Condividi questa pagina su Facebook

AUTORE: Jared Diamond

TRATTO DA: National Geographic


Nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo il miglioramento della qualità della vita è un obiettivo politico prioritario. Ma i milioni di persone che vivono in quei paesi non hanno la pazienza di aspettare che chi li governa riesca a garantir loro uno standard di vita più elevato nel corso della loro esistenza.
Piuttosto quel benessere se lo vanno a cercare ora, emigrando, con o senza visto, nei paesi sviluppati, soprattutto nell'Europa occidentale, negli Stati Uniti e in Australia, provenienti da Africa, Asia e America Latina. Che cerchino opportunità economiche, asilo politico, o un rifugio dalla violenza, è ormai chiaro che è impossibile controllare le recenti ondate migratorie che avvengono un po' in tutto il mondo.
Non tutti però potranno raggiungere gli standard di vita dei paesi sviluppati. Basta fare due conti.
L'indice di consumo medio pro capite indica la quantità di combustibili fossili e altre risorse che una persona consuma in media in un anno. Nei paesi ricchi questi indici sono fino a 30 volte più alti rispetto ai paesi poveri. Moltiplicando la popolazione attuale di ciascun paese per il suo indice di consumo medio pro capite di una risorsa - per esempio, del petrolio - e sommando i dati dei singoli paesi, si ottiene l'attuale indice di consumo globale di quella risorsa.
Adesso rifacciamo il calcolo considerando per tutti i paesi in via di sviluppo un indice di consumo fino a 30 volte più alto di quello attuale.
Ne risulta un indice di consumo globale 10 volte maggiore di quello attuale che, con l'attuale distribuzione degli indici di consumo, equivarrebbe a una popolazione mondiale di circa 80 miliardi di persone. I più ottimisti sostengono che la Terra possa sostenere 9 miliardi e mezzo di abitanti, ma nessun ottimista sarebbe così pazzo da affermare che può sostenere l'equivalente di 80 miliardi di abitanti.
Noi promettiamo ai paesi in via di sviluppo che basterà adottare buone politiche, ad esempio governare con onestà, per raggiungere il benessere. Ma questa promessa è una beffa crudele. Il mondo non ha abbastanza risorse. Abbiamo difficoltà a sostenere lo stile di vita dei paesi sviluppati già adesso, e a goderne è soltanto 1 dei 7,5 miliardi di abitanti che popolano la Terra.
Spesso gli americani parlano della crescita dei consumi della Cina e di altri paesi in via di sviluppo come di "un problema" che vorrebbero non esistesse. Naturalmente il "problema" continuerà a esserci: anche in altri paesi la gente vuole godere degli indici di consumo di cui godono gli americani. E quella gente non ascolterebbe di certo se si dicesse loro di non fare quello che gli americani fanno già. La sola strada sostenibile per questo mondo globalizzato è rendere gli indici di consumo più o meno uguali per tutti i paesi. Peccato che l'attuale livello di stile di vita dei paesi sviluppati non sia sostenibile, e lo è ancora di meno l'idea di portare i paesi in via di sviluppo a quel livello.
Ciò significa che siamo condannati al disastro? No! Si potrebbe anche arrivare a una situazione stabile, in cui tutti i paesi convergono su indici di consumo inferiori a quelli di cui godono oggi le nazioni sviluppate. "Non sacrificheremo il nostro standard di vita per quella gente!", potrebbero obiettare gli americani. Come disse una volta l'ex vicepresidente degli Stati Uniti Dick Cheney, "lo stile di vita americano non è negoziabile". Ma la cruda realtà della disponibilità di risorse del pianeta dice che lo stile di vita americano cambierà, che piaccia o no. Quella è davvero una realtà che non si può negoziare.
Per quanto possa sembrare allarmante, sono convinto che non sarebbe un grosso sacrificio. Perché? Perché gli indici di consumo e il benessere, benché correlati, non sono interdipendenti.
Categoria: SCIENZE

COMMENTO ALLA CITAZIONE:

Fonte National Geographic
Si badi che Diamond non sta portando una critica al solo sistema americano, semplicemente (come fa di solito) di quello parla perché quello conosce meglio, essendo lui americano.

Torna a tutte le citazioni di Jared Diamond presenti tra le mie citazioni

Tutti i libri di Jared Diamond

  • Armi, acciaio e malattie. Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni (stato: Libro finito)
  • Collasso. Come le società scelgono di morire o vivere (stato: Giacente in deposito)
  • Il mondo fino a ieri. Che cosa possiamo imparare dalle società tradizionali? (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Jared Diamond



  • © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

    Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Aggiornamenti via feed RSS