VAI ALLA HOME PAGE VAI AL MIO BLOG
IL MOTTO DEL MOMENTO: Di cosa sarà fatta l’umanità quando non ci saranno più nomadi che camminano?
CATEGORIE:

Biodiversità, moto e passione


DATA: 21/06/2007 - CATEGORIA: PENSIERI COMMENTAVersione stampabile
La biodiversità delle specie naturali è un valore enorme che va preservato. E' un fatto ormai condiviso in tutte le società e da tutte le teorie scientifiche.
Questo pensiero non è mio, ma lo condivido in buona parte.
La biodiversità delle specie naturali è un valore enorme che va preservato. E' un fatto ormai condiviso in tutte le società e da tutte le teorie scientifiche.
La biodiversità è opera di milioni di anni di affinamento, un processo insostituibile e non riproducibile. Proprio perchè non può essere riprodotto, il risultato di questo processo è estrememente prezioso e unico.
Ma la biodiversità non esiste solo per "Madre Natura".
Ci sono certe notizie che riguardano posti remoti che mi lasciano comunque con la tristezza nel cuore.
Questa volta la notizia riguarda un posto di per se remoto, che per me non lo è più. Questo posto adesso è dentro di me in un modo che non riesco a veramente raccontare, ed è il Tibet, o in particolare la pista "shortcut" che porta da Tingri al Campo Base dell' Everest per la via più impervia, corta e meno rapida.
Non riesco a spiegare la luce che c'era. Non riesco a spiegare cosa mi faceva dirigere la moto in direzioni "anomale" diverse da quelle "normali". Mentre i miei compagni di avventura impazzivano nei guadi la mia moto avanza in queste tracce solo mentali passando nei sopra i pietroni sommersi tondi e lisci come se fosse tirata da uno skilift.
Cosi come non riesco a spiegare (e non se lo sono spiegato tanto neanche i medici in Italia) come possa aver fatto quasi un centinaio di km di quel tipo pista (su cui alcuni hanno abbandonato la moto) con una vertebra che al ritorno in italia si rivelò fratturata dal trauma subìto due giorni prima.
Probabilmente suona strano detto "da me", ma c'era qualcosa di ... serenamente spirituale che permeava quel posto e che mi portava su, anche se qualcuno più scettico attribuisce le mie sensazioni interiori più alle pere di Muscoril e Voltaren che mi stavo facendo da due giorni che alla mistica di quel luogo.
Di una cosa sono sicuro, non potendo comunicare appieno queste mie sensazioni non potevo far altro che dire a quelli a cui cercavo di "spiegare": "Vai e prova anche tu".
Bene (male).... ora non più:
[ leggi questo articolo per capire ]
Asfaltare quel posto definendolo progresso è come definire "progresso" il sostituire la Gioconda con uno schermo al plasma dove trasmettono Rete 4.
E qui che entra in gioco la biodiversità anche nelle culture.
La cultura tibetana è una delle più equilibrate e "diverse", un delicato mix di socialità,politica e religione "con saggezza e senza dio", che vede nella serenità della esistenza il valore principale, etremamente diversa dalla nostra.
La cultura cinese (i cinesi hannoo invaso il tibet nel 1955) è il più barbaro asservimento al profitto materiale e alla prevaricazione dell'uomo sull'uomo. Qualcuno potrà obiettare che negli USA non è molto diverso, ma almeno in USA in teoria questa cultura del profitto a tutti i costi affonda le radici in una società democratica, mentre di fatto in Cina si tratta di una società schiavista e con la totale assenza diritti umani e politici.
Nel silenzio colpevole di tutti qui come in molte parti dl mondo il genocidio è anche e soprattutto culturale. La cultura del telefonino e della coca cola sta soppiantando con la forza le altre culture simili o diverse, ovunque e non solo in Cina.
In piccolo, in piccolissimo in microscopico nella "biodiversità" ci ritroviamo un po' anche noi, intesi come motociclisti, magari un po' fuoristradisti.
Il "vero" motociclista è un frutto della biodiversità, una "devianza culturale" rispetto alla massa. Qui dentro c'è gente che non ha nemmeno l'auto, e chi più o chi meno ci sentiamo diversi da chi motociclista non è, non lo è ancora o non lo sarà mai.
Sfido qualsiasi motociclista "vero" a sostenere in tutta sincerità che si sente lo stesso di prima, di quando in moto non ci era mai andato.
E anche noi siamo in pericolo. Non in senso fisico, per carità.
Ma come sempre accade, le specie i sono in pericolo per la distruzione del loro habitat.
Da noi asfaltano l'Assietta, mettono divieti di circolazione sulle strade solo per le moto, ci vogliono far buttare via motocicli di pochi anni, ci perseguitano per "frecce non omologate" quando in giro ci sono auto in condizioni paurose, per lo più guidate da immigrati (clandestini, spesso senza patente) che sono pericolose anche in parcheggio. Le leggi sulla patente sono sempre più a favore delle auto, I servizi sono a misura d'auto, e se ad un incrocio muoiono delle persone in un incidente d'auto la notizia finisce sul giornale locale, se vengono falciate da una moto diventa una notizia da TG5 (stamattina) al pari di Veltroni candidato alle sinistre e Berlusconi che sale al quirinale.
Dalle cose (teoricamente) più importanti e enormi come il genocidio fisico e culturale in Tibet a quelle (teoricamente) molto meno importanti come l'Assietta e il genocidio della "nostra" micro-cultura, della nostra (minimale) biodiversità ...lo schema di massificazione è sempre quello.
La prossima volta che asfaltano un pezzo di Everst o che vietano una strada soltanto alle moto cerchiamo di non stare zitti.
Perchè non stanno asfaltando un pista polverosa, stanno "asfaltando" noi.

Ecco ciò che scomparirà per una fiaccola:
- Foto 1
- Foto 2
- Foto 3
- Foto 4
- Foto 5
(fonte: Bibo)


Inserisci un commento

Nome: Email: 2+2=?

Parental Advisory Bostro.Net
Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti 2011

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia!

Qualsiasi utilizzo non autorizzato dei contenuti pubblicati dal dominio www.bostro.net va segnalato al Bostro e bisogna richiedere la sua autorizzazione.

» www.bostro.net » info[at]bostro.net

» Privacy
Original Friulano
ORIGINAL FRIULANO!
KTM 990 Adventure Bostro.Net