Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Albert Camus

TRATTO DA: Lo straniero

Ho creduto per molto tempo non so per quale ragione che per andare alla ghigliottina si dovesse salire su un catafalco, fare alcuni gradini. […] In realtà la macchina era posata direttamente per terra. […] Ci si fanno sempre delle idee esagerate su ciò che non si conosce. Invece dovevo constatare che tutto è molto semplice: la macchina è allo stesso livello dell'uomo che vi si avvia. Egli vi giunge allo stesso modo che se andasse incontro a qualcuno. In un certo senso anche questo era antipatico. La salita verso il catafalco, quel l'ascesa verso il cielo, erano tutte cose cui poteva aggrapparsi la fantasia. Mentre invece,in realtà, ancora una volta la meccanica sopprimeva tutto: si era uccisi in maniera discreta, con un po' di vergogna e molta precisione.

Categoria: NARRATIVA
SCOPRI TUTTE le citazioni di Albert Camus presenti tra le mie citazioni

Recensioni libri di Albert Camus



Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus, poi però ho notato che aveva inserito delle pubblicità e siccome non mi piacciono a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete.
Potete comunque continuare a postare commenti agli articoli della sezione blog


© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima