CATEGORIE:
Recensione Huawei Honor 6X e confronto con Motorola Moto G 2nd 2014 XT1068

Recensione Huawei Honor 6X e confronto con Motorola Moto G 2nd 2014 XT1068

Categoria: ANDROID

Inserito in DATA: 20/01/2018
Vai ai COMMENTI

Prologo:

Giovedì 11 gennaio mi sono accorto che il mio glorioso Motorola Moto G 2nd 2014 XT1068, pur collegato al cavetto, non si era ricaricato. Dopo varie prove e test ho dovuto accettare la verità: probabilmente avevo un problema alla porta di ricarica micro-usb, e non c'è stato verso di risolvere la questione. Nel corso della giornata ho potuto fare un backup di tutto, nonché mandare qualche sms di avviso in giro, quindi ho cominciato a guardarlo scaricarsi pian piano, sapendo che non si sarebbe mai più riacceso. 
E' stato triste: mi ero affezionato a quel mulo di telefono. L'avevo comprato a novembre 2014 e mi ci ero trovato proprio bene. Da un anno montavo la rom LineageOS 14 per Moto G XT1068 ufficiale e mi ci trovavo da dio: Android 7.1 era una bomba, veloce e stabile, tutto funzionava a meraviglia. 
Ero così contento della fotocamera di questo telefono che nel viaggio in moto Marocco nel 2015 mi ero portato dietro solo il telefono anche per le foto.
La batteria mi arrivava a coprire anche le 27/28 ore, comunque tenendo conto dell'utilizzo che ne faccio io.
Le dimensioni erano perfette: in mano stava benissimo e si poteva fare tutto quanto col pollice.
E poi che cazzo, perchè un cellulare di marca, e pagato 190 euro (saranno pochi a confronto di un cazzo di iPhone, ma in generale non sono proprio pochi) dovrebbe durare tre anni? 
Era ancora perfetto: qualche crepa di pochi mm sulle plastiche, ma avevo anche due cover originale di sostituzione, due cover in gel antiurto, una flip cover in pelle. Lo schermo era perfetto, il Gorilla Glass era così ben fatto che i proteggi schermi adesivi non li usavo da due anni!
Veramente un mulo, e a fine 2014 le sue prestazioni per 190€ erano un rapporto qualità prezzo incredibile!
A suo tempo ne presi due: uno per me e uno per mio fratello. Cazzo mica che si spacchi il suo prokaDio! No, il mio!
E non solo! Infatti si è spaccato:
1) neanche un mese dopo la rottura del mio ebook Kobo Aura di - pensa un po' - soli tre anni
2) dopo Natale, quindi con un sacco di spese appena fatte
3) dopo Natale, quindi con tutte le eventuali offerte natalizie già concluse
Se non c'è da bestemmiare in una serie di eventi concomitanti così, non avete capito proprio un cazzo.

Insomma, la questione sostituzione era un problema. Innanzitutto, dovevo agire in fretta: nel Moto G 2014 avevo le micro-SD ma l'unico cellulare vecchio funzionante che mi è rimasto utilizza le SD normali. Inoltre la rottura mi è successa di giovedì, e quindi c'era un week-end di mezzo che mi avrebbe fatto ritardare le consegne. Venerdì non riuscii a decidere il da farsi in fretta e persi la fascia orario di spedizione, così decisi di far tutto con calma il sabato.
Per principio non volevo superare la soglia dei 200 € - Già per un cellulare mi paiono troppi, ma sotto a quella soglia bisogna stare attenti perché si rischia di prendere delle belle fregature.
Quello che volevo, tenendo conto che uso il telefono meno come telefono e più come computer portatile e macchina fotografica, era:
1) una buona batteria
2) un buon reparto fotografico
3) almeno 2gb di ram
4) aggiornamenti assicurati
5) dual SIM
6) Android puro o il più possibile (non volevo assolutamente tornare a Samsung)
Sembrava che con queste premesse avrei dovuto restare in casa Lenovo e prendere il Moto G5 normale, ma non mi convinceva. Le recensioni ne parlavano bene, si, ma della parte fotografica ero un po' titubante. Il Moto G5 Plus invece costava troppo, mi avrebbe dato veramente fastidio spendere 235 euro.
Trovai un Moto G4 Plus a 120 euro in un sito internet che non conoscevo ma che sembrava affidabile, però ero titubante a comprare in un posto X, ed inoltre mi pareva una cagata comprare nuovo un telefono vecchio. Così ne cercai uno usato: sarebbe stato perfetto trovare un G4 a buon prezzo per poi installargli la LineageOS 14! Ma non trovai granché: Subito.it non aveva niente nelle vicinanze, ed eBay ormai per gli usati non vale più molto.
Su Subito però trovai un annuncio a Udine di un Moto G 2014 uguale al mio! Sarebbe stato perfetto!!! Avevo infatti già tutto quanto - cover, flip cover, custodie in gel, SIM a misura -, l'annuncio lo dava a 50€ ma ero sicuro che per 40€ l'avrei portato a casa... Sarei andato sabato pomeriggio a prenderlo, e avrei risolto il problema.
Bisogna infatti contare che, oltre al nuovo telefono, avrei dovuto comprare anche una nuova cover protettiva in gel/silicone: i cellulari di oggi sono infatti tutti quanti così fottutamente costosi, delicati, e scivolosi che questo è un accessorio praticamente obbligato.
Inoltre, nel caso del Moto G5 e della maggior parte dei telefoni dual SIM che guardavo e studiavo, erano tutti con Nano-SD e quindi avrei dovuto mettere in conto anche la sostituzione delle SIM, 15€ a SIM prokaDyo perché a tagliare non mi fidavo tanto. Una delle due era anche già stata tagliata...

Insomma, al costo del telefono nuovo, qualunque fosse, avrei dovuto contare almeno 40€ tra sostituzione SIM e cover varie.

Contattai il tipo del G2014 e mi disse che l'aveva, che era perfetto, che in serata (venerdì) mi avrebbe mandato le foto dello schermo e gli dissi di mandarmele perché ero in urgenza e quindi quasi sicuramente glielo avrei comprato il pomeriggio del giorno dopo. In serata non ricevetti nulla, né il giorno dopo. Ad oggi, ancora nulla, e l'annuncio è ancora lì: ma dio cane sei stupido???
L'alternativa era dunque: 125€ Moto G4 - 175€ Moto G5 - 235€ Moto G5 plus. Quest'ultimo lo tolsi per via del prezzo, il G4 per anzianità, il G5 era l'unico che restava ma non mi convinceva.

Così optai per un Honor 6X by Huawei. Come lo scoprii? Bo. Non ricordo. Forse me lo suggerì Amazon, o qualche sito di recensioni e comparazioni telefoni.
Comunque mi incuriosì: da un po' di tempo leggevo buone recensione di Huawei nelle varie testate online, e due amici che lo avevano cellulari Huawei ne erano molto molto contenti. 
Ma io non volevo un top di gamma Huawei, quindi come erano quelli della cosiddetta "fascia media"?
Le recensioni del Honor 6X erano grandiose, e il prezzo dappertutto era onesto perché lo si trovava a circa 195 euro.
I punti a favore erano i seguenti:
1) dual sim
2) schermo grande: poco male, sarà più scomodo ma ormai uso il telefono più come un notebook che come un telefono, per cui sapevo che mi ci sarei abituato
3) batteria da 3340mah e le recensioni la davano come magnificamente ottimizzata col software
4) doppia fotocamera con sensore profondità e campo per elaborazioni effetto bokeh in post-produzione
5) aggiornato ad Android Nougat 7.0
6) bussola: lo so, sembra una cazzata, ma arrivare a un incrocio e il navigatore impazzisce e devi cominciare a camminare su e giù per orientare la mappa è una rottura di coglioni
Mi guardai varie recensioni, confrontai caratteristiche tecniche, e alla fine mi decisi.
Di meglio c'era solo nel Moto G5 Plus lo schermo Gorilla Glass mentre l'Honor 6X pare abbia uno schermo delicato, ma chi se ne frega, comunque era in buona parte, mi pareva, migliore.
E così feci l'acquisto: 196 euro il telefono, 5euro una cover in gel trasparente, 30 euro sostituzione delle due SIM.

Recensione Honor 6X

Premetto che ho questo telefono da neanche una settimana, per cui devo provare molte cose.
Funziona tutto bene il fondamentale. Telefono ok, vivavoce ok, speaker non il massimo ma si sente, non eccessivamente pesante o spesso, dual sim gestito perfettamente, eccetera eccetera.
Appena arrivato aveva Android 6 ma si è aggiornato subito ad Android 7, quindi per sicurezza, dopo l'aggiornamento, ho fatto un reset alle impostazioni di fabbrica.
Appena arriva ha installate un sacco di stronzate: giochi di auto, gioco Spider Man, browser Opera, Instagram, Facebook, Twitter, tutte applicazioni che però potete tranquillamente disinstallare completamente, non semplicemente disattivare. Io l'ho fatto immediatamente.
Ho anche disinstallato il contapassi, Huawei Backup, il blocco note, e non so neanche cos'altro.
Utilizzo da sempre un sistema Android AOSP o Rom derivate come AOKP, CyanogenMod, Lineage, e via dicendo e non sono abituato ad altre cose.
Utilizzo perlopiù software Google e quindi la sua sincronizzazione mi basta: Chrome, Google Keep, Drive, Dropbox, sono quanto mi serve.
Mi dispiace che non si possa disinstallare o disattivare l'app Music : utilizzo da anni Ez Folder Music Player perché odio in generale le cose basate sui tag.
Ha anche un'app Calendario anche quella non disattivabile: la sto valutanto, non va male, però ero molto abituato a quella di Google e comunque utilizzando solo calendari Google non so che senso abbia usare un'altra app, col rischio magari di perdere qualche sincronizzazione.
Per quanto riguarda il Launcher EMUI 5 l'ho provato, non va male, però preferisco non avere home che girano a destra e a sinistra, un drawer lo vedo più versatile e veloce, e quindi dopo due giorni ho installato il buon vecchio Nova Launcher che ho anche in versione completa.
Insomma, diciamo che ora la configurazione dovrebbe essere completa e conclusa già due giorni fa, per cui parlamo di cose serie.

Fotocamera

Bella, molto molto bella. La app in realtà è un po' confusionaria, ma del resto ha un sacco di personalizzazioni e possibilità. La fotocamera di suo fa buone foto, molto buone; al buio sono un po' così e così ma il confronto col Moto G 2014 è comunque vinto da Honor. Le panoramiche vengono bene, punto debole di Moto G del quale praticamente si poteva fare a meno di usarne la funzione, ridocolmente penosa a livello di qualità e risoluzione.
La messa a fuoco nell'Honor 6X è velocissima, quasi immediata, fa quasi impressione. Le foto con gestione della profondità tramite il doppio obiettivo sono proprio belle, comode, non bisogna esagerare comunque perchè se si sfuma troppo lo sfondo, si perdono dettagli dei bordi del primo piano a fuoco.
La fotocamera immediata già va bene: ha anche un'impostazione che permette di scattare una foto in automatico, anche a schermo spento, schiacciando due volte il pulsante Volume- cosa molto comodo per non perdersi.
Comunque con uno slide verso destra si accede a una interfaccia di scelta della fotocamera dalla quale, oltre a poter selezionare l'HDR, si accede anche a varie altre opzioni tra cui una fotocamera PRO: questa permette di gestire tutto quanto, ISO luminosità apertura ecc, come in una fotocamera professionale.
C'è la possibilità, dalla app fotocamera, di fare letture QR-Codes e anche Scansionare documenti o biglietti da visita, con riconoscimento automatico dei bordi, e conversione poi in PDF: la funzionalità vi dico subito che va bene ed è velocissima (non ad esempio come quella di Dropbox).
QUESTIONE HDR: l'HDR dell'Honor non è male, è sicuramente più leggero di quello del mio Motorola. Mi manca però sicuramente 1) la possibilità di scegliere l'HDR come il Flash dalla finestra principale 2) l'HDR automatico, una vera chicca della fotocamera Motorola. Peccato, ma pazienza: ora magari mi abituerò a fare un po' più di attenzione quando scatto una foto.
Interfaccia EMUI
L'ho trovata molto ben fatta e sicuramente non invasiva come quella di Samsung, perlomeno fino ai Galaxy S3 poi non so. A parte il launcher vero e proprio, che non è male ma preferisco il simil-AOSP di Nova, che ha anche più opzioni e ormai dopo anni ho ritagliato a mia immagine e somiglianza, ci sono delle cose bellissime nello screenlock: con uno slide verso l'alto dal bordo inferiore si accede ad alcune funzionalità immediate senza dover sbloccare, tra le quali la calcolatrice, cosa per me comodissima visto che spesso al lavoro devo fare conti con IVA aggiunta o tolta e ogni volta sbloccare era una rogna, anche se qui c'è il sensore biometrico. Altre sono: il lettore QR-Code, la torcia, il registratore vocale, e la sveglia/Timer. Questa è una cosa che ho apprezzato molto.
I widget nella barra delle notifiche sono tanti, e tutti personalizzabili, ottima cosa visto che anche lì io sno abituato ad avere i miei, in posizioni a scelta.
Le impostazioni sono un po' incasinate, ma bisogna solo abituarsi: poi sono complete e ci si abitua subito.
Ci sono alcuni miglioramenti generali all'esperienza Android: ad esempio, quando in Chrome si chiude l'ultima finestra di solito si resta in una inutile schermata nera che non ho mai capito perchè l'hanno fatta. Bene, risolve facendo direttamente chiudere Chrome. Quando poi lo riaprite va alla pagina predefinita che ora si può personalizzare con una pagina a scelta!
Da notare che fornisce una galleria interna per le immagini, dotata anche di effetti e modifiche molto completa e versatile: permette anche (cosa fantastica) di poter nascondere album dalla visualizzazione.
C'è un file manager che permette di creare persino una "cassaforte" ossia una cartella virtuale protetta da password o sensore biometrico.
La gestione doppia SIM è magnifica perché, sebbene non permetta un auto-apprendimento com'era in Motorola, permette però di disattivare le singole SIM (cosa non possibile invece in Lineage) ma soprattutto permette di gestire separatamente le suonerie e la vibrazione per ciascuna SIM! Questa cosa la adoro, perché io gestisco due numeri uno personale ed uno di lavoro, così posso diversificare le due suonerie.
E' presente una simpatica app specchio che attiva la fotocamera frontale aumentando al massimo la luminosità dello schermo e mettendo una leggera cornice bianca in moto da illuminare il viso anche di notte.
Nel complesso, tolto il Launcher che comunque nel mondo Android è personalizzabile col Play Store, il resto è tutto molto completo e curato anche in molti dettagli. 

Batteria

Magnifica! Già i 3340mAh sono una figata, ma nelle impostazioni di gestione della batteria potete selezionare varie ottimizzazioni tra cui le app da chiudere forzatamente quando si spenge lo schermo: ad esempio, perché la calcolatrice, o AliExpress, o Genertel, o altro devono continuare a stare in memoria a schermo spento? Potete scegliere voi quali, ma la cosa permette di ottimizzare ancora di più l'utilizzo della batteria tant'è che per dire ora, dopo 29 ore, sono al 70% quindi solo 30% di consumo. Questa è forse la cosa che preferisco, chiaro che sono ancora agli inizi ma già mi sono attestato sul mio normale range di utilizzo e comunque sono ancora che ogni tanto faccio cambiamenti di impostazioni e altro, aumentando dunque il tempo di schermo acceso.

Performances

Ottime, il telefono è veloce e senza impuntamenti. Per ora non ho avuto rallentamenti o apparenti colli di bottiglia. Ho provato a giocare col gioco di auto che c'era preinstallato, Asphalt qualcosa, e andava come un treno. Poi ovviament el'ho cancellato.
La ram sembra sufficiente a fare tutto in tranquillità, anche con Chrome - notoriamente pesante - non trovo alcun problema. Le app in genere sono molto veloci ed ottimizzate, la fotocamera è veloce sia a mettere a fuoco sia a scattare, il sensore biometrico sblocca il telefono in un lampo, tutto va benone.
Unito alla batteria che tiene in maniera incredibili, per me è un top di gamma!

Sensore biometrico

Che figata, ragazzi! E' veramente una figata averlo, perchè è velocissimo e sbloccare il telefono così è magnifico. L'unica cosa che mi fa paura è la possibilità che si rompa e di dimenticarmi il PIN, per cui ogni tanto preferisco sbloccare il telefono col PIN per memorizzarlo. Lo sblocco dello schermo è immediato, tant'è che se mentre togliete il telefono dalla tasca poggiate il dito sullo spazio apposito lo trovate già acceso e pronto ad obbedirvi. Molte app con password possono utilizzare lo sblocco del sensore biometrico, ad esempio la cassaforte del file manager integrato, ma anche l'app Online Banking.
Sono veramente contento di avere un telefono con sensore biometrico, non pensavo fosse così comodo.
Ci sono anche alcune gesture abbinabili al sensore: c'è la possibilità di usarlo come pulsante di scatto per le foto, suppongo comodo per i selfies; c'è la possiblità di farvi uno slide verticale per aprire e chiudere le notifiche, e slide laterali per scorrere le foto nella galleria.

Altro

C'è integrata una app per la manutenzione del telefono. Permette di liberare memoria RAM, di pulire la memoria cache o quella di varie applicazioni tra le quali Whatsapp, ha integrato anche un antivirus, e un gestore di prestazioni che gestisce anche le app avviabili all'avvio e che rimangono attive dopo lo spegnimento dello schermo.
C'è la Radio FM, questa cos ami piace proprio!
La velocità sia delle SIM (ora ho il 4G!) sia però anche del WiFi è nettamente superiore a quella del mio Moto G 2014.
Il display è molto luminoso e con un angolo di visione ottimale, peccato essere obbligati (vd. oltre) ad utilizzare delle pellicole, ma nel complesso avendo una grandissima visibilità e leggibilità, si perde poco.

PUNTI NEGATIVI HONOR 6X

1) La scheda MicroSD si può usare ma solo se non usate il DualSim perché la SIM secondaria e la Micro-SD condividono lo slot, per cui vanno ad esclusione. Questa è una cosa che mi sta proprio sul cazzo e non capisco perché risparmiare su questa cosa. In sostanza io non posso usare una MicroSD. Tenete conto che, se la memoria interna è di 32Gb, solo il sistema ne occupa oltre 7Gb.
2) Le schede non si inseriscono sul retro del telefono togliendo la cover com enel mio Moto G, ma in uno slot laterale per SD-SIM da aprire con una graffetta, che tra l'altro (e questa è una cosa che mi ha favorevolmente stupito, evitando di andare a cercare una graffetta da piegare e così rendere in seguito inutilizzabile) viene fornita nella confezione. Però quello sportelli non mi ispira tanta fiducia e per aprirlo ed estrarlo con la graffetta bisogna spingere forte. Di buono c'è che non hanno messo una molla, di brutto c'è che a mio avviso conviene utilizzarlo il meno possibile.
3) Lo schermo non mi convince, non a livello di riproduzione perché si vede veramente meravigliosamente, ma a livello di robustezza. Avevo già letto che questo era un punto negativo di questo Honor 6X ma che mi vendano il telefono con già una pellicola trasparente posta dalla fabbrica, mi fa pensare che neanche loro abbiano molta fiducia in questo componente che ovviamente, se si gratta, nulla può essere richiamato in assistenza.
4) Sempre riguardo lo schermo, ha i bordi arrotondati cosa che secondo me, oltre a renderlo ancora più "volatile" se tenuto senza cover in gel, crea qualche difficoltà nel caso di doverci applicare le pellicole proteggi schermo. Questa cosa ha trovato conferma anche in vari forum che ho visitato.
5) Restando ancora sullo schermo, la scarsa qualità è anche oleofobica, ovvero il grasso naturalmente presente sulle vostre dita si attaccherà al monitor in maniera veramente fastidiosa e bisogna pulire spesso lo schermo. Non posso personalmente confermare questo fatto, però, perché visto il punto 3) ho la pellicola che lo protegge, la quale è comunque indubbiamente oleofobica.
6) Huawei ID mi sta sul culo. Ho fatto la registrazione perché per utilizzare l'app di backup interna bisogna averlo, tranne poi scoprire che dopo averlo creato l'app di backup funziona solo in locale, senza possiblità di upload del backup in qualche cloud! Esiste un cloud Huawei, ma da quel che ho capito è riservato solo ad alcuni telefoni di fascia superiore. Oltretutto non è che i cinesi abbiano una gran fama in fatto di sicurezza e rispetto della privacy, quindi prima di dargli (anche se è una grossa e rinomata azienda) il mio cellulare e la mia mail, preferisco pensarci due volte.
7) I temi sono gestiti tramite un'app apposita di Huawei che permette così di variare completamente l'aspetto del telefono. E' sicuramente una cosa comoda perchè poter personalizzare il telefono anche nell'estetica globale è una cosa che mi piace (come possibilità, in realtà non ho mai utilizzato paccheti di icone o altro), ma non mi piace il fatto di essere obbligato a fare un Huawei ID per utilizzare l'app Themes! Io non uso i temi e non ci ho dunque perso nulla, ma non mi piace questa scelta per principio. Inoltre l'app Temi non è disattivabile.
8) Nova Launcher: visto che Nova lo uso da anni su terminali di tutti i tipi, e con ROM di tutti i tipi, non penso sia un problema di Nova ma piuttosto di protocolli non correttamente seguiti da Huawei/Honor. 8a) il widget del calendario integrato Huawei, quando posto su Nova, a volte si pianta, e di solito è sufficiente accedere alle impostazioni di Nova e modificare una cagata qualsiasi. Bisogna quindi toglierlo e rimetterlo: questa cosa però non succede con l'interfaccia EMUI; 8b) con Nova Launcher non funziona lo scorrimento dello sfondo, e centrarlo a piacimento diventa quasi impossibile; 8c) l'app Torcia dal drawer con Nova non funziona; ho provato con Nova ed Emui, e solo dal drawer del primo non funziona.

Per i punti negativi, sicuramente il principale sarà l'eventuale mancanza di aggiornamento ad Oreo, che rimane tuttora in dubbio. Mi sembra assurdo che un terminale comunque così recente e sicuramente non indecente a livello hardware possa non ricevere questo importante aggiornamento, soprattutto oggi che la clientela Android è molto più sensibile alla questione aggiornamenti.
Android 8.0 / Oreo and latest EMUI for Honor 6x is under evaluation. We will inform users of the Android and EMUI update as soon as it is ready, please stay tuned for more information regarding the same. Thanks!— Honor India (@HiHonorIndia) 31 gennaio 2018

CONCLUSIONE

Sono rimasto ben impressionato da questo telefono. Ci sono sicuramente dei lati negativi tra i quali il peggiore è lo schermo e la scheda micro-SD, il minore le app preinstallate non disattivabili, ma nel complesso sono cose le seconde trascurabili, le prime raggirabili.
Tendo conto dei punti 3, 4, e 5 è comunque altamente consigliato utilizzare l'Honor 6X con qualche tipo di protezione per lo schermo!
Il fatto che Huawei comunque fornisca il telefono con già una pellicola applicata e alla perfezione, senza bolle, è comunque una consolazione.
Insomma, lo schermo è particolarmente critico in questo telefono. Forse sarebbe stato meglio risparmiare qualcosa con uno schermo e un terminale di dimensioni un po' più compatte, investendo il risparmiato in un Gorilla Glass, ma Huawei avrà fatto i suoi conti e comunque tutto ciò non vuol dire che lo schermo si gratti con dei cazzo di granelli di polvere, bisogna comunque esercitare una certa forza.
Tuttavia, tutti quanti in tasca abbiamo almeno una chiave!!!
Non creare il Huawei ID non comporta nessuna limitazione, e questa è una buona cosa. Io l'ho creato, tranne poi rendermi conto della questione del backup per cui l'ho cancellato; la cancellazione si fa tranquillamente dal terminale senza vagare per siti, per cui è semplice.
Non posso non consigliare questo telefono! Per meno di 200 Euro si ha un telefono aggiornato, con un display luminoso vivace e grande, una buona fotocamera, un dual sim, 32Gb integrati, una magnifica personalizzazione software, una gestione della batteria quasi incredibile, e un reparto hardware di una certa consistenza.

Per conoscerlo meglio, potete visitare:
 Forum Androidiani con consigli: http://www.androidiani.com/forum/honor-6x/

MATERIALE A CORREDO



Inserisci un commento

Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti 2011

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.

» www.bostro.net » contatti
» Privacy Policy

Licenza Creative Commons
www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Web Bostro.Net