Condividi su Facebook | Commenta

Citazioni, aforismi, motti di Narrativa

Scegli e filtra una CATEGORIA: TUTTE Bostro Filosofia Motto Narrativa Scienze
CONSULTA L'ELENCO DI TUTTI GLI AUTORI DI CITAZIONI, AFORISMI, MOTTI

RICERCA per autore/libro/citazione:

Ti senti fortunato? Leggi una citazione casuale

Primo Levi, "Se questo è un uomo"
Nach dem Abort, vor dem Essen / Hände waschen, nicht wergessen. / (dopo la latrina, prima di mangiare, lavati le mani, non dimenticare) [canzone fatta cantare agli internati nei lager]
Primo Levi, "Se questo è un uomo"
La confusione delle lingue è una componente fondamentale del modo di vivere quaggiù [nel lager].
August Strindberg, "L'olandese"
Quest’albero verde è nero nella tenebra e solo alla luce sembra verde! Sembra!
August Strindberg, "L'olandese"
Ma sì, tutti gli uomini sono nemici; amicizia e amore non sono che armistizi. E gli uomini usano tra di loro le donne come armi.
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Tutti chiedono dei segni e dei miracoli, e segni e miracoli ci sono, ma nessuno sa chi li operi, poiché le potenze nere non sono meno capaci, nelle arti magiche, delle potenze bianche.
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Mi ripugna, rigettare vigliaccamente le mie colpe sulle spalle d’un innocente. [Cristo]
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Soffriamo dunque, fratelli miei, senza sperare dalla vita una sola gioia solida, poiché siamo all’Inferno.
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Sorridere alla morte! E come sarebbe possibile, se la vita non fosse ridicola in sé?[Nota mia: cfr. Marco Aurelio: "La morte sorride a tutti, non possiamo che sorriderle a nostra volta"]
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Spiegare? S’è mai spiegato qualcosa, se non parafrasando una quantità di parole con un’altra quantità di parole?
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Vorrei diventare religioso, ma non posso perché esigo il miracolo.
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Hanno il fiato pesante, i morti, come i dissoluti dopo una notte di bagordi.
Knut Hamsun, "Fame"
Hai creato il mio cuore dormendo?
Jirì Langer, "Le nove porte – I segreti del Chassidismo"
E’ nostro dovere dare [almeno] il decimo del nostro guadagno per scopi benefici. Ma la tua beneficenza non deve superare il quinto dei tuoi guadagni. Altrimenti non è più beneficenza, ma dilapidazione. [dal Talmud]
Jirì Langer, "Le nove porte – I segreti del Chassidismo"
L’uomo non ha un “io”. E’ un nulla, un nulla assoluto, perché secondo la spiegazione del libro cabbalistico Tiqqunìm, la parola ebraica ayin, cioè “niente”, e la parola anyi, “io”, sono composte dalle stesse lettere diversamente raggruppate.
Antonio Fogazzaro, "Malombra"
[…] la grazia delicata dell’ingegno femminile colto [...]
Antonio Fogazzaro, "Malombra"
Gli amici delle ore tristi sono pochi e il vino è il più fedele.
Antonio Fogazzaro, "Malombra"
Il dolore è […] in certi casi un confortante indizio di vitalità morale, perché dove non vi è dolore, vi è cancrena.
Thomas Bernhard, "Perturbamento"
L’uomo è un essere basso e volgare e […] chi lo ha creato, proprio per questo, è un essere ancora più basso e volgare di lui.
Thomas Bernhard, "Perturbamento"
La vita è sempre faticosa, finché non se ne esce, e il piacere consiste nel sopportarla con raziocinio. La maggior parte degli uomini sono sentimentali, non raziocinanti, e proprio per questo la maggior parte di loro finisce nella disperazione e non nel raziocinio. “Ma il raziocinio di cui sto parlando” dissi “non ha nulla di scientifico".
Thomas Bernhard, "Perturbamento"
Era un errore […] chiudere gli occhi di fronte al fatto che tutto è malato e triste.
John Steinbeck, "Piano della Tortilla"
La morte è una faccenda personale che suscita dolore, disperazione o sconsolata filosofia. I funerali, d’altra parte, sono una funzione sociale. […] Per nessuna altra funzione sociale le regole dell’umana condotta son rigide come per i funerali.
John Steinbeck, "Al Dio sconosciuto"
L’orologio caricato da Elisabeth batteva sempre, conservando nella propria molla la pressione della mano di lei, e i calzini di lana che ella aveva appeso ad asciugare sul parafuoco erano ancora umidi. Queste erano parti vitali di Elisabeth e non erano ancora morte. La vita non può essere rapidamente recisa. Uno non può essere morto finché non siano morti gli oggetti da lui mutati. E pensava: “La [continua...]

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima