Larry Niven, Il giorno dell'invasione

LARRY NIVEN

Il giorno dell'invasione

Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 09/11/2015

Recensione

Un misterioso oggetto individuato nello spazio nei pressi di Saturno sembra puntare direttamente verso la Terra. E chiaramente non è di origine naturale... L'immediata reazione delle grandi potenze è di reciproco sospetto, ma ben presto si fa strada l'ipotesi che anche l'impensabile possa accadere: la Terra sta per ricevere la visita di creature da un altro pianeta. Ed è ragionevole supporre che un'unica astronave in viaggio da secoli abbia intenzioni amichevoli... eppure questa conclusione è clamorosamente errata, perché subito gli alieni lanciano un fenomenale attacco, e d'improvviso la Terra si trova alla mercé degli invasori, le cui intenzioni rimangono oscure ma la cui strategia appare insuperabile. E' l'inizio di un epico conflitto senza esclusione di colpi dove è in gioco non solo la supremazia fra le due razze, ma la sopravvivenza stessa dell'umanità. Tuttavia l'esito appare segnato, perché infatti qualsiasi arma scagliata contro gli alieni si rivela inefficace, mentre essi colpiscono a piacimento con la massima potenza e precisione, seminando terrore e distruzione, e questo ancor prima di impiegare la loro arma suprema... Niven e Pournelle, autori del memorabile La strada delle stelle, hanno firmato un altro capolavoro, popolato da una galleria di personaggi indimenticabili, che è stato definito «il più emozionante e credibile romanzo di invasione aliena che sia mai stato scritto».

Giudizio

Voto:
Inquietante la progressione dell'invasione aliena. Veramente inquietante. Il libro è bello, intrigante, inquietante, angosciante, a tratti buffo. Ma ci sono delle cose che non mi sono andate giù.
1) il libro spinge anche sulle diatribe politiche scatenantesi in seguito all'invasione alienta. Mi pare un po' spinta all'eccesso questa cosa, soprattutto riguardo i russi che saranno quello che sono, ma non sono una manica di idioti. Vengono presentati troppo ossessivamente concentrati nella loro lotta al capitalismo e al consumismo occidentale, mentre penso che nonostante tutto, in una situazione di dramma estremo come quella presentata, non si barricherebbero in maniera così nevrotica dietro le loro credenze filosofico politiche.
2) il libro è un po' troppo cinematografico: la trama segue una linea che rispecchia più il cinema che la narrativa. Così ci sono un sacco di micro-avvenimenti inseriti nella narrazione che starebbero meglio in pellicola, mentre in una dimensione letteraria non fanno altro che rallentare la narrazione.
3) Gli alieni, come in buona parte della fantascienza, sono troppo "animali": in molti libri che parlano di invasioni aliene o contatti con altre razze queste ultime sono sempre più schiave di impulsi istintuali che nel nostro mondo vediamo più sugli animali. L'animale uomo è sempre più "libero"; più spinto a seguire l'etica, o le abitudini storicizzate, piuttosto che, come in questo caso, periodi di calore delle femmine, impulsi ormonali, istinti del branco, e via dicendo. Gli scrittori di fantascienza peccano, in sostanza, quasi sempre di antropocentrismo e, per creare una razza aliena, non fanno altro che prendere una forma umana e la "animalizzano". Un esempio: l'uomo ha l'estro nascosto, perché gli alieni no? O ancora più incisivo è il fatto del fango, del bagnarsi nel fango dei Pfith (o come cazzo si chiamano): il lavarsi nell'uomo non è solo un'abitudine, ma una necessità, e questo sembra sparire nel fatto che gli "elefantini" si dilettino a stare nel fango che non è assolutamente qualcosa di senso pratico, visto che lo fanno anche gli elefanti ma solo perché un elefante non può inventare il vestiario. Niven, in realtà, ha ideato un escamotage per giustificare questa caratteristica degli alieni: nel loro mondo c'era una razza intelligente precedente alla loro evoluzione, che loro chiamato i Predecessori, e ai cui reperti loro hanno attinto per costruire la nave spaziale. Sicché è una razza giovane d'evoluzione, ma con una tecnologia più avanzata della nostra. A mio avviso è un escamotage stupido. 4) Il finale è a dir poco vergognoso.
Nel complesso, comunque, nonostante questi punti, è un buon llibro di fantascienza intrigante che però avrebbe potuto essere scritto molto meglio.
Cerca citazioni di Larry Niven tra quelle inserite!

Tutti i libri di Larry Niven

  • Il giorno dell'invasione (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Larry Niven
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Roger Deakin e l'anima dell'ecologia
    Recensione Kobo Aura Edition 2 vs Kobo Aura Classic
    Su Suraya Sadeed, la guerra in Afghanista, i talebani, e chi ha ragione
    Prima che fosse troppo tardi: scoprire Stephen King
    Libri relativi al mondo della pesca
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog
    Il Bostro-X
    © Federico "Bostro" Bortolotti 2011

    Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.

    » www.bostro.net » contatti
    » Privacy Policy

    Licenza Creative Commons
    www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
    Web Bostro.Net