Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Emanuele Severino

TRATTO DA: Hemingway, il nichilista che sapeva uccidere


Hemingway aveva imparato che il piacere della vita è inseparabile dal dolore: la vita è lotta – è «guerra», diceva l'antichissimo Eraclito".
[...]
Hemingway concepiva la sincerità come il supremo comandamento morale. Anche e innanzitutto nella scrittura, che non deve nascondere quello che l'uomo prova veramente. Il culmine della follia non è forse pensare che l'essere è il nulla? E «nichilismo» non è forse, innanzitutto, pensare che l'essere è nulla? E non è forse per questo antico pensiero che possono esser maturate tutte le radicali distruzioni che scandiscono la storia dell'Occidente?
Categoria: FILOSOFIA

COMMENTO ALLA CITAZIONE:

Articolo Hemingway, il nichilista che sapeva uccidere pubblicato su Il Corriere della Sera del 28/09/2008

Torna a tutte le citazioni di Emanuele Severino presenti tra le mie citazioni

Tutti i libri di Emanuele Severino

  • La Buona Fede (stato: Abbandonato)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Emanuele Severino

  • Commenta con Disqus!



    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

    Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima