Girello per la Carnia 09/2012

Girello in Carnia, 23/09/2012
- Codroipo
- Piancavallo
- Barcis
- Forcella di Pala Barzana
- Poffabro
- Tramonti di sotto, panino con la porchetta
- Passo di Rest
- Passo del Pura
- Ritorno dritto per Trasaghis
- Birra a Vidulis
- Birra a Dignano
http://goo.gl/maps/TtsYK

ieri sono partito con un amico che ha da poco comprato una bellissima Triumph Bonneville.
Il progetto er andare a Pedavena per vedere la fantastica AmMazarol race e salutare gli amici, ma il tempo buttava male e ci seccava rischiare di trovarci là, con due ore buone di strada a separarci da casa, e il risschio di un diluvio che il solito Meteo poco credibile dava per certo.
Decidiamo di fare Piancavallo e Barcis, e da lì scegliere se fare Longareno, Belluno, pedavena, o il da farsi eventuale.
Saliamo sul Piancavallo dove le nubi sono basse e minacciose, c'è buio e soprattutto si muore di freddo. A metà salita mi fermo a mettere la felpa, perché sono comunque partito con un magliocino di cotone sottile e la canotta. la salita è come al solito bella, mi piace molto quella strada.
Ma in cima non ci fermiamo ovviamente molto...
Scendiamo a Barcis.
Da tanto tempo non ci vado, ed ho voglia di rifare quella bella discesa che verso la fine comincia a mostrarti tra gli alberi lo specchio verde d'acqua di questo lago che forma un panorama tra i più belli delle alpi, a mio parere, che sarà pure di parte, ma non troppo.
Ed invece... man mano che gli alberi si aprono e la discesa volge al termine, un panorama ben diverso di mostra... Non posso crederci, rinuncio anche alla foto dall'alto che volevo fare.
Scendiamo, attraversiamo il ponte di assi di legno e ci fermiamo, davanti agli occhi la desolazione di un lago senz'acqua, nelle narici l'odore nauseabondo sollevato dalla secca.
Beviamo un thè io e un caffè lui per riscaldarci, e decidiamo definitivamente di abbandonare l'idea di andare a Pedavena. Ad oriente invece, un po' a nord, il cielo pare più fiducioso.
Partiamo, passiamo la prima galleria, svoltiamo ad Andreis (inr ealtà sbaglio strada, faccio il mega tunnel, poi inversione e rifaccio quella merda di chilometrica tomba montana), e ci buttiamo per la bellissima Forcella di Pala Barzana, che ho scoperta un po' di anni fa ma da un bel po' non torno.
la Forcella regala panorami montani di rara bellezza, a mio parere, che però non perdo tempo a fotografare perché mi sto finalmente tornando a godere in pieno la mia moto, e la mia regione.
Ci fermiamo nel bellissimo borgo di Poffabro a fare una pausa.
Il tempo crede in noi, noi crediamo in lui. Sembra quasi che ci segua una zona di bel tempo, uan specia di "nuvoletta bianca" inversa alla solita fantozziana...
Ripartiamo, Navarons, dopo aver sbagliato strada ritrovandoci a Frisanco, quindi da lì ci buttiamo verso Tramonti, per fare lo splendido Rest.
A Tramonti di sotto ci fermiamo in una trattorietta che c'è sulla strada e che conosco già, dove mangiamo un'ottimo panino con la porchetta calda, e beviamo una birretta.
Il Passo di Rest si preannuncia come sempre maestoso. Io lo adoro, e ci sono stato tantissime volte, di solito ci andavo da solo quando mi prendevo le mie mitiche "Giornate del Bostro".
Sul Passo di rest veniamo preceduti da due Vespe coi motori truccatissimi che si fanno il passo a velocità allucinante, facendo i tornanti con una aggressività che desta ammirazione!
Le fotteremo comunque in seguito, perché finito il Rest noi ci buttiamo verso il Passo del Pura, loro andranno su per la strada normale e noi arriveremo prima.
Li rimbocchiamo all'ingresso delle gallerie allucinanti di Sauris, e ci riconoscono sorridendo complici.
Alla fine del Pura fa un freddo becco, siamo stanchini, e il tempo ormai pare dirci "Bon, io vi ho dato una mano, ma non prendetevi tutto il braccio!".
Decidiamo di non salire dunque a Sauris, dove la pausa prosciutto e birra ci porterebbe via almeno un'ora, e torniamo a casa, facendo la strada di cavazzo e Trasaghis, sosta nel mitico pub di Vidulis a bere una birra, e un'altra birretta a Dignano per "sondare" un bar dove il persistente numero di macchine parcheggiate da entrambi spesso notato ci fa sospettare che ci sia un figa al bancone.
Ed è così.
Però hanno pure buona birra... in bicchieri di coccio!
Che bella regione che abbiamo, ragazzi!

Visualizzazione ingrandita della mappa

Il Bostro-X, lì 24/09/2012




© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS