Condividi su Facebook | Commenta

Jonathan Lethem: Ragazza con paesaggio

Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 16/01/2017
Voto: leggi la recensione
In tutti i romanzi di Jonathan Lethem, sono le ferite mai composte, le colpe mai espiate la vera spinta di ogni azione o moto dell'anima. In seguito alla sconfitta elettorale del padre e all'improvvisa morte della madre, una normale famiglia americana, i Marsh, decide di lasciare una Brooklyn apocalittica, dove l'umanitÓ vive al riparo dal sole dopo la scomparsa della fascia d'ozono. Il luogo prescelto per dare il via a una nuova esistenza Ŕ un pianeta da poco colonizzato, in cui una piccola comunitÓ di umani cerca di adattarsi alla dura vita di frontiera. E qui, sul pianeta misterioso e desolato, la tredicenne Pella Marsh si trova ad affrontare i disagi dell'adolescenza, intrappolata tra i giochi di fantasia dei bambini e i giochi di potere e seduzione degli adulti, tradita dalla debolezza del padre Clement, e impotente davanti al fascino coercitivo di Efram Nugent che con i suoi segreti tiene in pugno l'intera comunitÓ. In questa Monument Valley dello spazio, in cui la decadenza di un passato glorioso e la meschinitÓ del nuovo convivono senza mai entrare davvero in contatto, in cui i sogni di una nuova vita rimangono tali, a prendere forma e una specie di favoloso incubo alla Tim Burton. Maestro della contaminazione dei generi pi¨ disparati, Lethem mette in ogni frase una fantasia capricciosa e disadattata che diventa fantascienza dell'anima, ironica, struggente e delicata.

Recensione

Gioiello puro che si potrebbe dire riesca a inserire l'epopea della conquista di grandi narratori come Faulkner o Steinbeck all'interno di un mondo dominato da impulsi inconsci ancestrali e imbattibili tipici di un Conrad. Il tutto all'interno di uno scenario fantascientifico che per˛ non c'entra assolutamente nulla con la fantascienza in senso letterario. E' una cornice che serve unicamente ad uno scopo, potrebbe essere un'altra ma in questo caso Ŕ stata scelta questa. E ci sta benissimo. Un po' come fa il grande James Graham Ballard. Nel suo La fortezza della Solitudine Lethem non mi aveva pi¨ di tanto convinto per via della questione dell'anello magico che era un po' fuori luogo. QUi invece il pianeta alieno, e gli alieni, ci stanno tutti. Cruciali e geniali i cervi domestici, un'invenzione veramente perfetta. Un gioiello della letteratura inquietante. Per comprenderlo appieno, come in tanto altri casi, bisognerebbe prima studiare il concetto freudiano di perturbante.
Vuoi saperne qualcosa di pi¨? Controlla se ho inserito citazioni di Jonathan Lethem

Tutti i libri di Jonathan Lethem

  • Brooklyn senza madre (stato: Libro finito)
  • La Fortezza della Solitudine (stato: Libro finito)
  • Ragazza con paesaggio (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Jonathan Lethem
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Sulla lettura: un romanzo di sei parole?
    Genealogia di base della famiglia Moskat dal libro di Isaac Bashevis Singer
    Roger Deakin e l'anima dell'ecologia
    Recensione Kobo Aura Edition 2 vs Kobo Aura Classic
    Su Suraya Sadeed, la guerra in Afghanistan, i talebani, e chi ha ragione
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog

    Commenta con Disqus!



    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti Ŕ distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

    Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi Ŕ proprietÓ intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima