Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Arkadij Babchenko

TRATTO DA: La guerra di un soldato in Cecenia

Ho sempre creduto che la guerra fosse in bianco e nero. Invece è a colori.
Non è vero che qui "gli uccelli non cantano e gli alberi non crescono", come narra il nostro bardo Bulat Okudzava.
Gli uomini uccidono in mezzo a tinte vivaci, in mezzo al verde degli alberi, sotto un cielo terso e turchese. Tutt'intorno imperversa la vita. Gli uccelli cantano a voce spiegata, l'erba è punteggiata di fiori. I morti giacciono sull'erba, e non sono affatto spaventosi; fanno parte di questo mondo a colori. Con un morto accanto è possibile ridere e chiaccherare, l'umanità non si arresta e non esce di senno alla vista di un cadavere. E' terribile solo quando sparano a te.
E' davvero strano che la guerra sia a colori.

Categoria: NARRATIVA
SCOPRI TUTTE le citazioni di Arkadij Babchenko presenti tra le mie citazioni

Recensioni libri di Arkadij Babchenko



Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus, poi però ho notato che aveva inserito delle pubblicità e siccome non mi piacciono a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete.
Potete comunque continuare a postare commenti agli articoli della sezione blog


© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima