Condividi su Facebook | Commenta

Albert Camus: Lo straniero

Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 17/11/2013
Voto: leggi la recensione
Pubblicato nel 1942, "Lo straniero" è un classico della letteratura contemporanea: protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili conseguenze del fatto - il processo e la condanna a morte - senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Meursault è un eroe "assurdo", e la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e di sentire.

Recensione

La morte della madre in un ospizio di un paesino dell'Algeria francese, il viaggio veloce, la veglia funebre, la conoscenza di questa sua fine vita misteriosa, i vecchi.... L'enigma continuo di Camus,la peste nell'anima...
Questo è l'incipit di questo capolavoro di Camus. La morte della madre nel romanzo è solo un breve momento, quasi ininfluente all'opera intera, come lo è per il protagonista, che non soffre, non piange, ma neanche quasi si annoia. Anzi, si, si annoia, si annoia di tutto. E' così che viene inizialmente presentato questo personaggio strano ed inquietante: quasi si sente in colpa a chiedere permesso dal lavoro per andare alla veglia funebre. Quasi si sente fuori luogo tra i "vecchi", di fronte alla bara che, peraltro, non fa neanche aprire sicché non vedrà neanche il cadavere della "mamma" prima di sotterrarla. Infastidito dal caldo torrido algerino, incuriosito dal vecchio intimo amico di mamma durante il periodo passato all'ospizio, annoiato, intimidito, senza alcuno stimolo verso qualcosa ma fermo, immobile, nel presente.
Così ci viene presentato, e così sarà in seguito: quando Maria gli chiede di sposarla lui acconsente, ma quando lei gli chiede perché lo faccia lui risponde "Perché me lo hai chiesto". E se l'amasse, neanche per idea. E se l'avesse chiesto un'altra ragazza? Ovviamente si. Perché? E tace.
Senza un perché anche durante l'omicidio. E in silenzio anche di fronte al "Perché?" richiestogli più volte dal giudice. Ma un silenzio senza timore, un silenzio perché, semplicemente, la domanda gli è priva di alcun senso.
La domanda che ci si potrebbe chiedere è: perché si intitola "Lo Straniero"? La risposta è che il protagonista è questo straniero, ma nel senso che è straniero nelle consuetudini del mondo, è straniero nella comunità. Non reagisce, non comprende, non decide, si lascia portare, e non appartiene a nessun gruppo. Non è come né l'uno né l'altro degli altri personaggi del libro, e del mondo in genere. E' straniero tra di noi.
Questo libro è una prova di quanto la letteratura riesca a superare ogni altra forma di arte.
Vuoi saperne qualcosa di più? Controlla se ho inserito citazioni di Albert Camus

Tutti i libri di Albert Camus

  • La Peste (stato: Libro finito)
  • Lo straniero (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Albert Camus
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Sulla lettura: un romanzo di sei parole?
    Genealogia di base della famiglia Moskat dal libro di Isaac Bashevis Singer
    Roger Deakin e l'anima dell'ecologia
    Recensione Kobo Aura Edition 2 vs Kobo Aura Classic
    Su Suraya Sadeed, la guerra in Afghanistan, i talebani, e chi ha ragione
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog

    Commenta con Disqus!



    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

    Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima