Condividi su Facebook | Commenta

Citazioni, aforismi, motti celebri da libri o recuperati

Scegli e filtra una CATEGORIA: TUTTE Bostro Filosofia Motto Narrativa Scienze
CONSULTA L'ELENCO DI TUTTI GLI AUTORI DI CITAZIONI, AFORISMI, MOTTI

RICERCA per autore/libro/citazione:

Ti senti fortunato? Leggi una citazione casuale

Stephen Hawking, "Il Grande Disegno"
C'è una differenza fondamentale tra la religione, basata sull'autorità, e la scienza, basata sull'osservazione e la ragione. La scienza vincerà perché funziona.
Categoria: Scienze
Arthur Schopenhauer, "Aforismi sulla saggezza del vivere"
Per quanto l'amicizia, l'amore e il matrimonio uniscano gli uomini strettamente, in fondo ciascuno è interamente onesto soltanto con se stesso.
Categoria: Filosofia
Arthur Schopenhauer, "N.D."
Io so bene che mi sentirò ripetere che la mia filosofia è disperata; ma solo perché io parlo secondo verità, e gli uomini vogliono sentire invece le lodi di Dio che ha ordinato il tutto secondo il meglio. Ma allora andate in chiesa e lasciate i filosofi in pace.
Categoria: Filosofia
Immanuel Kant, "Critica della Ragion Pura"
Cento talleri reali non contengono assolutamente nulla di più di cento talleri possibili.
Categoria: Filosofia
Friedrich Nietzsche, "Così parlò Zarathustra"
L'uomo è un cavo teso tra la bestia e il superuomo, – un cavo al di sopra di un abisso.
Categoria: Filosofia
Friedrich Nietzsche, "Genealogia della morale - Prefazione"
Siamo ignoti a noi medesimi, noi uomini della conoscenza, noi stessi a noi stessi: è questo un fatto che ha le sue buone ragioni. Non abbiamo mai cercato noi stessi - come potrebbe mai accadere, un bel giorno, di trovarsi?
Categoria: Filosofia
Friedrich Nietzsche, "Umano, troppo umano"
Non sono pochi gli uomini versati in quel sudicio raggiro di se stessi consistente nel volgere il proprio torto in torto altrui [...] per poter in tal modo portare molto più facilmente il proprio peso.
Categoria: Filosofia
Emil Cioran, "L'inconveniente di essere nati"
Rari sono i giorni in cui, proiettato nella post-storia, io non assista all'ilarità degli dèi al termine dell'episodio umano.
Categoria: Filosofia
Arthur Schopenhauer, "Aforismi sulla saggezza del vivere"
All'uomo intellettualmente dotato la solitudine offre due vantaggi: prima di tutto quello di essere con sé stesso e, in secondo luogo, quello di non essere con gli altri.
Categoria: Filosofia
Otto Weininger, "Sesso e Carattere"
La vera liberazione dello spirito non la si può raggiungere con un esercito, per numeroso e combattivo che sia: è il singolo - la singola donna - che deve darsela da sé stessa, combattendo. Contro chi? Contro quanto le si oppone nel suo stesso animo. Il grande, l'unico nemico dell'emancipazione della donna, è la donna stessa.
Categoria: Filosofia
Arthur Schopenhauer, "Il Mondo come Volontà e Rappresentazione"
Il nucleo e lo spirito più profondo del cristianesimo è identico a quello del bramanesimo e del buddismo: tutti insegnano la grave colpa della razza umana causata dalla sua semplice esistenza.
Categoria: Filosofia
Emanuele Severino, "Il Parricidio Mancato"
La musica è la casa natale della parola, ma solo le parole che in questa casa vengono alla luce la riconoscono come la loro casa natale e come la rievocazione del grido.
Categoria: Filosofia
Emanuele Severino, "Il Parricidio Mancato"
Il grido. Sta all'inizio della vita dell'uomo sulla terra. Il grido di caccia, di guerra, d'amore, di terrore, di gioia, di dolore, di morte. Ma anche gli animali gridano; e per l'uomo primitivo grida anche il vento e la terra, la nube e il mare, l'albero, la pietra, il fiume. Ma solo l'uomo si raccoglie attorno al proprio grido, in assenza degli eventi che l'hanno provocato.
Categoria: Filosofia
Emanuele Severino, "Che cosa fanno oggi i filosofi?"
Che parlando ci s'intenda, questo non è mai qualcosa di garantito.
Categoria: Filosofia
Arthur Schopenhauer, "N.D."
Quanto più uno possiede in se stesso, di tanto meno egli necessita del mondo esterno. Ecco perché la superiorità dello spirito rende poco socievoli
Categoria: Filosofia
Arthur Schopenhauer, "Il mondo come volontà e rappresentazione"
Ora, è difficilissimo raggiungere e menare a compimento alcunché: a ogni novero proposito contrastano difficoltà e fatiche senza fine, e a ogni passo si accumulano gli ostacoli. Quando poi finalmente tutto è superato e raggiunto, nient'altro ci si può guadagnare, se non d'essere liberati da una sofferenza, o da un desiderio: quindi ci si trova come prima del loro inizio, e non meglio. Direttamente [continua...]
Categoria: Filosofia
Arthur Schopenhauer, "Il mondo come volontà e rappresentazione"
L'uomo, come la più compiuta oggettivazione [... della ...] volontà, è per conseguenza anche il più bisognoso di tutti gli esseri: è in tutto e per tutto un volere, un abbisognare reso concreto, è il concremento di mille bisogni. Con questi egli sta sulla terra, abbandonato a se stesso, incerto di tutto fuor che della propria penuria e delle proprie necessità: l'ansia per la conservazione di quell [continua...]
Categoria: Filosofia
Arthur Schopenhauer, "Il mondo come volontà e rappresentazione"
Noi vogliamo piuttosto liberamente dichiarare: quel che rimane dopo la soppressione completa della volontà è invero, per tutti coloro che della volontà ancora son pieni, il nulla. Ma viceversa per gli altri, in cui la volontà si è rivolta da se stessa e rinnegata, questo nostro universo tanto reale, con tutti i suoi soli e le sue vie lattee, è - il nulla.
Categoria: Filosofia
Anassimandro, "N.D."
Onde è la nascita per le cose che esistono, lì si compie anche la loro dissoluzione secondo necessità.
Categoria: Filosofia
Friedrich Nietzsche, "Da un carteggio"
[...] gli strumenti con i quali scriviamo prendono parte alla formazione dei nostri pensieri.
Categoria: Filosofia
Carl Gustav Jung, "N.D."
Non posso credere in ciò che non conosco, e non ho bisogno di credere in ciò che conosco.
Categoria: Scienze
Ludwig Wittgenstein, "Pensieri diversi"
In una giornata si possono vivere i terrori dell'inferno; di tempo ce n'é più che abbastanza.
Categoria: Filosofia
Ludwig Wittgenstein, "Ricerche filosofiche"
Non si tratta di spiegare un giuoco linguistico per mezzo delle nostre esperienze, ma di prender atto di un gioco linguistico.
Categoria: Filosofia
Ludwig Wittgenstein, "Ricerche filosofiche"
"Il significato della parola è ciò che viene spiegato dalla spiegazione del significato". Cioè: se vuoi comprendere l'uso della parola "significato", guarda quello che si chiama "spiegazione del significato".
Categoria: Filosofia
Ludwig Wittgenstein, "Ricerche filosofiche"
Spesso riusciamo a scorgere i fatti importanti solo dopo aver soppresso la domanda "Perché?".
Categoria: Filosofia
Ludwig Wittgenstein, "Ricerche filosofiche"
L'essenza è espressa nella grammatica.
Categoria: Filosofia
Ludwig Wittgenstein, "Ricerche filosofiche"
L'osservare non produce l'osservato. [E piuù avanti] Le interpretazioni non determinano il significato.
Categoria: Filosofia
Ludwig Wittgenstein, "Ricerche filosofiche"
Un problema filosofico ha la forma: "Non mi ci raccapezzo".
Categoria: Filosofia
Ludwig Wittgenstein, "Ricerche filosofiche"
Ben presto le ragioni mi verranno meno. E allora agirò senza ragioni.
Categoria: Filosofia
Ludwig Wittgenstein, "Ricerche filosofiche"
Lo stato civile della contraddizione, o il suo stato nel mondo civile: questo è il problema filosofico.
Categoria: Filosofia
Oswald Spengler, "L'uomo e la tecnica"
Noi uomini del XX secolo tramontiamo e nel contempo stiamo a guardare.
Categoria: Filosofia
Oswald Spengler, "Il tramonto dell'Occidente"
Ma "l'umanità" non ha alcuno scopo, alcuna idea, alcun piano, così come non lo ha la specie delle farfalle o quella delle orchidee: "umanità" è o un concetto zoologico o un vuoto nome.
Categoria: Filosofia
Oswald Spengler, "Il tramonto dell'Occidente"
La massa è il niente, è il nulla radicale.
Categoria: Filosofia
Oswald Spengler, "Il tramonto dell'Occidente"
Le civiltà sono degli organismi. La storia mondiale è la loro biografia complessiva. La storia grandiosa della civiltà cinese o di quella classica è, morfologicamente, in esatta corrispondenza con la piccola storia dell'individuo umano, di un animale, di una pianta, di un fiore. [...] Ogni civiltà attraversa le stesse fasi dell'individuo umano. Ognuna ha la sua fanciullezza, la sua gioventù, la [continua...]
Categoria: Filosofia
Konrad Lorenz, "Il declino dell'uomo"
Lo spirito umano è: un prodotto dei fattori creativi dell'evoluzione naturale [...] Ma poi lo spirito umano ha reso inoperante la selezione naturale, perché è riuscito a eliminare in modo praticamente completo tutte le influenze ostili del mondo esterno.
Categoria: Scienze

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima