Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Elie Wiesel

TRATTO DA: La notte

Poi cominciò la sfilata. I due adulti non vivevano più. La lingua pendula, ingrossata, bluastra. Ma la terza corda non era immobile: anche se lievemente il bambino viveva ancora...
Più di una mezz'ora restò così, a lottare fra la vita e la morte, agonizzando sotto i nostri occhi. E noi dovevamo guardarlo bene in faccia. Era ancora vivo quando gli passai davanti. La lingua era ancora rossa, gli occhi non ancora spenti.
Dietro di me udii il solito uomo domandare: "Dov'è dunque Dio?"
E io sentivo in me una voce che gli rispondeva: "Dov'è? Eccolo: è appeso lì, a quella forca".
Quella sera la zuppa aveva un sapore di cadavere.

Categoria: NARRATIVA

COMMENTO ALLA CITAZIONE:

Wiesel qui racconta un'impiccagione. Durante le impiccagioni tutti gli internati erano costretti ad assistere, quindi alla fine erano costretti a passare in sfilata davanti agli appesi e guardarli in faccia.

SCOPRI TUTTE le citazioni di Elie Wiesel presenti tra le mie citazioni

Recensioni libri di Elie Wiesel



Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus, poi però ho notato che aveva inserito delle pubblicità e siccome non mi piacciono a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete.
Potete comunque continuare a postare commenti agli articoli della sezione blog


© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima