplice esistenza.

Arthur Schopenhauer, "N.D."
Io so bene che mi sentirò ripetere che la mia filosofia è disperata; ma solo perché io parlo secondo verità, e gli uomini vogliono sentire invece le lodi di Dio che ha ordinato il tutto secondo il meglio. Ma allora andate in chiesa e lasciate i filosofi in pace. [continua...]

Arthur Schopenhauer, "N.D."
Quanto più uno possiede in se stesso, di tanto meno egli necessita del mondo esterno. Ecco perché la superiorità dello spirito rende poco socievoli

Arthur Schopenhauer, "Parerga e Paralipomena"
La religione può dunque venir paragonata ad uno che prende per mano un cieco e lo guida dove questi non può vedere, nel qual caso l'essenziale è che il cieco raggiunga la propria meta, e non ch'egli veda ogni cosa. [continua...]

Blaise Pascal, "Pensieri"
La nostra natura consiste nel movimento. La quiete assoluta è la morte.

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Lo si deve dire chiaramente. La religione proviene dalla preistoria umana quando nessuno avedva la minima idea di come le cose funzionassero. Essa ci arriva dall’infanzia vociante e timorosa della nostra specie, ed è un tentativo puerile di dare risposta al nostro ineludibile bisogno di conoscenza (e anche di calore, di rassicurazione e di altri bisogni infantili). Oggi, il meno istruito dei miei [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
La fede religiosa è inestirpabile, appunto perché siamo creature ancora in evoluzione. Non si estinguerà mai, o almeno non si estinguerà finché non vinceremo la paura della morte, del buio, dell'ignoranza e degli altri. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Violente, irrazionali, intolleranti, alleate al razzismo e al tribalismo e alla bigotterie, gravide di ignoranza e ostili alla libera ricerca, spregiatrici delle donne e coercitive con i bambini: le religioni organizzate dovrebbero avere molto sulla coscienza. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Qui, ancora una volta, possiamo riscontrare la madornale fallacia umana che informa la storia della nostra Genesi. Come si può provare, e in un solo versetto, che questo libro è stato scritto da uomini ignoranti e non da qualche dio? Perché all’uomo è concesso il dominio su tutti gli animali, gli uccelli e i pesci. E lasciando da parte la loro singolare e immediata creazione, non si citano né dino [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Non abbiamo più bisogno di un dio per spiegare ciò che non è più misterioso. Cosa faranno i credenti, adesso che la loro fede è opzionale, privata e irrilevante, è un problema loro. Noi non dovremmo occuparcene, a meno che non facciano ulteriori tentativi di inculcare la religione con metodi, in qualsiasi modo, coercitivi. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Quella umana è una specie animale senza grandi varietà al suo interno, ed è sciocco e futile credere che un viaggio in Tibet, ad esempio, possa svelare un modo radicalmente diverso di essere in armonia con la natura o con l’eterno. Il Dalai Lama, per fare un esempio, si può tranquillamente considerare un laico. Esattamente come un principe medievale, egli rivendica non solo l’indipendenza del Tibe [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
La religione non ha ormai più scusanti. Grazie al telescopio e al microscopio, non fornisce più alcuna spiegazione di qualche importante. Mentre un tempo, grazie all’assoluto controllo che esercitava su una visione del mondo, era in grado di prevenire il sorgere di rivali, oggi può solo impedire e ritardare - o cercare di far regredire - i cospicui progressi che abbiamo fatto. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Da Socrate, in ogni caso possiamo imparare [...] che il credente dogmatico può facilmente essere messo fuori gioco e ridicolizzato da qualcuno che faccia mostra di prendere i suoi insegnamenti alla lettera. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Socrate sul letto di morte, condannato a bere la cicuta, parlò di una possibile vita nell’aldilà. Ma anche in quel momento egli non mancò di distinguersi aggiungendo che poteva anche non essere così. La questione, come sempre, meritava di essere indagata. La ricerca filosofica comincia là dove finisce la religione, proprio come, per similitudine, la chimica e l’astronomia iniziano quando vengono m [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Se non posso dimostrare in maniera definitiva che l’utilità della religione è ormai cosa del passato, che i suoi testi fondamentali sono palesemente delle favole, che essa è una impostura prodotta dall’uomo, che è stata nemica della scienza e della ricerca, che si è basasta in gran parte su menzogne e paure ed è stata complice di crimini e ignoranza così come dello schiavismo, di genocidi, razzism [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Come se nel mondo mussulmano non ci fossero già ignoranza e repressione a sufficienza tra i giovani maschi, sovente isolati da ogni compagnia femminile, indotti a disprezzare madri e sorelle, e sottoposti a istupidenti e ripetitive recitazioni del Corano. Avendo conosciuto alcuni dei prodotti di questo sistema “educativo”, in Afghanistan e altrove, posso solo ribadire che il loro problema non è ta [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Domandatevi quanto sia morale ciò che segue: mi viene raccontato di un sacrificio umano che ebbe luogo duemila anni fa, senza che io lo volessi e in circostanze talmente orribili che, se fossi stato presente e ne avessi avuta la possibilità, mi sarei sentito in dovere di impedirlo. In conseguenza di questo assassinio, i miei molteplici peccati vengono perdonati e io posso ambire alla vita eterna. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
La religione avvelena ogni cosa.

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Coloro che hanno a noia le tradizionali religioni della “Bibbia”, e cercano l’illuminazione attraverso una qualche forma di dissoluzione delle proprie facoltà critiche nel nirvana, farebbero bene a stare attenti. Forse pensano di lasciare il regno del disprezzato materialismo, ma qui viene anche chiesto loro di mettere a tacere la ragione e di buttare via, insieme ai sandali, le proprie teste. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Quando i preti si mettono sulla via del male, lo fanno in maniera estrema e commettono crimini che farebbero impallidire un comune peccatore. Si preferisce attribuire ciò alla repressione sessuale piuttosto che alle dottrine che essi predicano; tuttavia, una di queste dottrine predica proprio la repressione sessuale… [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Non è forse vero che tutte le religioni nel corso dei secoli hanno mostrato un acuto interesse per l’accumulazione di beni materiali nel mondo reale?

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Ciò che può essere affermato senza prove può anche essere lasciato cadere senza prova.

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Un’ulteriore difficoltà è l’incontestabile tendenza dell’Onnipotente a manifestarsi solo a individui illetterati e di incerta storicità, in aree desertiche del Medio Oriente che furono a lungo patria della venerazione di idoli e della superstizione e in molti casi già zeppe di preesistenti profezie. [continua...]

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Poi c’è la questione saliente di ciò che i comandamenti non dicono. E’ troppo moderno osservare che non c’è niente sulla protezione dei bambini dalla crudeltà, niente sullo stupro, niente sulla schiavitù e niente sul genocidio? O è troppo “pedissequo” notare che alcuni di questi veri e propri crimini sono quasi positivamente raccomandati? Nel versetto 2 del capitolo successivo dio dice a Mosè di i [continua...]


[ Pagina 1 di 8 ] [ Pagina successiva ]
Parental Advisory Bostro.Net
Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti 2011

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia!

Qualsiasi utilizzo non autorizzato dei contenuti pubblicati dal dominio www.bostro.net va segnalato al Bostro e bisogna richiedere la sua autorizzazione.

» www.bostro.net » info[at]bostro.net

» Privacy - Feed RSS
Original Friulano
ORIGINAL FRIULANO!
KTM 990 Adventure Bostro.Net