Condividi su Facebook | Commenta

Christopher Hitchens: Hitch 22. Le mie memorie

Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 31/10/2020
Voto: leggi la recensione
Un libro di memorie, di ricordi, non un'autobiografia. Una raccolta di saggi che ripercorre l'attualità attraversata da Hitchens, e la cui edizione tascabile lui revisitò e pubblicò quando ormai la sua vita era già condannata da un tumore.
«Le memorie pubbliche e private di uno dei piú grandi intellettuali a cavallo tra due millenni. Le battaglie, le provocazioni, le cause perse, le invettive di un «bastian contrario» la cui autobiografia è la storia di mezzo secolo di Storia» - dall'introduzione di Einaudi.
«La mia opinione mi basta e rivendico il diritto di difenderla contro qualsiasi patteggiamento, qualsiasi maggioranza, ovunque, in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. E chi non è d'accordo con questo può prendere un numero, mettersi in fila e baciarmi il culo».

Recensione

Questo è uno di quei casi in cui un libro acquista fama da eventi postumi e finisce con l'identificarsi con questi. In questo caso la fama di questo libro, come si intuisce anche dalla introduzione, è che Hitchens lo abbia scritto quasi in letto di morte, invece non è così. Con la coscienza della morte ne scrisse l'introduzione all'edizione tascabile, e basta.
Ciò toglie valore al libro? Be, un po' si, non c'è dubbio, ma non troppo. Il libro comunque resta piuttosto ostico: serve conoscenza dell'attualità dagli anni 40 in poi, nonché del mondo letterario e politico anglosassone, perché l'uomo snocciola nomi uno dietro l'altro. 
Non c'è unitarietà nel racconto, ma del resto non è un'autobiografia ma una raccolta di memorie ed infatti sono articoli o saggi pubblicati singolarmente e poi raccolti in questo libro. Una conseguenza di questa struttura è che cambia anche lo stile e in alcuni capitoli è piuttosto pesante perché pedante. Tuttavia non diventa mai eccessivo.
Ci troviamo di fronte ad un uomo incredibilmente lucido, reazionario ma modesto, capace di riconoscere ed ammettere i propri errori, di sottolinearli pure e tentare così di superarli.
Ho una gran stima per quest'uomo che ammette così candidamente in alcuni punti un certo interesse omosessuali avuto da ragazzo e anche praticato, perchè lo ammette in maniera non polemica con nessuna parte degli schieramenti che oggi sono così facili a farsi.
Alcuni capitoli superano di gran lunga le delusioni che possono a volte comparire, e sicuramente i due capitoli dedicati ai genitori sono un capolavoro incredibilmente triste; prima di tutto, del resto, il fatto che per loro abbia fatto due capitoli distinti, tristissimo.
L'unico punto negativo di Hitchens è che era un giornalista, la cosa non si nota nei suoi libri classici ma qui, in cui abbiamo una raccolta di saggi - chiamiamoli col loro nome ovvero "articoli" -, si nota eccome, soprattutto in un certo solipsismo velato ed anche ammesso ma sempre presente fatto di difese personali, di citazioni al limite del prolisso, nella sottolineatura del proprio punto di vista come sempre corretto e giusto e via dicendo.
Ciò non toglie una virgola alla potenza etica che ha sempre professato e che io ammiro dalla prima volta che l'ho letto e che lo ha spesso anche penalizzato sul lavoro ma senza che lui mai la tradisse ma qui la carica etica non basta perchè si perde un po' a causa dello stile letterario che va un po' a farsi benedire. 
Libri così non mi piacciono: posso condividere le idee, i temi, le critiche, ma non lo stile. Inoltre, a mio avviso, un libro così non deve essere lungo 540 pagine, ma ben meno.
Christopher Hitchens è un grande, e alcuni capitolo di questo libro sono magnifici, ma leggete questo libro solo se siete suoi fanatici. Io non sono fanatico di nessuno, e posso dirvi che alcuni capitoli mi sono piaciuti veramente tanto, altri veramente meno, e che è molto lungo e che la sua mancanza di omogeneità tematica e stilistica e il suo carattere giornalistico lo rendono verso la fine veramente noioso, ma nel complesso è un libro incredibilmente strenuamente onesto.

Vuoi saperne qualcosa di più? Controlla se ho inserito citazioni di Christopher Hitchens

Tutti i libri di Christopher Hitchens

  • Consigli a un giovane ribelle (stato: Libro finito)
  • Dio non è grande (stato: Libro finito)
  • Hitch 22. Le mie memorie (stato: Libro finito)
  • La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Christopher Hitchens
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Sulla lettura: un romanzo di sei parole?
    Genealogia di base della famiglia Moskat dal libro di Isaac Bashevis Singer
    Roger Deakin e l'anima dell'ecologia
    Recensione Kobo Aura Edition 2 vs Kobo Aura Classic
    Su Suraya Sadeed, la guerra in Afghanistan, i talebani, e chi ha ragione
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog

    Commenta con Disqus!



    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

    Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima