Condividi su Facebook | Commenta

Montaggio contakm Koso su Africa Twin

Introduzione

Montaggio contakm Koso risoltosi in fallimento totale
CATEGORIA GALLERIA: MOTO
Koso 1^ Ed. @ Nick
Ovvero, far finta di fare i tecnici, al solo scopo di ritrovarsi assieme, ridere, mangiare e sbronzarsi.
Tutto nasce quando io con la semplice scusa di un ingranaggio in teflon del contakm da cambiare - mi pare costi attorno ai 12 € - decido di sostituire l'intera strumentazione con una digitale professionale - costo 140 €. Una scelta senza ombra di dubbio incriticabile!
Insomma, la scelta della strumentazione cade su una ampiamente utilizzata che ha il grande difetto, tuttavia, di avere un nome di marchio da Bimbominkia: la strumentazione Koso. Salgono subito alla mente decine e decine di ignobili battutine: "Oh, ho il coso!" - "Il coso cosa?" - "Ma quando montiamo il coso?" - "Ho il coso che non funziona".
Mi arriva il pacco, apro la scatola, rimango quasi deluso dalle ridottissime dimensioni del coso - il coso cosa? ah no, il Koso! - ma soprattutto resto atterrito di fronte al cesto di fili che esce dalla strumento. Richiudo tutto nella confezione, e posto immediatamente una richiesta di aiuto nel forum AfricaFVG.
Michele mi risponde che è una cazzata, che mi manda lui lo schema elettrico e che posso farlo da solo; splendida persona, ma piuttosto ingenua! Non ha ancora letto, probabilmente, gli articoli "tecnici" nel mio sito internet.
In pratica, meglio se non tocco nulla.
Interviene a questo punto Nick che, in maniera molto seria, faceta, professionale, comunica che anche lui deve montarlo sulla sua Special da off-road cazzuto, e che a casa sua ha un'officina già pronta, per cui possiamo trovarci una sera di queste da lui e fare il tutto. Nessuno sospetta la trappola; il subdolo individuo programma persino come giorno dell'operazione un anonimo lunedì che fuga ogni possibilità di dubbio. Chi infatti cercherebbe la distruzione di lunedì?!?
Tuttavia ci sono alcune parole nascoste con tecnica subliminale nei suoi discorsi, parole che a tratti riemergono dalle profondità dell'inconscio e destano un po' di preoccupazione. Parole quali "costa", "vermentino", e similaria. Quando poi lunedì mattina mi arriva un SMS con scritto "Porta due bottiglie di bianco per lo spritz" ancora io fiducioso nei suoi propositi, penso ad una semplice aperitivata pre-lavoro, per mitigare il caldo asfissiante di quei giorni, o per rinfrancare l'animo stanco dal lavoro estivo.
Giunge dunque la sera, cala il sole, io passo dalla mia Ale a prendere due bocce di Tocai, ed arrivo a casa di Nick con il Tripmaster e le carene anteriori già staccate per agevolare il lavoro di Miky. Il quale è del resto già all'opera sulla moto di Nick. Sento volare degli "Accidenti", o "Che casino", "Cazzo l'impianto è diverso dal mio", che mi preoccupano. Guardo la mia moto e comincio a sospettare che tornerò a casa nello stesso modo di come vi sono partito... Non sospetto ancora che tornerò messo ben peggio!.
Mentre Miky sforna ingiurie di ogni tipo contro la RD04 di Nick (lui ha una RD07, io una RD07A) e la posizione terribile in cui è messo il bulbo dell'acqua, compare sornione Nick con una brocca di spritz di Tocai e 3 bicchieri ricolmi di fresca bevanda con cubetti di ghiaccio. Come dire di no? In pratica, comincia senza che ce ne rendiamo conto, il delirio assoluto!
Io e Nick cominciamo a darci dentro coi tagli. Ma, credetemi, di brutto. Bicchieri riempiti fino all'orlo consumati in 2 o 3 sorsi, mentre Miky lavora come uno schiavo. A tratti lo frustiamo per farlo lavorare più in fretta... No, in realtà è che io non so fare una pippa, e Nick invece non aveva proprio voglia di farla, la pippa! Per cui io, dopo aver finito di smontare la mia strumentazione, non posso che restare a guardarla triste e sconsolato, e penso che neanche questa volta riuscirò a vedere il 99999,99 sul contakm!
Miky abbandona quasi subito la moto di Nick, perché ha un impianto elettrico diverso, e si butta dunque sulla mia. Sono contento! "Cazzo, forse torno a casa col coso. Cosa? Koso!" e per la felicità mi servo un altro spritz brindando con Nick che osserva tutto marginalmente.
Oro. ANzi, argento. Bronzo. Ferro. Rame. Diomul. Miky non combina con lo schema elettrico, perché la mia moto ha già un rubinetto benzina diverso, è stato tirato un cavo per la lampadine della riserva, è stato cambiato qualcos'altro, io non ci capisco un cazzo, fisso Miky e MikMat (che è arrivato nel frattempo e non beve, ma aiuta Miky), mi bevo il taglio vivendo il dramma del crollo dei miei sogni.
PAUSA!
La costa è pronta, e conviene mettere qualcosa sotto i denti.
La costa, ottima, è innaffiata con dell'altro ottimo vino, e poi arriva Cristina e via di Spritz, e poi c'è l'anguria che tutti noi mangiamo senza accorgerci che Nick ci ha svuotato dentro una bottiglia di Rum, e poi si torna alle moto, e si lavora, si cerca di capire, si cerca di fare, e burp, "Un altro taglio Nick", ma cazzo..... Niente da fare. Mi ritrovo a mezzanotte a tornare a casa con la moto disfatta, sbronzo, e penso che se mi fermano i carabinieri e mi beccano sbronzo e con una moto smontata come minimo si mettono a ridere. E poi mi inculano.
Il giorno dopo mi ritrovo con la moto nel furgone e io seduto sul bordo del cassone, pensieroso. Devo portarla a casa di Miky, così ci lavora da solo e coi suoi attrezzi. Quel ragazzo è un mito! Simpaticissimo, gentile, disponibile! Un mito!
Arrivo a casa sua dopo, ovviamente, essermi perso. Scarico la moto, e un'ora e mezza dopo riparto, la moto già a buon punto, animo rincuorato. E' fatta!
Due giorni dopo vado a prenderla e me la riporto a casa funzionante, col Koso montato. Devo ancora fare i collegamenti al contagiri, li farò la settimana dopo col mio meccanico, collegandolo alla bobina.
Il primo viaggio di notte col Koso è traumatico. Ci ritroviamo con tutyto il gruppo a mangiare un'ottima costata al Pilutti's, e scopro con terrore che non c'è un controllo della luminosità. Quando guida di notte sembro dunque uno di quegli esauriti che mettono le luci blu, solo che la mia tira direttamente sugli occhi!
Ad oggi, sono passate alcune settimane, il contakm ancora segna una velocità poco crewdibili, ma non ho né voglia né tempo di metterci le mani, per cui... chi se ne chiava, va bene così!
Ma quanto è bella questa moto? :-)

Il Bostro-X, lì 19/08/2011


Commenta con Disqus!



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima