Facebook | Commenta | È mercoledì 08/02/2023

Anatolij Kuznecov

Fonte/libro: Babij Jar

Una volta, durante la lezione, ci ordinarono di aprire il libro di testo alla pagina con il ritratto di Postysev e di strapparla: Postysev si era rivelato un nemico del popolo.  E lo fucilarono, anche se ci aveva donato l'abete.
Per i nostri cervelli di bambini fu uno shock, ma non ci diedero neanche il tempo di raccapezzarci, ne fecero subito un sistema, qualcosa di normale e consueto.
Un giorno ordinavano di strappare nuove pagine, un altro di cancellare ben bene con l'inchiostro delle righe e dei nomi. Rovinare i libri di scuola era perfino divertente, la cosa piacque a tutti da morire. 
Una volta, a lezione, d'improvviso si spalancò la porta dell'aula, entrarono agitatissimi il direttore, il suo vice e il responsabile della cellula del partito, e ordinarono: « Quaderni sui banchi! ». 
Sulle copertine dei quaderni era stampato per bellezza un mazzo di fiori. Tutti i quaderni con quei fiori furono immediatamente ritirati e portati nel locale caldaie, dove vennero bruciati nel focolare.
Risultò che tra i fiori era stata scoperta una corona zarista mimetizzata. E si diceva che per quel maledetto quaderno molte persone erano state arrestate, ed erano scomparse chissà dove.

COMMENTO ALLA CITAZIONE:



Citazione inserita il
Categoria: NARRATIVA

SCOPRI TUTTE le citazioni di Anatolij Kuznecov presenti tra le mie citazioni

Recensioni libri di Anatolij Kuznecov


Commenti Disqus

A gennaio 2023 ho riattivato i commenti tramite la piattaforma Disqus, ma siccome rilascia cookie, se volete fruirne ma non la vedete dovete aggiornare le vostre preferenze sui cookie


© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Visitando il sito si sottintende la presa visione delle CONDIZIONI D'USO

Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima