Condividi su Facebook | Commenta

AUTORE: Charles Bukowski

TRATTO DA: Donne

Mi spogliai, lasciai i vestiti in un mucchio disordinato sul divano. Non ero mai stato elegante. Le mie camicie erano tutte stinte e strette, vecchie di 5 o 6 anni, consunte. Lo stesso per i pantaloni. Odiavo i grandi magazzini, odiavo i commessi, avevano una tale aria di superioritÓ, sembrava che conoscessero il segreto della vita, avevano una fiducia in se stessi che io non possedevo. Portavo sempre scarpe vecchie e scalcagnate, non mi piacevano nemmeno i negozi di scarpe. Non comperavo mai niente fino a quando proprio non potevo farne a meno, comprese le automobili. Non era questione di taccagneria, solo non riuscivo a sopportare di essere un compratore che aveva bisogno di un venditore, quando i venditori erano cosi belli e distaccati e superiori. E poi ci voleva un sacco di tempo, tempo che si poteva tranquillamente passare sdraiati a bere da qualche parte.

Categoria: NARRATIVA
SCOPRI TUTTE le citazioni di Charles Bukowski presenti tra le mie citazioni

Recensioni libri di Charles Bukowski



Fino a marzo 2021 era possibile postare commenti tramite Disqus, poi per˛ ho notato che aveva inserito delle pubblicitÓ e siccome non mi piacciono a meno che non facciano intascare soldi a me, ho rimosso il modulo. Quindi, riguardo ai commenti, d'ora in poi vi fottete.
Potete comunque continuare a postare commenti agli articoli della sezione blog


© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti Ŕ distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi Ŕ proprietÓ intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima