Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Jón K. Stefánsson

TRATTO DA: Paradiso e Inferno


Accidenti, la cerata, l'ho dimenticata, e Bardur impreca ancora una volta, impreca per essersi inutilmente impegnato a memorizzare i versi del Paradiso Perduto, concentrandosi a tal punto da dimenticare di prendere la sua cerata. Andrea se n'č sicuramente accorta e sarŕ preoccupata per lui che ora trema di freddo, esposto al vento polare. Ecco che scherzi puň giocarci la poesia. Bardur coniuga tutte le invettive che la vita gli ha insegnato, e non sono poche. Le invettive sono dei piccoli tizzoni ardenti e possono riscaldare, ma le parole hanno ben scarsa tenuta contro il vento che viene dal Polo, penetra attraverso i vestiti e si infila nella carne, e una giubba decente č mille volte meglio e piů importante di tutte le poesie del mondo.

Categoria: NARRATIVA

COMMENTO ALLA CITAZIONE:

Esempio della scrittura che caratterizza questo libro. Dialoghi ristretti e mai virgolettati, riposti indistinti nel mezzo di frasi quasi a perdersi in esse e somigliare piů a pensieri o considerazioni. Metafore e perifrasi poetiche che si scontrano sempre con la dura e fredda crosta ghiacciata del mondo reale e che anche quando scendono nel cuore dell'uomo concludono col ferirlo.

Torna a tutte le citazioni di Jón K. Stefánsson presenti tra le mie citazioni

Tutti i libri di Jón K. Stefánsson

  • Paradiso e Inferno (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Jón K. Stefánsson

  • Commenta con Disqus!



    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti č distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

    Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi č proprietŕ intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima