Share | RSS | sab 20/07/2024 | Menu

Galileo Galilei

(citazione senza fonte)

Tribunale del Sant'Uffizio: "Diciamo, pronuntiamo, sententiamo e dichiariamo che tu, Galileo sudetto...ti sei reso a questo S. Off.o vehementemente sospetto d'heresia, cioè d'haver tenuto e creduto dottrina falsa e contraria alle Sacre e divine Scritture, ch'il sole sia centro della terra e che non si muova da oriente ad occidente, e che la terra si muova e non sia centro del mondo".
Galileo Galileo: "Io Galileo [...] inginocchiato avanti di voi [...] havendo davanti gl'occhi miei li sacrosanti Vangeli, quali tocco con le proprie mani, giuro che sempre ho creduto, credo adesso, e con l'aiuto di Dio crederò per l'avvenire, tutto quello che tiene, predica et insegna la S.a Cattolica et Apostolica Chiesa. [...] con cuor sincero e fede non finta abiuro, maledico e detesto li sudetti errori et heresie, e generalmente ogni et qualunque altro errore, heresia e setta contraria alla S.ta Chiesa. [...] Io Galileo Galilei sodetto ho abiurato, giurato, promesso e mi sono obligato come sopra; et in fede del vero, di mia propria mano ho sottoscritta la presente cedola di mia abiuratione et recitatala di parola in parola, in Roma, nel convento della Minerva, questo dì 22 giugno 1633".

COMMENTO ALLA CITAZIONE:

Condanna del Tribunale del Sant'Uffizio nei confronti di Galilei Galileo e sua abiura, stesa di mia propria mano (e per fortuna che era ancora in grado di scrivere) il 22 giugno 1633, a imperitura memoria di ciò che fu la Chiesa Cattolica e di come è potuta diventare la potenza economica e temporale che è oggi. Non parlo di spirituale perché nulla vi è nella Chiesa di tale caratteristica.

Citazione inserita il 22/06/2022
Categoria: SCIENZE




© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Visitando il sito si sottintende la presa visione delle CONDIZIONI D'USO
CONTATTI: info[at]bostro.net

Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima