Condividi su Facebook | Commenta

Brian W. Aldiss: Il lungo meriggio della Terra

Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 17/06/2016
Voto: leggi la recensione
Nel lontanissimo futuro, un Sole rossastro prossimo a diventare nova dardeggia implacabile su una Terra che vive un lungo, interminabile meriggio. Ma il nostro pianeta è ormai irriconoscibile: immobile nel cielo e con una faccia perennemente rivolta al sole, la Terra è un'immensa serra, dove il regno vegetale si è mutato e proliferato a dismisura, sostituendosi alle forme di vita animale che un tempo dominavano il pianeta. In questo brulicante inferno ecologico, dove la legge della sopravvivenza e implacabile e obbedisce a un incessante istinto di crescita, l'umanità non è scomparsa ma si è anch'essa radicalmente trasformata: alto appena una trentina di centimetri, l'uomo è una piccola, verde creatura ormai adattata alla vita arborea, inerme di fronte ai terribili predatori in agguato. Ma per quest'umanità che si e ricavata a stento una nicchia in attesa del definitivo tramonto, vive ancora la speranza di ritrovare l'antica conoscenza e, con essa, la dignità di razza senziente. Questo è il compito del coraggioso Gren, che si avventura in uno scenario d'incubo, popolato di fantastiche e mostruose creature, fra cui i Traversatori, giganteschi ragni vegetali capaci di spostarsi nel vuoto e tessere fitte ragnatele fra la Terra e la Luna, o strani funghi senzienti che possono entrare in simbiosi con l'uomo e penetrare i segreti del suo cervello... un viaggio verso la gelida faccia notturna della Terra, dove e custodito l'ultimo segreto sul destino del pianeta. Un romanzo dall'invenzione prodigiosa, vincitore del Premio Hugo, che rimane uno dei capolavori insuperati di Brian W. Aldiss e di tutta la fantascienza.

Recensione

Avevo sentito parlare bene di questo libro. No so, invece. Mi è parso veramente caotico, confusionario. L'idea di base è buona: milioni di anni del futuro il sole è enorme e rosso, la terra per via dell'attrazione gravitazionale mostra sempre lo stesso volto verso la stella che dunque, se emana meno calore, riesce comunque a scaldare il volto illuminato quanto basta per garantire la vita. Vita che però è molto diversa: in questo mondo del futuro i vegetali hanno preso il sopravvento sugli altri animali. Fin qui, tutto ok. E pure intrigante. Ma la storia è veramente fatta male. C'è caos, microstorie che si intrecciano a volte inutilmente. Particolari che si perdono. Peccato. Nel complesso, una lettura leggera, ma insoddisfacente.
Vuoi saperne qualcosa di più? Controlla se ho inserito citazioni di Brian W. Aldiss

Tutti i libri di Brian W. Aldiss

  • Il lungo meriggio della Terra (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Brian W. Aldiss
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Sulla lettura: un romanzo di sei parole?
    Genealogia di base della famiglia Moskat dal libro di Isaac Bashevis Singer
    Roger Deakin e l'anima dell'ecologia
    Recensione Kobo Aura Edition 2 vs Kobo Aura Classic
    Su Suraya Sadeed, la guerra in Afghanistan, i talebani, e chi ha ragione
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog

    Commenta con Disqus!



    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

    Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima