Facebook | Commenta | È mercoledì 30/11/2022

Lev Tolstoj: Sonata a Kreutzer

Categoria libro: Narrativa straniera
Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 21/11/2022
Voto: leggi la recensione
Un uomo di nome Pozdnysev durante un viaggio in treno confessa a uno sconosciuto la propria colpa segreta. Ricorda di aver presentato alla moglie un avventuriero, gran seduttore e abile musicista, dando così inizio a un gioco che si rivelerà tragicamente beffardo. Via via sempre più sospettoso una sera, mentre la coppia esegue in perfetta sintonia la Sonata a Kreutzer di Beethoven, Pozdnysev accantona ogni dubbio. Spinto dalla gelosia uccide la moglie per un tradimento in realtà mai avvenuto e senza rendersi conto del terribile malinteso. Pubblicata nel 1891 dopo numerose revisioni, la "Sonata a Kreutzer" è tra le opere più significative dell'ultimo Tolstoj. Dura requisitoria contro le ipocrisie nascoste della vita coniugale, racconto quasi dostoevskiano per la ricerca delle motivazioni più oscure dei gesti umani, si presenta come la testimonianza spietata di una storia che potrebbe essere vera. "Scritta con cattiveria", come ebbe a dire Sonja Tolstoj, la "Sonata a Kreutzer" rimane un invito spregiudicato a riflettere sulla morale, le grandi passioni e i loro effetti.

Recensione

Non ho mai letto Tolstoj ed è ora di affrontarlo ma non sono pronto per le oltre mille pagine di Guerra e Pace o Anna Karenina quindi mi rivolgo a questo romanzo forte dell'amore che provo per Beethoven e la Sonata omonima di fronte alla quale Tolstoj disse che restò molto colpito e che già ci fa capire l'incredibile sensibilità musicale che aveva. Anch'io restai colpito da questa sonata, a suo tempo non ero un'amante delle sonate per due strumenti o i quartetti, ma la Kreutzer mi impressionò per la incredibile potenza brutale del primo movimento che riesce a creare il sentimento di tragedia che solitamente solo le composizioni orchestrali riescono a dare.
Leggendo l'introduzione di questo libro acquistato per Kindle edizione Feltrinelli (ma leggendone superficialmente qualche paragrafo, odio le introduzioni e questa è lunghissima), scopro l'esistenza di "due" Tolstoj: un primo che celebra la vita e la fratellanza ed è quello dei due romanzi di cui sopra; un secondo asceta nichilista ed è quello della Kreutzer. Direi che, dato ciò, questo secondo Tolstoj è più prossimo ai miei gusti e al mio spirito.
Comincio la lettura con un sentimento ottimista anche perché l'incipit ci getta in faccia la trama immediata e brutale; come ha detto giustamente la moglie Sonja, questo libro è scritto con veramente tanta cattiveria tant'è che ha le atmosfere di un romanzo gotico paranormale.
Sfortunatamente, tutto si conclude in poche pagine ovvero quando Pozdnysev l'assassino comincia a narrare la sua storia all'innominata voce narrante, un personaggio che non serve a nulla se non ad ascoltare o meglio a permettere a Pozdnysev di raccontare la sua storia che in realtà e l'esposizione di una filosofia di vita e che trasforma quello che doveva essere un romanzo in un pamphlet che è il peggior modo di trattare una vicenda.
È un libro superato: può essere apprezzato se uno studio storico-sociologico lo colloca nel suo periodo culturale, dove era innovativo e violento e rivoluzionario e scandaloso, ma senza questo studio è difficile apprezzarlo perché più che di un romanzo si tratta, alla fine, di un saggio etico filosofico.
È un libro falso perché le tesi difese sono assurde e inattuabili e proprie di un asceta, persone che io considero assurde e inattuabili se non grazie al resto del mondo da cui loro vorrebbero discostarsi e criticare, quindi l'asceta è a mio avviso sempre una contraddizione bipede; d'altro canto è un libro farlo poiché le sue millantate tesi esclusivamente teoriche sono smontate con immediata sintesi dalla moglie Sonja quando a un'amica scrisse "Predica la castità, ma in realtà..." .
Dostoevskij pure scriveva romanzi ben identificati (e fondati) nel loro periodo storico ma i suoi personaggi avevano uno spessore psicologico immenso e Stavrogin (o Raskolnikov, o Ivan Karamazov, o Myskin, ma pure un qualsiasi Kirillov) potremmo ritrovarlo ancora oggi camminare per le nostre stesse strade. In questo libro di Tolstoj invece i personaggi sono assenti e sono solo delle voci che servono a trasmettere pensieri e idee, magari un Pozdnysev potremmo anche trovarlo ma in un social a fare l'influencer o a blaterare in qualche "salotto" televisivo.
A livello letterario troviamo una struttura relativamente semplice, del resto è difficile essere profondi nel dar voce semplicemente a un monologo che parla di cos'è la vita e la società e come dovrebbe essere. Solo l'atto dell'assassinio e le poche pagine che lo precedono con il crollo mentale di Pozdnysev si salvano, ma sono troppo brevi, semplici, brutali ma striminzite quasi che Tolstoj non volesse deviare l'attenzione del lettore dalle sua tesi sociologiche. La vicenda in sé è tutta qua, lui la ammazza e chiusa baracca. Saltatelo a piè pari a meno che non siate fanatici di Tolstoj, è un racconto di poche pagine e noioso che nonostante la brevità ho fatto una fatica impressionante a finire perché noioso all'inverosimile.
Il libro è condito da una introduzione lunga di non ricordo chi, e da una postfazione di Tolstoj (cominciata, ma subito l'ho abbandonata) stesso in cui espone i messaggi che vuole lanciare la novella (che infatti si chiude in neanche 90 pagine) ma che del resto sono gli stessi messaggi che ci ha esposto Pozdnysev per un sacco di noiose pagine, e Tolstoj lo rifa per altre troppe noiose pagine.
Forse sarò io che ho cambiato mentalità, ma di libri pesanti e cosiddetti dotti ne ho letti nella mia vita, leggo da sempre, ho una cultura nel complesso buona, ho una laurea in filosofia teoretica del linguaggio quindi di lettura me ne intendo, ma questo "romanzo" a mio avviso può interessare solo dal punto di vista storico-critico, non letterario.
Mi sa che è ho fatto una cagata perché ora ho ancora meno voglia di affrontare i due colossi suoi detti capolavori. Ho centinaia o migliaia di altri libri in coda di lettura e mi sa che si sono giocati la posizione nella lista d'attesa.

Vuoi saperne qualcosa di più? Controlla se ho inserito citazioni di Lev Tolstoj

Tutti i libri di Lev Tolstoj

  • Sonata a Kreutzer (stato: Libro finito)
  • Totale libri: 1
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Lev Tolstoj
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Titoli attuali di libri, per capire perché la gente non legge
    Libri che vorrei rileggere
    Il vero incubo: un libro stampato male. Di Adelphi edizioni e di Mauro Corona
    Sulla lettura: un romanzo di sei parole?
    Genealogia di base della famiglia Moskat dal libro di Isaac Bashevis Singer
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog


    Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus ma siccome non mi piacciono le pubblicità a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete. A me non cambia nulla (anzi).

    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Visitando il sito si sottintende la presa visione delle CONDIZIONI D'USO

    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima