Bill Bryson, America Perduta. In viaggio attraverso gli USA

BILL BRYSON

America Perduta. In viaggio attraverso gli USA

Stato lettura: LIBRO ABBANDONATO
Storia di un viaggio nell'altra America, quella delle piccole città, in cui la vita è rimasta ferma negli anni '50. Dopo aver vissuto 10 anni in Inghilterra, il protagonista torna nei luoghi della sua fanciullezza. Con una vecchia Chevrolet percorre 22.500 km, vedendo quasi tutto quello che aveva previsto e molto di ciò che non aveva programmato.
Un ritorno alle radici. Un viaggio attraverso un presente irrimediabilmente rimasto ancorato al passato. Un appassionante vagabondaggio per le strade dell'America minore, dentro il cuore di quella "piccola città" che è l'anima segreta degli Stati Uniti. Su una vecchia Chevrolet, BilI Bryson, americano di nascita ma inglese d'adozione, percorre 22.500 chilometri all'inseguimento di un ricordo, restituendoci il fascino attonito del tempo che si ferma, l'amara dolcezza delle vie secondarie, la canzone di uno sterminato paese che continua a credere, a immaginare, a vivere fra le pieghe di un sogno domestico e provinciale. L'America degli anni cinquanta.

Giudizio

Voto:
Bill Bryson è uno scrittore dalla penna implacabilmente iconoclasta mediante l'uso dell'ironia che altro non è se non una presa per il culo. Mentre in In un Paese Bruciato dal Sole l'ironia era benevola e sostanzialmente complimentosa, mentre in Una Passeggiata tra i Boschi era affilata e di parte ma sostanzialmente simpatica e mitigata, qui è letteralmente insopportabile volgare e offensiva, mancando tra l'altro di spessore. Le prime 100 pagine non hanno assolutamente nulla, sono vuote: non c'è niente da scoprire, niente da imparare, niente di cui sorridere e niente che ti faccia venire voglia di pensare "Quanto vorrei essermi trovato lì anch'io con lui". No, c'è solo lui che va in macchina da una città all'altra parlandone decisamente male, insultando le persone e le società ma senza un costrutto soggiacente la narrazione, senza un parallelo, senza una costruttività o perlomeno un artificio letterario che giustifichi la cosa. Non c'è derivazione storica, non c'è approfondimento sociale o psicologica, non c'è aneddotistica, non c'è un cazzo di nulla, c'è lui che guida per una strada che non gli piace, arriva in un paese che non gli piace, guarda della gente che secondo lui è demente e ignorante e quindi riparte verso un'altra guidata e via dicendo. Asserisce pure che non ha mai letto nulla di Faulkner e sottintende che lo consideri uno scrittore da poco! Dopo il libro sull'Appalachian Trail non so se Katz gli restò amico, lo sputtana non poco ma nel complesso c'è molta "licenza letteraria" nella storia, certo ad esserne il protagonista sputtanato ti girano le palle ma per il lettore la sensazione è mitigata e oltretutto si intuisce una certa bonarietà affettuosa: in questo libro invece c'è solo boriosità e critica e insulti, immotivati perché non ne offre ragioni se non il suo punto di vista. Giuro, è fastidioso. Ho il sospetto che egli, essendo (o in procinto) trasferito in Gran Bretagna, tentasse così di darsi un tono coi suoi nuovi connazionali, ma il risultato è un libro vuoto e sterile, e il sospetto si realizza dopo un centinaio di pagine quando diventa quasi esplicito con vanterie per il fatto di abitare da anni in Gran Bretagna. Vi sono persino continue contraddizioni: critica il benessere borghese dell'americano capitalista (grasso e stupido), ma quando va nelle zone rurali e povere ne critica l'ignoranza e persino l'accento della parlata (perché da una parlata diversa si evincerebbe una minore intelligenza?); critica l'urbanizzazione, ma quando è in campagna critica le strade vuote prive anche di enormi cartelli pubblicitari che lui ricordava nell'infanzia; critica le distese di campi coltivati, ma quando si trova nella riserva ambientale degli Appalachi critica che è troppo selvaggia e persino disordinata (un ambiente naturale... disordinato!!); Arriva a dire che la riserva naturale degli Appalachi è una merda perché è totalmente priva di abitanti perché è stata sgombrata per lasciare spazio alla natura, e appena ne esce e si trova in una zona rurale montana con poche case sparse, si lamenta che ci sono. Si lamenta dell'America quando decide di svoltare in stradine laterali e si perde, non pensando che una carta di tutto lo stato non possa soddisfare questa esigenza (avete mai provato a viaggiare in Italia per stradine laterali con una mappa intera dell'Italia, che è una nazione ben che piccola?). Di continuo celebra se stesso contro "il turista". Non c'è disamina sociale delle zone rurali, non c'è riflessione storica sull'epopea coloniale, soprattutto non c'è celebrazione della natura e del paesaggio in un territorio che geologicamente è magnifico e meritererebbe pagine e pagine di canti lirici.
Quando arriva a Gettysburg ho mollato: sei in un luogo storicamente importante per quella nazione, una digressione avrebbe potuto farla. Diciamo chiaro e tondo: sei TU che hai voluto scrivere un libro sull'America! Invece della battaglia non dice nulla, se non che la visita non gli piace perché il museo ha solo elmetti mostrine e pallottole, e perché il campo dove avvenne la battaglia è solo un campo. Ora io chiedo: che cazzo avrebbe dovuto esserci??? Che poi vogliamo parlare di Londra e dei suoi millemila monumenti alle sue millemila guerre?
Dopo questo capitolo ho proseguito per qualche pagina, poi ho abbandonato. Un libro vuoto, senza digressioni, senza approfondimenti, senza cultura, senza lirismo, un libro vuoto, mi sono accorto che in oltre 150 non avevo imparato nulla e di un libro così non ho bisogno. 
Vorrei incrociarlo per dirgli "Ma che cazzo vuoi, Bryson? Non sei inglese! Non - sei - INGLESE!"
Se volete un libro antiamericano ce ne sono migliaia e migliaia, anche di scrittori italiani che fanno dell'antiamericanismo una specie di marchio marketing, ma almeno saranno intelligenti o dotti perché comunque la sinistra italiana è sempre stata colta e acculturata (peccato solo sia comunista). Questo libro qui potete tranquillamente lasciarlo perdere, è un libro ignorante e stupido.

Cerca citazioni di Bill Bryson tra quelle inserite!

Tutti i libri di Bill Bryson

  • America Perduta. In viaggio attraverso gli USA (stato: Abbandonato)
  • In un paese bruciato dal Sole, l'Australia (stato: Libro finito)
  • Notizie da un'isoletta (stato: Giacente in deposito)
  • Piccola Grande Isola (stato: Giacente in deposito)
  • Una passeggiata nei boschi (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Bill Bryson
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Genealogia di base della famiglia Moskat dal libro di Isaac Bashevis Singer
    Roger Deakin e l'anima dell'ecologia
    Recensione Kobo Aura Edition 2 vs Kobo Aura Classic
    Su Suraya Sadeed, la guerra in Afghanista, i talebani, e chi ha ragione
    Prima che fosse troppo tardi: scoprire Stephen King
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog
    Il Bostro-X
    © Federico "Bostro" Bortolotti www.bostro.net
    Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    » contatti » privacy policy


    Licenza Creative Commons
    www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
    Web Bostro.Net