Condividi su Facebook | Commenta

Karl Richter e le sue interpretazione per organo delle opere di Johann Sebastian Bach

Categoria: MUSICA

Inserito in DATA: 04/12/2017
Vai ai COMMENTI
Karl RIchter è il mio interprete preferito di Bach. 
Lo scoprii anni fa per caso in TV e rimasi senza parole. Ora voglio far conoscere questo magnifico interprete e questi magnifici video. Sono proprio i video con cui li scoprii: li vidi in una stazione TV che allora era una mezza stazione a pagamento, ogni tanto facevano dei periodi gratuiti nel corso della giornata, e di solito c'era solo musica classica.
Lo registrai in videocassetta perché lo facevano quasi ogni settimana, e lo riguardai penso mille volte.
E' incredibile la mole di concentrazione e intelligenza che traspare dal suo volto.
Le sue interpretazioni sono magnifiche: c'è rigore della partitura e dell'interpretazione fedele, come si noterà rispetto ad altri organisti il tempo è regolare e quasi metronomico ma non eccessivo; non ci sono i rallentamenti, le pause, le troncatura tipiche di chi vuole dare grandiosità quasi romantica a un pezzo così magnifico, non c'è l'eccessivo virtuosismo né la celebrazione di se stessi tipica di quei musicisti che non fanno altro che sbattere i capelli a destra e a sinistra o che suonano tutto a velocità impressionante a dire "Guarda come sono bravo"; il suo è pulito, le note splendenti e perfettamente riconoscibili. Non ho dubbi che Bach suonasse così. Ricorda molto Arrau che, maestro incomparabile della tecnica pianistica, a sentirlo pareva quasi uno studente tanto assente era la volontà di impressionare.
Karl Richter nel tempo divenne sempre più cieco a causa di un glaucoma: prima di diventarlo del tutto cominciò a memorizzare quanti più spartiti riusciva, e si fece costruire un organo in casa, in modo da poter suonare anche una volta che la cecità fosse completa.
Morì a 55 anni per problemi di cuore, dopo comunque essere diventato completamente cieco. Quando, durante un'intervista, gli chiesero dove trovasse tutta la forza interiore per continuare a lottare per l'arte, egli disse "We Richters don’t grow old" - "Noi Richter non diventiamo vecchi".
Spero che i video rimangano su Youtube per sempre, e ringrazio infinitamente l'esistenza di Internet per poterne godere ancora.






Magnifica anche la sua direzione, con accompagnamento al clavicembalo, dei leggendari Concerti Brandeburghesi sempre del sommo Johann Sebastian Bach.


Qui, infine, la interpretazione al clavicembalo di forse uno dei pezzi più belli di Bach, l'Aria dalle Variazioni Goldberg:


Commenti all'articolo

Premetto che il sistema di commenti è mio indipendente e non prevede memorizzazione di indirizzi email o altro nel database. Si usa solo un nickname, così non rompete le balle con la privacy. Attenzione però, i commenti non saranno visibili finché io non li avrò validati.



Commenta con Disqus!



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima