Condividi su Facebook | Commenta

A.B. Guthrie: Il sentiero del West

Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 22/02/2021
Voto: leggi la recensione
La celebrazione dello spirito pionieristico acquisisce con questo romanzo la dignità letteraria che gli spetta. Sequel de “Il grande cielo”, questo romanzo che valse a Guthrie il Premio Pulitzer, traccia la rotta dei pionieri verso l’ovest incontaminato nel 1846. Dick Summers, in qualità di pilota di una carovana, guida un gruppo di coloni nel difficile viaggio dal Missouri all'Oregon. Con la sua prosa sensibile ma non sentimentale, Guthrie celebra le dure prove e i trionfi dei pionieri, rendendo omaggio alla grandezza del deserto occidentale, alla sua splendida natura e alla sua straordinaria gente.

Recensione

Nel capitolo 13 Evans controlla l'orologio perché alle 6 di mattina in punto la comitiva diretta in Oregon dovrà ripartire dopo una tappa. In questa scena c'è la differenza principale tra questo libro e il suo predecessore: la programmazione. Il mondo di Summers e Boon e Jim è finito, con esso sono crollati gli stili di vita dei Mountain Men e il tempo, il progresso, se li è portati via. La Carovana è programmata, regolata da capitano e responsabili, gestita attraverso riunioni e votazione, si muove su un percorso prestabilito verso una meta precisa, guidata da uno scopo e regolata da tempi precisi. Il Grande Cielo c'è ancora ma sotto di esso non si muovono uomini liberi, ma gruppi sociali. Come riconosce non ricordo più chi in un certo punto del libro, tutta l'organizzazione ha valore in quanto Gioco di Società, non è in realtà così indispensabile come può sembrare. Tadlock, invece, ne è oppresso e anche chi più è vicino o simile a Summers, ovvero Evans, ne è soggetto. Questa differenza di ambientazione e protagonisti è la differenza principale tra i due libri e lo ammetto, lascia un po' l'amaro in bocca. Avrei preferito meno coraggio in Guthrie e più somiglianza tra le opere, con questo libro dominato dalla figura di Summers come il precedente era dominato dalla figura di Boone, avrei preferito una replica ma non è così: i bisonti stanno scomparendo, i castori sono scomparsi, gli indiani fanno pena e la società avanza inesorabile. Lascia l'amaro in bocca soprattutto letto da noi che questo stile di vita l'abbiamo portato all'estremo, circondati da orologi. Tolto ciò, tuttavia, se la logica del romanzo fosse stata la stessa ma Guthrie avesse introdotto meno personaggi l'avrei preferito, invece qui ce ne sono tanti ciascuno ad introdurre una diversa visione del "progetto" e il risultato è, a mio avviso, un po' spaesante. Tuttavia rimane un altro gran tassello nella letteratura della Grande Frontiera Americana che chi ama questo genere apprezzerà comunque; difficile è comunque il confronto con quel mastondontico capolavoro che è il Grande Cielo, l'autore stesso deve essersi sentito in soggezione. Del resto l'eccesso di protagonisti risponde probabilmente alla stessa logica di evidenziare il differente mondo che qui è rappresentato rispetto a quello de Il Grande Cielo, un libro in cui vi era tratteggiato un territorio nuovo, disabitato se non per quei quattro trappers che più che conquistarlo se ne lasciavano conquistare. Ultimo avviso: il romanzo è comunque sempre pervaso dal sentimento di invecchiamento e di spaesamento, di perdita e di rammarico, di Dick Summers, e in ciò è veramente triste e nostalgico. Come avete notato ho evidenziato alcuni punti considerabili come negativi: in realtà lo sono solo a partire da Il Grande Cielo e sono si negativi, ma è la logica stessa della narrazione che è tale, di conseguenza sono negativi "in senso relativo" e il romanzo si merita infatti 5 stelle piene perché è indubbiamente un grande capolavoro del Romanzo Americano.
Due note sul finale.
1) Negli ultimi capitoli Summers scompare pian piano fino a fuggire di soppiatto nel mezzo della notte, non salutando né i compagni di viaggio né noi lettori, quasi a sottolineare la fine del suo mondo, l'avvento del mondo nuovo dei coloni e della società, ma allo stesso tempo a sottolineare che questa è stata possibile solo grazie alla stirpe dei Mountain Men.
2) il libro si chiude con le speranze e la felicità di Lije di fronte alla nuova terra e alle nuove prospettive viste nell'ottica di crescervi il nipote, ignorando che non è suo ma bastardo, fondando quindi le sue speranze su una menzogna ancora peggiore tenendo conto che il sangue che pensa essere suo è invece quello che gli ha assassinato il cane. Penso che difficilmente si possa ideare un finale più terribile e negativo. 

Vuoi saperne qualcosa di più? Controlla se ho inserito citazioni di A.B. Guthrie

Tutti i libri di A.B. Guthrie

  • Il grande cielo (stato: Libro finito)
  • Il sentiero del West (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di A.B. Guthrie
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Titoli attuali di libri, per capire perché la gente non legge
    Libri che vorrei rileggere
    Il vero incubo: un libro stampato male. Di Adelphi edizioni e di Mauro Corona
    Sulla lettura: un romanzo di sei parole?
    Genealogia di base della famiglia Moskat dal libro di Isaac Bashevis Singer
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog


    Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus, poi però ho notato che aveva inserito delle pubblicità e siccome non mi piacciono a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete.
    Potete comunque continuare a postare commenti agli articoli della sezione blog


    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

    Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima