VAI ALLA HOME PAGE VAI AL MIO BLOG
Se la vita ora mi ha portato in questo percorso, beh, respiro a fondo, e lo affronto con coraggio. (Dez)

Citazioni, aforismi, motti di Arkadij Babchenko

INIZIALE AUTORE: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - TUTTE

CATEGORIA

TUTTE LE CITAZIONI
Filosofia
Motto
Narrativa
Scienze

Autori:

TUTTE LE CITAZIONI
AA.VV.
Ahmad Shah Massoud
Albert Camus
Alberto Denti di Pirajno
Alberto Vàzquez Figueroa
Aldoux Huxley
Aleksandr Puskin
Aleksandr Solgenitsin
Alfred de Vigny
Alfred Elton Van Vogt
Ambrogio Fogar
Anassimandro
André Gide
André Malraux
Antoine de Saint-Exupery
Antonio Fogazzaro
Arkadij Babchenko
Arnaud Rykner
Arthur C. Clarke
Arthur Rimbaud
Arthur Schopenhauer
August Strindberg
Ayaan Hirsi Ali
Beppe Donazzan
Bill Bryson
Blaise Pascal
Bonaventura
Bostro-X
Bruce Chatwin
Carl Gustav Jung
Carlo Cassola
Charles Baudelaire
Charles Bukowski
Charles Darwin
Charles Duchaussois
Charles Henneberg
Charles Sheffield
Cheryl Strayed
Chris Kyle
Christopher Hitchens
Chuck Palahniuk
Colette
Cormac McCarthy
Dak Elena
Dan Simmons
Daniel Kraus
David Hume
Derek Raymond
Dez
Dmitry Glukhovsky
Donald Davidson
Douglas Adams
E. T. A. Hoffmann
Elie Wiesel
Ella Maillart
Emanuele Severino
Emil Cioran
Ernest Hemingway
Ernst Junger
Etty Hillesum
Fedor Dostoevskij
Ferdinand Celine
Fernando Pessoa
Ferruccio Fölkel
Franco Minchia
François Mauriac
Francoise Sagan
Frank Herbert
Frederick Douglass
Frida Kahlo
Friedrich Nietzsche
G. W. Friedrich Hegel
Gabriel Garcia Marquez
George Orwell
Giorgio Bettinelli
Giovanni Falcone
Giulio Cesare Vanini
Gregory Benford
Gustave Flaubert
Hans Ruesch
Harper Lee
Heinrich Heine
Henry Miller
Herbert Marcuse
Howard Phillips Lovecraft
Ignazio di Loyola
Immanuel Kant
Ishmael Beah
Ivo Andrić
Jack Kerouac
Jack McDevitt
James Graham Ballard
Jean Paul Sartre
Jean-Pierre Valentin
Jerome David Salinger
Jim Morrison
Jirì Langer
Joe Hyams
Johann Wolfgang von Goethe
John Steinbeck
Jon Krakauer
Jonathan Franzen
Jonathan Lethem
Josè Saramago
Joseph Conrad
Jostein Gaarder
Karl Kraus
Kent Haruf
Khaled Hosseini
Knut Hamsun
Konrad Lorenz
Lem Stanislaw
Lewis Carroll
Linneo
Louis Sepulveda
Luchino Visconti
Luciano Bianciardi
Ludwig Wittgenstein
Malala Yousafzai
Marcel Proust
Marchese de Sade
Marco Deambrogio
Mark Owen
Mark Rowlands
Mark Twain
Massimo Marchiori
Max Stirner
Michael Dummett
Michel Houellebecq
Milan Kundera
Muhammad al-Nafzawi
Muriel Barbery
N.D.
Naghib Mahfuz
Nazer Mende
Norman McLean
Orson Scott Card
Oswald Spengler
Otto Weininger
Patrick McGrath
Patrick Modiano
Paul Auster
Paul Valery
Paul Watzlawick
Paulo Coelho
Pep Subiròs
Pete Dexter
Pete Hamill
Philip José Farmer
Philip K. Dick
Philip Roth
Pierre Benoit
Poul Anderson
Primo Levi
Ralph Sonny Barger
Ralph Waldo Emerson
Ray Bradbury
Reinaldo Arenas
René Descartes
Richard Ford
Richard Laymon
Richard Wagner
Robert Anson Heinlein
Robert E. Fulton Jr.
Robert Ervin Howard
Robert Macfarlane
Robyn Davidson
Roger Zelazny
Sasha Grey
Shmuel Yosef Agnon
Sigmund Freud
Soren Kierkegaard
Spinoza
Stanisław Jerzy Lec
Stephen Hawking
Steven Weinberg
Stig Dagerman
Sun Tzu
Suraya Sadeed
Sven Lindqvist
Ted Simon
Theodor W. Adorno
Theodore Monod
Theresa Wallach
Thierry Sabine
Thomas Bernhard
Thomas Cleary
Thomas Hobbes
Thomas Mann
Thomas McGuane
Thomas Paine
Timur Vermes
Tiziano Terzani
Vladimir Nabokov
Warren D. Allmon
Wilfred Thesiger
William S. Burroughs
Yukio Mishima
 
SCEGLI DA UNA DELLE SEGUENTI OPERE:
ATTENZIONE: LA RICERCA PER LIBRO PUO' DARE RISULTATI VUOTI ERRONEI.

LA GUERRA DI UN SOLDATO IN CECENIA, di Arkadij Babchenko

AUTORE FILTRATO: Arkadij Babchenko, nessun libro filtrato.

ELENCO CITAZIONI E AFORISMI, ORDINE PER AUTORE/LIBRO

Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
Anche loro devono urlare di notte e piangere mentre dormono e ficcarsi sotto il letto senza svegliarsi quando in cortile scoppia un petardo di Capodanno, guaire dalla paura, come è successo a noi. Sono colpevoli delle nostre morti tanto quanto quelli che ci hanno ucciso, come quelli che ci hanno spinti al massacro. Perché non hanno scioperato a Mosca, perché non hanno sbarrato le strade con i picc [continua...]
Categoria: Narrativa

Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
I piantoni cagano direttamente dai tetti, fare su e giù di corsa venti volte a notte è sfiancante. Il cielo notturno splende, oltre che di stelle brillanti, anche dei deretani bianchi dei soldati. Passare sotto i tetti diventa pericoloso. Sono ricominciate le perdite di sangue, i calzoni sono tutti incrostati. Fra l'altro, quelle perdite le abbiamo tutti. Il retto si gonfia e sporge dal sedere [continua...]
Categoria: Narrativa

Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
Dio protegge i bambini e i cretini.
Categoria: Narrativa

Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
In Cecenia è stata uccisa tutta la nostra generazione, un'intera generazione di russi. Anche quelli di noi che sono rimasti vivi sono forse gli stessi allegri diciottenni che un giorno sono stati condotti all'esercito? No, siamo morti. Siamo morti tutti in questa guerra. [continua...]
Categoria: Narrativa

Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
Conosciamo un'unica virtù: il sacrificio di noi stessi. "Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici" (Vangelo di Giovanni) Questo è il nostro credo. Se un giorno mi dovessero domandare: "Per che cosa hai combattuto?" risponderei: "Per quelli che si appiattivano a terra accanto a me". Abbiamo combattuto solo l'uno per l'altro. [continua...]
Categoria: Narrativa

Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
In crudeltà talvolta superiamo gli adulti, perché siamo giovani. I bambini sono crudeli per natura e questo è un tratto della nostra vera età che ci è rimasto. Ci aiuta a sopravvivere e a uccidere gli altri. In guerra l'uomo non è più un uomo, ma un altro essere. Non abbiamo cinque sensi, ce n'è un sesto, un settimo, un decimo, che come tentacoli spuntano dai nostri corpi e nella guerra germogl [continua...]
Categoria: Narrativa

Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
Il battaglione entra in un villaggio. E' quasi intatto, hanno sparato poco, ma gli abitanti non si vedono. Sulla piazza centrale il vento a volare le carte e la polvere a mulinelli. Tutt'intorno alla piazza, proprio davanti alle case, sono piantate delle grandi croci. Ci sono appesi soldati russi crocifissi, sono inchiodati per le mani ai bracci, ognuna ha nel petto i fori dei proiettili. Li ha [continua...]
Categoria: Narrativa

Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
Ho sempre creduto che la guerra fosse in bianco e nero. Invece è a colori. Non è vero che qui "gli uccelli non cantano e gli alberi non crescono", come narra il nostro bardo Bulat Okudzava. Gli uomini uccidono in mezzo a tinte vivaci, in mezzo al verde degli alberi, sotto un cielo terzo e turchese. Tutt'intorno imperversa la vita. Gli uccelli cantano a voce spiegata, l'erba è punteggiata di [continua...]
Categoria: Narrativa


[ Pagina 1 di 1 ]
Parental Advisory Bostro.Net
Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti 2011

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia!

Qualsiasi utilizzo non autorizzato dei contenuti pubblicati dal dominio www.bostro.net va segnalato al Bostro e bisogna richiedere la sua autorizzazione.

» www.bostro.net » info[at]bostro.net

» Privacy - Feed RSS
Original Friulano
ORIGINAL FRIULANO!
KTM 990 Adventure Bostro.Net