Condividi questa pagina su Facebook

William Peter Blatty: L'Esorcista

Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 17/05/2020
Voto: leggi la recensione
Un prete archeologo durante degli scavi in Iraq viene preso dall'angoscia e una strana sensazione, prima di ripartire per l'America a lavori ultimati, lo turba profondamente mentre osserva la statua del demone Pazuzu. Nel frattempo negli Usa una donna sente dei topi nel solaio di caso, sopra la stanza di sua figlia: ma i topi non dovrebbero esserci, e nonostante il riscaldamento pienamente funzionante, la stanza è fredda. Cosa sta accadendo?

Recensione

Come ho fatto a fare trascorrere così tanti anni senza mai chiedermi se il magnifico film L'Esorcista fosse tratto da un libro? Per fortuna che Kindle Unlimited in prova me lo ha suggerito. Molto bella la prefazione di Edoardo Nesi, che già di per sé prepara all'orrore. 
Io non sono un estimatore della cinematografia per cui parto prevenuto, per me un libro è sempre meglio del film derivato e non mi è mai successo il contrario. Alcuni film vengono bene (La Strada, Il Gioco di Ender, Shining) altri invece meno bene, ma di certo è che il libro è sempre un passo avanti perché, semplicemente, la scrittura è più ampia della semplice visione. La visione occupa solo i sensi e ha una dipendenza dalla temporalità che la scrittura non ha. 
Per me un film è sempre qualcosa di incompleto quindi, ripeto, parto prevenuto e se siete qui per sapere se merita leggere il libro dato che il film vi è piaciuto, avrete capito che è una domanda a mio avviso totalmente senza senso.
Fatta questa premessa, non v'è dubbio che il sig. Blatty sa bene come usare il suo strumento di lavoro: il libro è scritto proprio bene e, rispetto al film, c'è una visione ben più ampia della storia nonché un rapporto più "materialistico" con l'approccio dei vari personaggi alla possessione di Regan che riesce  così a dare ancora più realismo alla vicenda col risultato che, come dice Nesi nella prefazione, ne viene fuori un libro che fa proprio paura. Paura di quella vera. La paura che proviamo nella vita quotidiano, non più solo quella che proviamo di fronte a un artificio.
Il film è rifatto pari pari ma ovviamente il libro è più lungo e sviluppa più approfonditamente varie cose. Magari alcune cose sono un po' rivedibili ma gran bel libro. La violenza e la cattiveria del demone sono impressionanti, molto più che nel film. Ho anche scoperto che la scena tagliata con Regan che scende le scale al contrario c'è anche nel libro ed è peggiore.

Vuoi saperne qualcosa di più? Controlla se ho inserito citazioni di William Peter Blatty

Tutti i libri di William Peter Blatty

  • L'Esorcista (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di William Peter Blatty
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Sulla lettura: un romanzo di sei parole?
    Genealogia di base della famiglia Moskat dal libro di Isaac Bashevis Singer
    Roger Deakin e l'anima dell'ecologia
    Recensione Kobo Aura Edition 2 vs Kobo Aura Classic
    Su Suraya Sadeed, la guerra in Afghanistan, i talebani, e chi ha ragione
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog



    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

    Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Aggiornamenti via feed RSS