CATEGORIE:
Consigli installazione Linux Ubuntu e software essenziale

Consigli installazione Linux Ubuntu e software essenziale

Categoria: INFORMATICA

Inserito in DATA: 23/05/2012
Vai ai COMMENTI
A mio parere i sistemi Linux sono ormai maturi per l'utilizzo privato. Il professionale è - sfortunatamente - perlopiù vincolato a Winzoz, per via di software non portati a Linux, e di documenti perlopiù redatti in Office che solo in minima parte possono essere utilizzati anche con OpenOffice o LibreOffice.

Ma a casa, potete tranquillamente installarlo senza problemi.

Tenete comunque conto che con Wine riuscite ad installare anche Office 2010 nel vostro sistema Linux! Funziona pure bene (a parte Access, e qualche altra cagata), ma risulta a volte un po' instabile.

Vi segnalo due articoli tratti da Gizmo's Freeware che introducono al mondo del software Linux.

Tips and Tricks for Ubuntu after Installation
Consigli e trucchi dopo l'installazione di Ubuntu

Una volta che avete messo a punto il sistema, potete cominciare a sbizzarrirvi con ll'enorme repository di Ubuntu, installando software a volontà, di tutti i generi (si si, anche giochi!)

E di nuovo Gizmo's ci viene in aiuto

Best Free Software for Linux
Il miglior software gratuito per Linux
Faccio una parentesi: fino a poco tempo fa, per due anni circa, ho utilizzato sempre Linux Mint. Mi ci trovavo bene, meglio che con Ubuntu. Sfortunatamente con l'ultima versione Mint ha introdotto l'interfaccia Gnome 3, con la quale dopo due mesi circa non ero ancora riuscito a famigliarizzare. A quel punto ho pensato che se proprio dovevo avere un'interfaccia innovativa, tanto valeva passare alla Unity di Ubuntu... che tra le due è ben più innovativa... Oltretutto a casa ho ora anche un minimo di connessione, per cui non avevo più problemi con i pacchetti extra di Ubuntu. Per comprendere quest'ultima postilla, continuate a leggere.

La differenza tra le due distro (Mint è basata comunque sempre sull'ultima versione stabile di Ubuntu) è che mentre Ubuntu fornisce sempre un sistema che rispetta l'Open Source, e quindi non fornisce librerie ed applicazioni che in qualche modo siano coperte da diritti, Mint invece fornisce anche questi pacchetti già nell'installazione.

Ad un utente WIndows può sembrare una cagata, ma è una scelta filosofica (quindi una presa di posizione criticabile o meno, ma mai definitivamente), che comunque non è assolutamente un limite, visto che questi pacchetti in Ubuntu possono essere installati sia durante l'installazione (spuntando un flag apposito), sia subito dopo. La differenza è che Mint lo fa in automatico.

Cosa comporta all'utente finale? Be, semplice. Se nel computer dove state effettuando l'installazione non avete una connessione ad Internet, sappiate che se installate Ubuntu, invece di Mint, a fine installazione non sarete in grado di leggere gli mp3, di vedere dvd, di visualizzare alcuni file video ed un sacco di altre cose.

Ubuntu inoltre ha una comunità molto più grande di Linux Mint, non c'è che dire; se dunque dovete cercare una soluzione ad un problema, con Ubuntu bene o male la troverete sempre.

Se non apprezzate l'interfaccia Unity, è comunque chiaro che potete sia installarne di altre, sia scegliere già prima dell'installazione altre versione derivate: http://www.ubuntu-it.org/derivate

Un po' di Links su Linux Ubuntu:
Ovviamente, una volta che diventate conoscitore del sistema Ubuntu, potete diventare voi stessi parte della comunità aiutando gli altri utenti in difficoltà.



Inserisci un commento

Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti www.bostro.net
Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
» contatti » privacy policy


Licenza Creative Commons
www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Web Bostro.Net