Condividi su Facebook | Commenta

Citazioni, aforismi, motti da L'inconveniente di essere nati, di Emil Cioran

AUTORE FILTRATO: Emil Cioran
LIBRO FILTRATO: L'inconveniente di essere nati
AL CULMINE DELLA DISPERAZIONE, di Emil Cioran
CONFESSIONI E ANATEMI, di Emil Cioran
IL FUNESTO DEMIURGO, di Emil Cioran
LA TENTAZIONE DI ESISTERE, di Emil Cioran
LACRIME E SANTI, di Emil Cioran
L'INCONVENIENTE DI ESSERE NATI, di Emil Cioran
SOMMARIO DI DECOMPOSIZIONE, di Emil Cioran
SQUARTAMENTO, di Emil Cioran
STORIA E UTOPIA, di Emil Cioran
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Rari sono i giorni in cui, proiettato nella post-storia, io non assista all'ilarità degli dèi al termine dell'episodio umano.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Il paradiso era il luogo in cui si sapeva tutto ma in cui non si spiegava niente. L 'universo di prima del peccato, di prima del commento...
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Ogni amicizia è un dramma impercettibile, una serie di sottili ferite.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Quando si scrive si portano misteriose catene. [Per essere sincero bisogna essere] eretico rispetto a se stesso.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
La mia visione dell'avvenire è così precisa che, se avessi dei figli, li strangolerei all'istante.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Il diritto di sopprimere tutti quelli che ci infastidiscono dovrebbe figurare al primo posto nella costituzione della Città Ideale.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Ci si deve schierare con gli oppressi in ogni circostanza, anche quando hanno torto, senza tuttavia dimenticare che sono impastati con lo stesso fango dei loro oppressori.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Confessiamo le nostre pene a un altro solo per farlo soffrire, perché se ne faccia carico. Se volessimo rendercelo amico gli faremmo parte unicamente dei nostri tormenti astratti, i soli che vengano accolti con sollecitudine da tutti coloro che amiamo.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Si dovrebbe stabilire il grado di verità di una religione dall'importanza che dà al Demonio: più gli accorda un posto eminente, più dimostra che si preoccupa del reale, che rifugge dalle frodi e dalla menzogna, che è seria, che tiene più a constatare che a divagare e a consolare.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Niente merita di essere disfatto, probabilmente perché niente meritava di essere fatto. Così ci si distacca da tutto, dall'origine e dalla fine, dall'avvento come dalla sparizione.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Uno zoologfo che in Africa ha osservato da vicino i gorilla si stupisce della uniformità della loro vita e della loro grande inoperosità. Ore e ore senza far niente... Non conoscono dunque la noia? Questa domanda è tipica di un uomo, di una scimmia occupata. Lungi dal fuggire la monotonia, gli animali la cercano, e ciò che temono di più è che abbia fine. Perché se ha fine è solo per essere sost [continua...]
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Non leggerò più i saggi. Mi hanno fatto troppo male. Avrei dovuto abbandonarmi ai miei istinti, lasciare il campo libero alla mia follia. Ho fatto esattamente il contrario, ho messo la maschera della ragione, e la maschera ha finito per sostituirsi al volto e usurpare il resto.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
L'idea che sarebbe stato meglio non esistere mai è di quelle che incontrano maggiore opposizione. Ognuno, capace di guardare se stesso solo dall'interno, si crede necessario, anzi indispensabile; ognuno si sente e si percepisce come una realtà assoluta, come un tutto, come il tutto. Dall'istante in cui ci si identifica completamente con il proprio essere, si reagisce come Dio, si è Dio. Solo qu [continua...]
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Quando, dopo una serie di domande sul desiderio, il disgusto e la serenità, viene chiesto al Buddha: "Qual'è lo scopo, il senso ultimo del Nirvana?" egli non risponde. Sorride. Si sono versati fiuimi di inchiostro su quel sorriso, invece di vedervi una reazione normale davanti a una domanda senza oggetto. [...] Non c'è nessun dopo. Il Nirvana è un limite, il limite. E' liberazione, vicolo cieco su [continua...]
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Non nascere è indubbiamente la migliore formula che esista. Non è purtroppo alla portata di nessuno.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Cos'hai, ma cos'hai dunque? - Non ho niente, non ho niente, ho solo fatto un salto fuori del mio destino, e ora non so più verso che cosa voltarmi, verso che cosa correre...
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Non guardare né avanti né indietro, guarda in te stesso, senza paura e senza rimpianto. Nessuno scende in sé finché rimane schiavo del passato o del futuro.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Cos'è una crocifissione unica rispetto a quella, quotidiana, che patisce l'insonne?
Categoria: Filosofia

1



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima