Vedi figliolo, è la tua testa che fa il bar. Non il contrario. (N.D.)
Michele Marziani, Un ombrello per le anguille. Racconti scritti sull'acqua

AUTORE: Michele Marziani

TITOLO: Un ombrello per le anguille. Racconti scritti sull'acqua


Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 18/07/2017

Recensione

La pesca è stata ed è ancora la mia vita interiore. Non parlo spesso nella vita con Dio né con la mia anima, né con le persone care che ho perso per strada. Lo faccio pescando. Il mistero di quanto si nasconde sott'acqua è in grado di farmi riaffiorare i dubbi su quanto si nasconde nell'eternità. L'ingiustizia di un atto barbaro, primitivo - l'uccisione delle catture libera un dibattito interiore, mai risolto, ma infinitamente vitale. La pesca per me, a volte, è quasi una religione. È quello che non sono mai riuscito a far capire a mia madre, a mio padre, agli amici, alle donne che ho amato. Spero di riuscirci con i miei figli. Perché? Beh, perché io ho avuto un ottimo padre, ma oggi so che avrei voluto un padre pescatore. Qualcuno che mi segnasse le vie da percorrere, mi dicesse come fare il nodo per legare l'amo senza farmelo studiare sui libri con i disegni sempre poco chiari, qualcuno che si alzasse con me all'alba sapendo che cosa stavo provando.

Giudizio

Voto:
Dopo aver letto Il Pescatore di Tempo, piuttosto deludente perché pagina dopo pagina era un'aspettativa delusa, decido di dare una secondo possibilità a Michele Marziani. Fortunatamente, è stata una scelta saggia. Non mancano anche qui alcune uscite stilistiche da giornalista italiano, ma si può sorvolare perchè in questo libro Marziani diventa veramente scrittore. Anche qui, come nell'altro libro, abbiamo un volumetto piccolo con racconti della lunghezza di poche pagine: alcuni sono biografici, altri (suppongo) inventati. C'è una bella atmosfera che aleggia sopra alle storie: un'atmosfera perlopiù autunnale o primaverile, un'atmosfera di respira e condensa, di dita fredde, di berretto pesante, di occhi che lacrimano, ma anche un'atmosfera di odore di sigaretta umida, di vino contadino un po' acido ma buono, di risate in compagnie ma piuttosto velate, perlopiù c'è un grande silenzio. E c'è immancabile l'atmosfera di un placido torrente, luogo privilegiato di pesca di Marziani, con cascate e rapide ma d'acqua perlopiù bassa, di trote che saltano, di schizzi d'acqua e poi di trote che vengono ammazzate con un colpo sulla nuca, perché è inutile negarlo, la pesca è anche questa. Ho molto apprezzato che non si pieghi all'ecologismo opportunista, e che ammetta chiaro e tondo che l'esito più naturale della pesca sia il pesce che finisce in padella o sulla griglia: esaltare oltre ogni limite il Catch & Release o il No Kill è assurdo, perché non è ecologia sicuramente il ficcare un amo, per quanto piccolo, nel corpo di una trota, farla faticare e soffrire appesa a un gancio di ferro, farla soffocare per farle una foto... no, è ipocrisia. Ancora una volta, però, stilisticamente manca qualcosa; allo stesso tempo, mancano anche un po' di pagine, sia al libro in sé, sia ai singoli racconti.

Cerca citazioni di Michele Marziani tra quelle inserite!


Parental Advisory Bostro.Net
Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti 2011

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia!

Qualsiasi utilizzo non autorizzato dei contenuti pubblicati dal dominio www.bostro.net va segnalato al Bostro e bisogna richiedere la sua autorizzazione.

» www.bostro.net » info[at]bostro.net

» Privacy - Feed RSS
Original Friulano
ORIGINAL FRIULANO!
KTM 990 Adventure Bostro.Net