Condividi su Facebook | Commenta

Cormac McCarthy: Suttree

Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 15/05/2021
Voto: leggi la recensione
Per vivere Suttree pesca pesci gatto nelle acque limacciose del fiume Tennessee. E sul fiume vive, in una baracca galleggiante ai margini della città di Knoxville, fra ratti reali e metaforici. Ci si è trasferito dopo aver abbandonato un'esistenza di privilegi borghesi e pastoie religiose; l'ha fatto per vivere. Ora nel suo nuovo mondo impara ciò che il fiume insegna: che nel tutto in movimento - quel flusso ora grigio, ora bruno, nero, marrone, color peltro, ardesia, inchiostro o carbonio della cloaca maxima - "il colore di questa vita è acqua" e perciò solo "le forme più primitive sopravvivono". Alcune di esse finiscono impigliate nelle sue reti di pescatore e, volente o più spesso nolente, Suttree deve tentare di portarle in secca, magari immergendosi con loro in liquidi a più alta gradazione. Prima fra tutte la forma di uno spassoso troglodita come Harrogate, giovane topo di campagna con una passione contronatura per i cocomeri e una determinazione tanto candida quanto feroce a trasformarsi in ratto di città. A fianco di questo novello Huckleberry Finn e dei suoi guai Suttree impara altri colori dell'infinito scorrere.

Recensione

McCarthy non è assolutamente uno scrittore facile, ma qui la prosa viene portata al suo estremo non cadendo comunque nell'assoluta perdita di linearità ed estremo sperimentalismo che c'è ad esempio in Joyce, dato che questo libro viene saltuariamente avvicinato allo stream of consciousness dell'autore irlandese. A mio avviso il paragone non calza per nulla, la prosa complessa è più erede della tradizione americana alla Faulkner, una prosa lineare ma spesso inframmezzata da frasi lunghe spersonalizzate evocative di sentimenti o percezioni emotive dell'ambiente, o narrante eventi differenziati senza una spaccatura radicale, distruggendo il tempo e portando il passato e il presente della narrazione del soggetto (Buddy Suttree) nello stesso piano temporale.  Contemporaneità di Suttree e flashback si muovono di pari passo proseguendo ciascuno assieme all'altro spesso nello stesso paragrafo ma anche a formare piccole digressioni e spaccati di vita quotidiana, ma come gioca con la lingua McCarthy è qualcosa di meraviglioso e, anche quando un passaggio non vi è chiaro o è complesso o non capite qualcosa, ne restate meravigliati perché qui c'è la vera bella scrittura. Tutto il romando si agita come schiuma inquinata in un mondo terribile e spietato, degradato e annientato, puzzolente e marcio e soprattutto insensato e privo di qualsiasi dio e qualsiasi speranza salvifica, un mondo finito o finente che ritroviamo anche in La Strada o a mio avviso ancora più in Il Buio Fuori sempre dello stesso autore. A volte fa sorridere, a volte fa paura, a volte fa schifo, a volte fa tenerezza. La perdita totale di una dimensione sovraterrena e/o divina in McCarthy è sempre estrema ed è difficile capire, nei derelitti umani che impersona, chi è buono e chi è cattivo, dove sta il bene e dove sta il male, semplicemente perché il Bene e il Male non esistono. Persino di Buddy Suttree alla fine non sappiamo che pensare: a volte fa sorridere, a volte fa schifo, a volte fa nervoso, a volte da proprio fastidio e arriva anche a fare paura. Di certo è un libro senza speranza, un libro di sconfitta e di perdita continua che continua sempre più nel suo annientamento totale fino alla fine; non penso di esagerare nel dire che questo libro, con le sue atmosfere di distruzione, potrebbe essere il prologo di La Strada.
Sicuramente, comunque, un libro che consiglio ha chi durante la lettura può permettere una notevole dose di concentrazione. O a chi soffre di insonnia e disagio esistenziale.

Vuoi saperne qualcosa di più? Controlla se ho inserito citazioni di Cormac McCarthy

Tutti i libri di Cormac McCarthy

  • Il buio fuori (stato: Libro finito)
  • La Strada (stato: Libro finito)
  • Non è un paese per vecchi (stato: Libro finito)
  • Suttree (stato: Libro finito)
  • Trilogia della Frontiera 1: Cavalli Selvaggi (stato: Libro finito)
  • Trilogia della Frontiera 2: Oltre il Confine (stato: Libro finito)
  • Trilogia della Frontiera 3: Città della Pianura (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Cormac McCarthy
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Titoli attuali di libri, per capire perché la gente non legge
    Libri che vorrei rileggere
    Il vero incubo: un libro stampato male. Di Adelphi edizioni e di Mauro Corona
    Sulla lettura: un romanzo di sei parole?
    Genealogia di base della famiglia Moskat dal libro di Isaac Bashevis Singer
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog


    Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus ma siccome non mi piacciono le pubblicità a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete. A me non cambia nulla (anzi).

    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Visitando il sito si sottintende la presa visione delle CONDIZIONI D'USO

    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima