Condividi su Facebook | Commenta

Catullo

Ad Aurelio

Padre di tutti gli affamati che conosci
e di quelli che furono, sono e saranno
negli anni da venire, tu Aurelio,
desideri inculare l'amor mio
e non ne fai mistero: appiccicato a lui,
giochi, ti strofini, le provi tutte.
Non servirà: mentre mi tendi queste insidie
io prima te lo ficcherò in bocca.
E pace se tu lo facessi a pancia piena,
ma non posso tollerare, accidenti a me,
che il mio ragazzo impari a patir fame e sete.
Piantala dunque, giusto finché sei in tempo,
che tu non debba farlo a cazzo in bocca.

Altre poesie di Catullo

Ad Aurelio - di Catullo
Dopo aver traversato terre e mari, - di Catullo
Il Passero - di Catullo
Odi et amo - di Catullo
Vivamus, mea Lesbia, atque amemus, - di Catullo
Cerca libri di Catullo oppure anche citazioni e aforismo di Catullo

Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus, poi però ho notato che aveva inserito delle pubblicità e siccome non mi piacciono a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete.
Potete comunque continuare a postare commenti agli articoli della sezione blog


© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima