Condividi su Facebook | Commenta

# Prede pescate

Introduzione

Qui trovate i pesci che ho pescato, non necessariamente tenuti perché non vado pazzo per il pesce e, quando riesco, li rimollo.
CATEGORIA GALLERIA: PESCA
Alcune foto di pesci che ho pescato. Dopo il primo anno fatto a pesca a fondo con verme o camola, mi sono convertito allo spinning sia per una questione di comodità, sia perché è più consono alla pratica del cosiddetto catch&release ossia pesca a rilascia. In pratica, si pesca per il gusto di pescare e non per portare a casa la trota. Non l'ho adottata con fanatismo religioso come molti dei pescatori che si vantano di se stessi in maniera quasi patologica: visto che il pesce in Friuli è poco, rilasciare un pesce mi dà la possibilità di ripescarlo più avanti. Non è detto che sopravviva, ovviamente: ma nel caso muoia, se lo mangerà il fiume e non sarà comunque sprecato.
Con amo e camola o verme il catch&release diventa quasi impossibile: liberare il pesce significa doverlo tenere fuori dall'acqua non poco, maneggiarlo abbondantemente con le mani, essere invasivi mediante uno slamatore. Questo perché l'esca è vera e il pesce la ingoia con gusto. Spesso mi sono ritrovato, i primi tempi che cominciai a schiacciare l'ardiglione, a dover comunque abbattere il pesce perché ormai era mezzo morto e sanguinante. Mi convertii così allo spinning: l'esca è finta, e anche grandina, difficilmente il pesce la ingoia intera perché o è troppo grande, o del resto si accorge che è solo un pezzo di metallo o di plastica. Inoltre si pesca a recupero, e la ferrata è dunque immediata.
Lo spinning inoltre è più pratico: tolte le mille alternative che ci sono, è possibile pescare portandosi dietro la canna, qualche moschettone, una scatoletta di artificiali, e basta. Ottimo insomma per chi come me non ha mai tempo a disposizione e quando la giornata lavorativa ha si e no due ore totali di luce per recarsi sul posto di pesca, montare tutto e partire.
Detto ciò, alcune prede me le porto invece a casa, sappiatelo: le ammazzo, e le metto in padella o in alternativa in freezer.
Comunque il problema del catch&release è che spesso, se non sei attrezzato, non ti resta nessuna foto. Con le mani sporche di muco di pesce l'ultimo dei miei pensieri è toccare il telefono: da un lato lo smerdi in maniera atroce, dall'altro spesso il muco non fa funzionare bene il touchscreen come mi successe ad esempio con una marmorata mastodontica. Le uniche prove della cattura che mostrai alla morosa fu l'enormità di muco che avevo addosso.
Se volete ci sono anche dei video che tengo in una galleria separata: li trovate a Video di Pesca

Il Bostro-X, lì 02/05/2017


Commenta con Disqus!



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima