Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Ferruccio Fölkel

TRATTO DA: Dio ride, io pure. Storielle ebraiche


Isacco Steif all'ingresso del paradiso mostra il suo lasciapassare.
"Entra" dice l'angelo portiere.
"Non posso" risponde Steif.
"Sei un imbecille" dice l'angelo indispettito "con quel lasciapassare..."
"Ti prego" lo supplica Isacco Steif "fammi parlare prima con l'Altissimo".
Viene condotto alla sua presenza.
"Signore Benedetto" dice Steif "non posso entrare".
"Ma se ti ho dato l'autorizzazione".
"Signore, ho un problema che mi angustia e ho bisogno di sfogarmi".
"Be'" risponde l'Onnipotente "io non sono uno psicoanalista, puoi parlare liberamente".
"C'č una macchia terribile nella mia famiglia".
"E cioé?"
"Mio figlio si č convertito".
Risponde l'Altissimo: "E che importa? Noi siamo gente d'affari; pensa, lo ha fatto anche mio figlio, ma va benissimo cosě. Su entra!"
Categoria: NARRATIVA
Cerchi altro? Torna a tutte le citazioni di Ferruccio Fölkel presenti tra le mie citazioni

Commenta con Disqus!



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti č distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi č proprietŕ intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima