Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Jón K. Stefánsson

TRATTO DA: Paradiso e Inferno


Non gli restavano che pochi momenti da trascorrere con i figli e con le loro domande ingenue che ci avvicinano all'essenziale. Papà, perché il sole non cade, perché non vediamo il vento, perché i fiori non sanno parlare, dove va il buio d'estate, e la luce durante l'inverno, perché le persone muoiono, perché dobbiamo mangiare gli animali, non sono tristi, quando morirà il mondo?
Categoria: NARRATIVA

COMMENTO ALLA CITAZIONE:

Tradurre questo libro non dev'essere stata un'impresa facile, ma il traduttore utilizza a mio avviso troppa punteggiatura come del resto va di moda oggi. Perché mettere la virgola dopo il buio d'estate? E a cosa si riferisce quel non sono tristi tra due virgole? Suppongo agli animali, ma quindi perché mettere la virgola, che separa, e non una congiunzione?

Cerchi altro? Torna a tutte le citazioni di Jón K. Stefánsson presenti tra le mie citazioni


Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus, poi però ho notato che aveva inserito delle pubblicità e siccome non mi piacciono a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete.
Potete comunque continuare a postare commenti agli articoli della sezione blog


© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima