Facebook | Commenta | È mercoledì 30/11/2022

Cesare Pavese: La casa in collina

Categoria libro: Narrativa italiana
Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 15/11/2022
Voto: leggi la recensione
La casa in collina è un romanzo dello scrittore Cesare Pavese, scritto tra il 1947 e il 1948 e pubblicato nel novembre 1948 insieme a Il carcere nel volume Prima che il gallo canti a Torino dalla casa editrice Einaudi. Corrado, il protagonista, è un professore di Torino che vive, con uno spirito di indifferenza e di apatia, il duro periodo dei bombardamenti durante la seconda guerra mondiale. Rifugiatosi sulla collina torinese, egli vive presso due donne molto premurose nei suoi confronti: Elvira e la madre. Così trova piacevole incontrarsi con un gruppo di gente semplice e allegra che si ritrova in una vecchia osteria dalla parte opposta della collina, tra cui ritrova anche Cate, una donna che aveva amato anni addietro e che poi aveva lasciato per paura delle responsabilità. Cate ha un figlio, di nome Dino, che egli sospetta essere suo figlio, con il quale passa il tempo e nel quale egli rivede la sua spensierata fanciullezza.

Recensione

Che magnifico tempo verbale l'imperfetto, e quanta maestria serve per dominarlo; Pavese ne è il maestro. Lo usa per ricordare vicende del passato ma è un passato prossimo cronologicamente legato al presente del Corrado Narratore, eppure l'imperfetto è usato per narrare quel breve tratto di tempo passato con Cate e Fonso e Dino e allo stesso tempo per la sua infanzia, a stringere un legame del ricordo di cosa è appena stato e di ciò che è fu mentre nel finale l'imperfetto si perde perché, pur passato poco tempo, la guerra e la sua fuga hanno tracciato un taglio netto, un'incisione profonda e insanabile. 
L'inquietudine esistenziale di Corrado è ciò che resta sempre, il suo non essere mai contento e quasi voler aver sempre l'ultima, ma ingiustificata, parola, e infatti la rispossta che dà al padre nell'ultima pagina ha lo stesso tenore di quelle che dava a Fonso Dino e Cate e per la quale Cate lo canzonava. Povera Cate: che ne è stato di quell'anima bella indurita? Che ne è stato di quel povero Dino? A leggere il romanzo solo tra Corrado e Cate e gli amici "rivoluzionari" sembra che Corrado sia perfetto, colto buono e intelligente: il suo passato brutale con Cate si può giustificare con la gioventù. È la Elvira la chiave che lo rimette in riga: la canzona, la usa, la sfrutta e infine la getta e ci ricorda che il libro è in prima persona, è sempre lui che parla e tira l'acqua al suo mulino e Cate glielo spiattella in faccia: "mi disse che ero cattivo, superbo e che avevo paura". È un bravo diavolo ma non del tutto, è egoista e saccente. Cate e - o con - Dino avrebbero forse potuto sia dargli un po' di pace che rimetterlo in riga, ma la guerra se li è presi e l'ultima voce che ne rimane è "le hanno deportate là, da dove non si torna". Corrado è del resto un intellettuale e la sua visione della guerra e degli eventi in corso è quella dell'astrazione che crea in lui questa spaccatura esistenziale con la realtà, infatti sembra quasi tranquillo come se la guerra non avesse a che fare con lui ma la leggesse da un libro; finché non arriva da lui, e comincia la sua fuga che niente ha a che vedere con le passeggiate per le colline con Belbo ma più quella del ratto che fugge al falco.
Se volete uno spaccato di com'è stata la vita di gente normale durante la guerra, questo è il libro giusto; non dopoguerra, né in guerra, ma semplicemente la fatica dell'uomo qualunque mentre la guerra imperversa sempre più violenta fino alla sua conclusione. I contadini in campagna, i falegnami, chi gestiva una misera osteria di periferia, il carrettaio che trasporta aratri, gente che ha continuato ad andare avanti nonostante la guerra, a fianco di essa.
Pensare che questo libro, col suo finale devastante e così coraggiosamente a-politico (T. Mann!) è stato scritto tra il 47 e il 48, a guerra appena conclusa fa grande onore a uno scrittore così meraviglioso.
Scrittura notevole ma difficile, la commistione col dialetto non solo nelle parole ma nella struttura delle frasi e coi silenzi o soggetti e oggetti implicitati rende la comprensione a tratti ardua ma è probabilmente una tra le cose più belle di questo romanzo, se proprio si vuole a forza trovarne di meno belle (di non belle è impossibile).
Libro che ho letto da ragazzino ma non me lo ricordavo proprio. 
Consiglio vivamente la lettura di questo articolo molto interessante.

Vuoi saperne qualcosa di più? Controlla se ho inserito citazioni di Cesare Pavese

Tutti i libri di Cesare Pavese

  • Il diavolo sulle colline (stato: Libro finito)
  • La casa in collina (stato: Libro finito)
  • La Luna e i falò (stato: Libro finito)
  • Totale libri: 3
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Cesare Pavese
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Titoli attuali di libri, per capire perché la gente non legge
    Libri che vorrei rileggere
    Il vero incubo: un libro stampato male. Di Adelphi edizioni e di Mauro Corona
    Sulla lettura: un romanzo di sei parole?
    Genealogia di base della famiglia Moskat dal libro di Isaac Bashevis Singer
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog


    Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus ma siccome non mi piacciono le pubblicità a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete. A me non cambia nulla (anzi).

    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Visitando il sito si sottintende la presa visione delle CONDIZIONI D'USO

    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima