Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Stephen King

TRATTO DA: IT

Guardò la nebbia del mattino, fuori dalla finestra.
"Io mi sento come si deve sentire un uccello quando viene l'autunno e sa... lo sente, ma è come se lo sapesse razionalmente, che deve tornare a casa. E' istinto, cara... e probabilmente credo che l'istinto sia lo scheletro di ferro che c'è sotto tutte le nostre idee di libero arbitrio. Se non ha deciso di ciucciare il tubo del gas o mangiare la canna della pistola o di fare una lunga passeggiata su un pontile molto corto, ci sono cose alle quali non si può dire di no. Non ti puoi rifiutare di accettare l'alternativa che ti si offre, perché non ce ne sono altre. Non puoi impedire che succeda, come non si può impedire di essere colpiti da una palla a effetto quando ti trovi in casa base con la mazza fra le mani. Devo andare. Quella promessa... ce l'ho nel cervello come un amo per pesci".

COMMENTO ALLA CITAZIONE:

Il monologo è di Bill mentre tenta di spiegare ad Audra, all'inizio del romanzo, perché deve tornare a Derry, nonostante non si ricordi nulla del perchè fece quella promessa né (ancora) con e a chi.

Citazione inserita il
Categoria: NARRATIVA

SCOPRI TUTTE le citazioni di Stephen King presenti tra le mie citazioni

Recensioni libri di Stephen King



Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus ma siccome non mi piacciono le pubblicità a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete. A me non cambia nulla (anzi).

© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Visitando il sito si sottintende la presa visione delle CONDIZIONI D'USO

Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima