Facebook | Commenta | È mercoledì 10/08/2022

Citazioni, aforismi, motti da Confessioni e Anatemi, di Emil Cioran

AUTORE FILTRATO: Emil Cioran
LIBRO FILTRATO: Confessioni e Anatemi
AL CULMINE DELLA DISPERAZIONE, di Emil Cioran
CONFESSIONI E ANATEMI, di Emil Cioran
IL FUNESTO DEMIURGO, di Emil Cioran
LA TENTAZIONE DI ESISTERE, di Emil Cioran
LACRIME E SANTI, di Emil Cioran
L'INCONVENIENTE DI ESSERE NATI, di Emil Cioran
SOMMARIO DI DECOMPOSIZIONE, di Emil Cioran
SQUARTAMENTO, di Emil Cioran
STORIA E UTOPIA, di Emil Cioran
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Finchè ci sarà ancora un solo dio in piedi, il compito dell'uomo non sarà finito.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Dato che l'uomo è un animale malaticcio, i suoi gesti e le sue parole hanno tutti indistintamente valore di sintomo.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Non si abita un paese, si abita una lingua. Una patria è questo e nient'altro.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Abuso della parola Dio, la adopero spesso, troppo spesso. Lo faccio ogni volta che giungo a un estremo, e mi occorre un vocabolo per designare ciò che viene "dopo". Preferisco Dio a Inconcepibile.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Ho imparato pochissimo per esperienza. Le mie delusioni mi hanno sempre preceduto.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
La croce è l'immagine più obbrobriosa che vi sia sotto il cielo.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Dovremmo parlare solo di sensazioni e di visioni: mai di idee - perché queste non emanano dalle nostre viscere, e non sono mai veramente "nostre".
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Esiste, certo, una melanconia clinica, su cui a volte hanno effetto i rimedi [clinici]: ma ne esiste un'altra, soggiacente alle nostre stesse esplosioni di allegria, e che ci accompagna ovunque, senza lasciarci "soli" un momento. Nulla ci permette diliberarci di quella malefica onnipresenza: è il nostro io per sempre di fronte a se stesso.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Quando si rientra in sé da una infatuazione, invaghirsi ancora di un essere umano sembra così inconcepibile che non si riesce a immaginare nessuno, neanche un insetto, non sfiancato dal disinganno.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Se obbedissi al mio primo impulso, passerei le giornate a scrivere lettere di ingiurie e di addio.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Non è grazie al genio ma grazie alla sofferenza, e solo grazie ad essa, che smettiamo di essere una marionetta.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
L'uomo non è contento di essere uomo. Ma non sa a che cosa ritornare, né come ripristinare uno stato di cui ha perduto ogni ricordo distinto. La nostalgia che ne prova è il fondamento del suo essere, e per mezzo di essa comunica con quanto sussiste in lui di più antico.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
L'ansia, lungi dal derivare da uno squilibrio nervoso, si fonda sulla costituzione stessa di questo mondo, e non si vede perché non si dovrebbe essere ansiosi in ogni momento, visto che il tempo medesimo non è che ansia in piena espansione, un'ansia di cui non si distingue né l'inizio né la fine, un'ansia eternamente conquistatricce.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Di una vita non resta altro che quello che non è stata.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Il senso acuto del ridicolo rende malagevole, anzi impossibile, il minimo atto. Felici quelli che non ne sono dotati! La Provvidenza ha vegliato su di loro. [...] Esasperato da tutti. Ma mi piace ridere. E non posso ridere da solo.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
La passione della musica è in se stessa una confessione. Ne sappiamo di più su uno sconosciuto che vi si dedica che su qualcuno che le è insensibile, e che avviciniamo tutti i giorni.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Ogni vita è la storia di un tracollo. [...] Delusi da tutti, è inevitabile che si giunga a esserlo di sè; a meno che non si sia cominciato da lì.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Più si avanza nell'età, più ci si accorge che ci si crede liberati da tutto e in realtà non lo si è da niente.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Non accettava di vivere a rimorchio di Dio.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Giunge un momento in cui non imitiamo più altri che noi stessi.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
"Perché frammenti?" mi rimproverava quel giovane filosofo. - "Per pigrizia, per frivolezza, per disgusto, ma anche per altre ragioni..."esiccome non ne trovavo nessuna, mi lanciai in spiegazioni prolisse che gli parvero serie e finirono per convincerlo.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Finché ci sarà ancora un solo dio in piedi, il compito dell'uomo non sarà finito.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "Confessioni e Anatemi"
Nella primavera del 1937, mentre passeggiavo nel parco dell'ospedale psichiatrico di Sibiu, in Transilvania, un "pensionante" mi avvicinò. Scambiammo due parole, poi gli dissi: "Si sta bene qui" . "Certo. Vale la pena di essere matto" mi rispose. "Ma lei è pur sempre in una specie di carcere" . "Si, forse, ma qui si vive senza la minima preoccupazione. Per di più la guerra si avvicina, lo sa quant [continua...]
Categoria: Filosofia

1



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Visitando il sito si sottintende la presa visione delle CONDIZIONI D'USO

Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima