Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Arkadij Babchenko

TRATTO DA: La guerra di un soldato in Cecenia

Il battaglione entra in un villaggio. E' quasi intatto, hanno sparato poco, ma gli abitanti non si vedono. Sulla piazza centrale il vento a volare le carte e la polvere a mulinelli.
Tutt'intorno alla piazza, proprio davanti alle case, sono piantate delle grandi croci. Ci sono appesi soldati russi crocifissi, sono inchiodati per le mani ai bracci, ognuna ha nel petto i fori dei proiettili. Li hanno castrati tutti.
Il comandante di battaglione ordina una zacistka: il villaggio viene rastrellato.
Trascinano tutti gli uomini che trovano sulla piazza, li ammucchiano insieme e danno il via alla carneficina. Un soldato tiene schiacciato un ceceno per terra con il piede, mentre un altro gli tira giù i pantaloni e con due o tre colpi bruschi taglia via lo scroto.

Categoria: NARRATIVA
SCOPRI TUTTE le citazioni di Arkadij Babchenko presenti tra le mie citazioni

Recensioni libri di Arkadij Babchenko



Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus, poi però ho notato che aveva inserito delle pubblicità e siccome non mi piacciono a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete.
Potete comunque continuare a postare commenti agli articoli della sezione blog


© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima