Ricognizione 4Passi 17/05/2009

Ricognizioni 4Passi2009
Domenica 17 maggio è programmata una ricognizione per il vicino 4 Passi a Nord Est ed. 2009 della TA-Veneta. E' una delle ultime, perché il 4 Passi è vicino. E siamo preoccupati per la situazione neve, poiché pare ce ne sia ancora molto, nei boschi.
Arrivo su con Vale, la mia morosetta, in ritardo, causa Passo di Rest chiuso ed alcuni problemi alla moto che mi costringono ad una pausa di una ventina di minuti. Mi attendono Franz, Bepi, Lupa, Mattia.
Proviamo una stradina che ci dovrebbe portare ad un rifugio, ma dobbiamo abbandonare causa neve. Quando scendiamo scopro che gli altri il giorno prima hanno provato la Lavardet, la neppure erano riusciti a cominciarla causa un muro di neve. Lo sterrato delle malghe quindi neppure l'hanno provato, se la Lavardet era così quello sarà o uguale o peggio. Tuttavia neppure l'asflato è salvo: lo Zoncolan è chiuso causa neve e frane, e anche la strada che da Casera Razzo va a Sauris è chiusa per frane. Hanno già pensato ad alternative per il giro d'asfalto, ma ora ci si chiede che fare per il giro off. Presumibilmente, poiché non ci sono alternative, lo cancelleremo.
Per mangiare Bepi decide di portarci in Val D'Oten: non ho capito se lui l'abbia già fatta, quella strada, oppure no. Comunque ci troviamo a percorrere uno sterratone ghiaioso veramente da godumimento puro... Dai monti vicini scende un ghiacciaio che deve aver creato, direttamente o con l'acqua dello scioglimento, un letto di fiume in cui le moto sprofondano e ci fanno sudare 7 camicie. Arrivati presso alla capanna degli alpini, dove avremmo dovuto mangiare, facciamo una lunga tappa di recupero del Bepi. Infatti, tutti noi fermi di fronte ad una lingua di neve, non lo vediamo arrivare.
Nessuno ovviamente ipotizza che Bepi sia caduto; Bepi non cade! Ma magari un guasto alla moto... Quando io mi avvio a piedi a cercarlo, dopo alcuni minuti, sono effettivamente un po' preoccupato... Lo trovo più indietro fermo: la catena, ormai notevolmente usurata, gli è caduta. La rimettiamo su e riparte, mentre io con ovvia fatica da fumatore mi incammino per tornare indietro.
La neve non ci va di farla, al ritorno dovremmo farla in salita e nessuno ha voglia di spingere le nostre pesanti moto. Per cui facciamo dietro-front e ripartiamo allegri verso il rifugio all'inizio dello sterrato. Va tutto bene, fino a quando vedo gli altri arrivare e prendere una via sbagliata; li faccio fare inversione, devono salire per un dosso su cui io sono arrivato poco prima. Mattia finisce al suolo inaugurando una nuova stagione di cadute per il suo Kappone!!!
Raggiungiamo il rifugio, e finalmente viene il momento migliore. "Gradiremmo mangiare qualcosa, ma poco, ché dobbiamo fare strada". In realtà ci alzeremo da lì 4 ore dopo almeno, con una quantità impressionante di birra e grappe e cibo nello stomaco!
Gran bella giornata. Perlomeno utile, poiché scopriamo che il gestore del rifugio è disposto a portarci in giro per tutto il giorno in fuoristrada in quella splendida valle... Sezione OFF del 4 Passi a NE salva!
Grazie ragazzi, siete mitici!
Foto di Bepi

Il Bostro-X, lì 09/06/2009




© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS