Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Tiziano Terzani

TRATTO DA: Buonanotte, signor Lenin


Per decenni l'Occidente ha avuto paura di tutto quello che quel cadavere rappresentava e ispirava. Ora mi viene come una gran paura per quello che avverrà nel vuoto lasciato da quel cadavere. Come è possibile che tutti i sogni e le sofferenze cominciati nel 1917 coi dieci giorni che scossero il mondo siano finiti così in tre giorni d'agosto che non hanno scosso granché? Possibile che la Grande Rivoluzione d'Ottobre sia morta così, nel suo letto, a settantaquattro anni, semplicemente di vecchiaia? Finita senza catarsi? Senza resa dei conti? Sgonfiata come un pallone? Mi pare impossibile che la fine di quella lunga storia di illusioni e di assassinii, di speranze e di orrori sia tutta qui, in questo spegnersi come di un fuoco. Forse che il peggio ha ancora da venire?
Categoria: NARRATIVA

COMMENTO ALLA CITAZIONE:

La riflessione nasce mentre Terzani si trova, alla fine del suo viaggio, a visitare il mausoleo di Lenin contenente la sua salma mummificata. Quando dunque dice quel cadavere inizialmente si rivolge al cadavere di Lenin che però, per antonomasia, il cadavere dell'Unione Sovietica appena deceduta.

Torna a tutte le citazioni di Tiziano Terzani presenti tra le mie citazioni

Tutti i libri di Tiziano Terzani

  • Buonanotte, signor Lenin (stato: Libro finito)
  • In Asia (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Tiziano Terzani

  • Commenta con Disqus!



    © il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

    Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

    Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
    Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima