Share | RSS | ven 21/06/2024 | Menu

L'IA generativa può sostituire le persone? Un esempio pratico con Microsoft

Categoria: PENSIERI

KEYWORDS: ai | informatica | microsoft | onedrive | windows |
Inserito in DATA: 08/04/2024 | Vai ai COMMENTI
Ho Microsoft 365 Personal perché mi piace OneDrive e reputo abbastanza "economico", utilizzando Windows, rivolgermi al suo ecosistema. Da due mesi circa però sto patendo un problema con una funzionalità di OneDrive, per niente critico ma la funzionalità è la mia preferita: i ricordi. Ho contattato dunque l'assistenza Microsoft e sono stato proiettato in una realtà alternativa popolata da queste IA generative e... Philip K. Dick era nulla in confronto.
OneDrive è comodo: è già integrato in Windows, è piuttosto veloce, con un abbonamento a Microsoft 365 diventa una soluzione perfetta ed economica sia per lo storage di file in Cloud, sia per la sincronizzazione tra vari terminali, sia per il backup delle foto dello smartphone con il caricamento automatico, sia perché ottieni una versione di Office offline completa nonché utilizzabile (con chiari e ovvii limiti) anche online. Ora c'è pure il pieno accesso a Bing AI con ChatGPT che in alcuni casi si dimostra una risorsa meravigliosa.
E' già anni che uso OneDrive, all'inizio utilizzavo Dropbox ma in seguito migrai tutto a OneDrive, anche perché quando acquistai uno smartphone Samsung Galaxy scoprii che Samsung aveva fatto un accordo con Microsoft per offrire ai suoi clienti la sincronizzazione di cartelle. Non c'era più il semplice upload automatico che ogni OneDrive per Android offre, ma proprio una sincronizzazione bidirezionale: senza scendere nel dettaglio, sarebbe stata una cosa fantastica se avesse funzionato bene. In realtà aveva tempi di sincronizzazione lunghi, si attivava tre o quattro volte al giorno, e saltuariamente portava alla corruzione di alcune foto.
Tolto ciò, torniamo al presente: OneDrive ha una funzionalità che io adoro e che né Dropbox né Google Drive hanno, ovvero I miei ricordi. Si chiama anche "On This Day", ovvero "In questo giorno" e serve a mostrare, ogni giorno, le immagini che coincidono con la stessa giornata negli anni passati. Google in realtà ce l'ha ma nella sua app Google Foto, non in Drive, e non apprezzo per nulla la logica "solo online" di Google. 
Ho caricato tutte le foto digitali che ho in OneDrive: tutte. Oltre al backup fisico, ho creato una cartella apposita in OneDrive che non viene sincronizzata nei PC, in modo che così evito cancellazioni accidentali; ci lavoro solo online perché parto dal principio che quelle foto voglio solo, saltuariamente, guardarle, non modificarle. In "In questo giorno" quindi, ogni giorno mi compaiono le foto del mio passato, i miei ricordi. Non cambierei mai servizio di cloud con uno che non abbia questa funzionalità, non avrebbe a mio avviso alcun senso.
Questa funzionalità c'è su OneDrive Web e OneDrive per Android e si può scegliere di ricevere anche un'email giornaliera; il problema che mi è emerso riguarda proprio la versione web: il giorno indicato da On This Day è sempre ieri!
Assurdo a dirsi ma è così: mi segna il giorno precedente. Succede da due due mesi circa. On This Day è accessibile sia dalla scheda File sia dalla scheda Foto di OneDrive, ma in entrambi i casi indica il giorno precedente. Il problema si presenta solo quando accedo a OneDrive Web: su Onedrive per Android segna la data corretta, come pure la data nell'email giornaliera è corretta. Tra l'altro, se nell'email clicco il link da PC, mi apre OneDrive Web finalmente con la data corretta! Se però, da quella pagina, clicco per tornare alla home di OneDrive di nuovo mi ritrovo la data di ieri!
Ho pulito la cache del browser e niente. Mi sono scollegato dall'account e niente. Ho verificato ed accade dappertutto: nei miei tre PC personali, due con Windows 10 e uno con Windows 11 e browser Edge; accade se provo un login da inPrivate; accade in altri PC dove mi collego saltuariamente; accade in un server Linux che uso in ufficio con browser Mozilla. Ho pensato a un problema momentaneo, ho pensato a un'impostazione del mio account, fuso orario, località, che cazzo ne so fatto sta che dopo tanto peregrinare ho deciso di contattare l'assistenza Microsoft.
Ammetto che avevo già avuto a che fare con l'assistenza Microsoft in passato e ne ero rimasto contento. Sfortunatamente è difficile capire come accedere all'assistenza di OneDrive: c'è un'opzione per segnalare un malfunzionamento ma funziona con il caricamento di singoli file, non per funzionalità intrinseche.
Ho provato con la Community ma non ho risolto un cazzo. Infine dal portale dell'assistenza e della community sono riuscito finalmente ad aprire una segnalazione, spiegando l'inconveniente in maniera completa ed esaustiva ed è così cominciato il calvario. è il 19 febbraio 2024 e ignoro che due mesi dopo sarò il punto di parte con un'assistenza che è a dir poco pietosa.

Il primo passo della assistenza è stato ringraziarmi per averli contattati con la speranza di risolvere assieme il problema; già questo incipit mi ha fatto storcere il naso, ma quando ho letto il resto sono rimasto basito. Mi hanno infatti chiesto di inviare degli screenshot con i metadata di alcune foto. Ho pensato fosse una richiesta senza senso, dato che non è un errore di data/metadata delle foto, che vengono selezionate correttamente: quando OneDrive On This Day mi segna la data di ieri, in effetti mi mostra le foto di ieri, e l'avevo segnalato!
Ho comunque deciso di essere compiacente e di fare quanto richiesto aggiungendo però anche degli screenshot in cui segnalavo che il mio problema non era relativo ad un'errata inclusione di foto in On This Day, ma di errata data di On This Day. 
La loro risposta è stata che il comportamento era corretto perché le foto che ho caricato avevano meno di un anno e che On This Day carica solo le foto con almeno un anno. Mi sono sentito in un Matrix: è chiaro che le foto devono avere almeno un anno! Mica può mostrarmi foto scattate in questo giorno di sei mesi fa, che "questo giorno" sarebbe??? Ho fatto notare che non erano foto di meno di un anno fa. Precisamente, erano le prime foto che mi comparivano in On This Day quindi erano di esattamente un anno fa.
Mille scuse di risposta e speranze di risolvere assieme il problema mi hanno convinto che era una AI: il tipo di incitamento e di leccate di culo era dello stesso tenore che ha Bing AI, che uso spesso. L'errore stesso di interpretazione era identico a quando li commette Bing AI con mie domande scritte un po' troppo colloquiali. Ho scelto dunque foto più vecchie, facendo gli screenshot ed evidenziando le date, facendo anche screenshot del mio desktop con OneDrive aperto e mettendo delle frecce ad evidenziare che la data di On This Day era diversa dalla data di Windows, ma niente da fare, la loro risposta è stata dello stesso tipo ovvero che i metadata delle mie foto erano errati e che le foto erano state caricate meno di un anno prima; in realtà quelle foto erano online da almeno due anni! Il problema era che l'assistenza interpretava un mio problema come fosse una errata o mancata attribuzione di foto a On This Day, mentre il mio problema era un errato comportamento di On This Day!

Di seguito un esempio di conversazione:
MICROSOFT: "Vi informiamo che, abbiamo controllato tutti gli allegati. la foto verrà elencata nei ricordi di On This Day solo dopo che un anno è stato completato. Gli screenshot condivisi da te, sottolineano che le foto scattate sono state caricate su OneDrive meno di un anno fa e di conseguenza non vengono visualizzate in On This Day. Si tratta di un comportamento previsto. Quindi, si vede in questo modo perché le foto scattate sono state caricate su OneDrive meno di un anno fa. Se avesse compiuto un anno, allora sarebbe stata indicata la data corretta. "
BOSTRO: "In questo caso NON dovrebbe farmele vedere in On This Day, ma io le ho aperte proprio da On This Day! Questo perchè il mio problema non è che in On This Day mancano foto, o che mostra foto con date sbagliate, ma è proprio On This Day che ha la data sbagliata, la data del giorno prima!!! Allego altre foto e screenmshot home Onedrive Web. Oggi è il 20/02 h.10AM e On This Day indica data 19/02 - Le foto in On This Day sono tutte in data 19/02. Il mio problema non è foto mancanti, o foto con date errate, il problema è che On This Day segna la data sbagliata, la data del giorno prima. Domani 21/02 segnerà la data del 20/02"
Ho inviato altri screenshot evidenziando che le date erano corrette e che errata era la scelta del giorno di On This Day da web, in tutto abbiamo avuto altri due scambi di email finché sono sbottato e, oltre a segnalare nuovamente che non avevo un problema con le foto di On This Day ma con la data di On This Day solo Web, ho richiesto che la questione venisse affrontata da una persona fisica e non da una IA perché ormai ero convinto così fosse. Di nuovo la risposta è stata spiazzante.
MICROSOFT: "Prima di tutto, ci scusiamo per l'inconveniente causato. È un peccato che tu abbia ritenuto che la nostra comunicazione non fosse appropriata e genuina. Comprendiamo la tua frustrazione e ci scusiamo sinceramente per qualsiasi problema che potremmo averti causato. Apprezziamo la tua opinione e vogliamo rassicurarti sul fatto che ci sforziamo sempre di fornire risposte oneste e utili ai nostri utenti.  Siamo qui per aiutarti; Faremo del nostro meglio per aiutarti a risolvere il problema. Desideriamo informarti che abbiamo controllato tutti gli allegati che hai condiviso con noi. Abbiamo controllato anche i nuovi allegati che hai condiviso. Abbiamo controllato i tuoi allegati che vengono visualizzati in azzurro cielo e giallo. L'abbiamo controllato e secondo me, sembra che in questo giorno le immagini siano diverse. Quindi, ti chiederemo di confermare una volta, sono queste immagini uguali o diverse in questo giorno. Ti chiediamo questi dettagli in modo da poter consultare questo caso una volta e aiutarti di conseguenza.  Metadati (dettagli) che hai condiviso con noi, questi dettagli sono uguali o dettagli diversi per immagini diverse? "
I metadati erano ovviamente di foto diverse, che avevano pure un nome diverso, che senso aveva questa risposta? Innanzitutto, nessun cenno al fatto che avanzavo sospetti sul fatto che fosse una IA ad affrontare il problema, poi che avanzavo dubbi sul fatto che comprendesse cosa chiedevo. Ma... "azzurro cielo"??? Chi è che userebbe mai questa espressione? Anche la forma sgrammatica era strana, e mi è parso sempre più ovvio che fosse una IA generativa che rispondeva in inglese e che poi venisse tradotta tramite traduttore automatico.
Qual è il problema in questa conversazione? Il problema mi pare chiaro: su tre versioni di "I miei ricordi" di Onedrive (web, email, Android), una mostra una data scorretta. Il funzionamento è corretto: due versioni mostrano la data corretta e le foto che mostrano sono effettivamente della giornata corretta; una versione mostra la data errata e le foto che contiene sono corrette dal punto di vista della data errata. Quindi non c'è un problema di foto che riportano nei metadati una data diversa inducendomi in errore. Confrontando anzi, il giorno dopo, i ricordi di OneDrive Web con i ricordi Android mostratimi il giorno prima, le foto sono le stesse. Non c'è alcun tipo di problema ai contenuti, c'è un problema della funzionalità in Android Web. Se è il 20 febbraio, Android mi mostra le foto del 20 febbraio, mentre il Web mi mostra il 19 febbraio; ma il 21 febbraio OneDrive Web mi mostrerà le foto del 20 febbraio che saranno le stesse che il giorno prima mi aveva mostrato Android; non solo, saranno le stesse che OneDrive Web se aperto dal link dell'email mi aveva mostrato il giorno prima. E' come se il link in OneDrive Web funzioni in modo errato. Perché? Non lo so, ma i sintomi del problema sono chiari, perché dunque l'assistenza non lo capisce e neanche prende in considerazione questo fatto? Perché mai, neanche una volta, l'assistenza ha tirato in ballo il fatto che OneDrive in versione web mostra chiaramente una data differente da quella 1) di Onedrive Android 2) dell'email di notifica di OneDrive 3) del mio PC.
Non so se avete mai provato ad utilizzare le moderne intelligenze artificiali generative, ma la difficoltà di comprensione è proprio attualmente il loro limite principale. Nel verbalizzare le risposte sono perfette, spesso anche i contenuti delle risposte sono encomiabili; tendono invece a comprendere non benissimo le domande che gli facciamo se non ci esprimiamo con chiarezza logica. Tendono a non capire bene i sottintesi o le espressioni più colloquiali. Chiaramente, verrebbe da dire. Allo stesso modo tendono spesso a incantarsi in una risposta anche se gli diciamo che ha fuorviato la domanda, o che sta sbagliando tema. Prosegue nella linea principale della sua iniziale "generazione" e spesso è più semplice creare direttamente una nuova conversazione piuttosto che tentare di portare il discorso al problema originale che avevamo esposto e la IA ha traviato.
Che OneDrive mostri delle foto con date errate in On This Day è stato dalla "assistenza" confuso con un problema relativo alle foto, non alla funzione in sé; da quel momento sulle foto la "assistenza" si è concentrata e non c'è stato verso di farle capire che le foto non c'entravano nulla.

Dopo altri scambi di screenshot e informazioni, per l'ennesima volta hanno voluto spiegarmi che OneDrive mostra le immagini caricate da almeno un anno nonostante io avessi risposto che mi spiegassero allora perché quelle foto erano in On This Day mentre non avevano dovuto esserlo, e perché OneDrive Android invece mostrasse un'altra data come pure la email. 
Invio dunque un'email dal tono palesemente aggressivo sperando che questo avrebbe svegliato la IA facendo intervenire un umano, ben conscio del fatto, dedotto da varie esperienze con BingAI/ChapGPT, che difficilmente se non quasi mai la IA ammette la propria ignoranza in un qualche campo:
Scusate una cosa.......
Non è il caso di IGNORARE per un attimo i metadati delle foto, e chiedersi perché On This Day:
a) in OneDrive Web mostra una data errata (giorno precedente)
b) in OneDrive Android mostra la data corretta (giorno attuale)
c) nelle notifiche email OneDrive  mostra la data corretta (giorno attuale)
Posso assicurarvi che le foto che mi sta mostrando il caso a) sono di ieri, e posso assicurarvelo perché:
1) ho scattato io stesso quelle foto, e so quando
2) ieri su OneDrive Android le ho viste (vd. caso b)
3) ieri mi è arrivata la notifica email e le ho viste (vd. caso c)
Posso anche assicurarvi che le foto che mi sta mostrando ORA il caso a) sono diverse da quelle che ho ottenuto dopo aver cliccato il link arrivatomi dalla notifica email di On This Day.
Per fare un esempio pratico: se apro ORA OneDrive Web mi mostra delle foto di una partenza di un mio giro in moto di anni, fa, durante due giorni; se apro OneDrive Android sempre ORA mi mostra del foto del ritorno da quello stesso giro in moto.
Non c'entra niente i metadati delle foto, sono corretti, perché io SO quando ho scattato quelle foto, ma mi spiegate perché il mio Android Web continua a dirmi CHE OGGI E' IL 20 FEBBRAIO QUANDO OGGI E' IL 21 FEBBRAIO???????????????
Mi spiegate come la situazione qui allegata è possibile con i metadati??? Nei metadati le date si modificano da sole, nello stesso momento e in tempo reale tra diversi dispositivi, e riescono persino a modificare la data di OneDrive?????????
Scusate ma se mi confermate una cosa simile, io IMMEDIATAMENTE tolgo tutti i miei file da OneDrive, poi comunico alla mia azienda di fare la STESSA COSA e anche a clienti e conoscenti, perché mi state dicendo che in qualsiasi momento OneDrive può modificare i metadati di ogni file e l'assistenza non è in grado di fare nulla.

La ponderata risposta a questa mia email è il seguente testo piuttosto inquietante....
Grazie per la tua risposta e per tutti gli allegati che hai condiviso con noi. Siamo qui per aiutarti. Si prega di condividere i dettagli seguenti una volta. 
Ti chiederemo diutilizzare i metadati (dettagli) delle foto interessate da OneDrive Web (OneDrive.live.com)  e dal tuo dispositivo Android. Come mostratoin  OneDrive Web mostra una data errata (giorno precedente) e OneDrive Android mostra la data corretta (giorno corrente).
Stiamo chiedendo questi dettagli a scopo di confronto e possiamo consultare anche il team di preoccupazione per aiutarti presto,
La vostra pazienza è molto apprezzata!

Il grassetto è mio. Che cazzo è un "team di preoccupazione"???
Una cosa allucinante. Bisogna anche tenere conto che queste IA sono addestrabili a contesti specifici quindi si può presumere che questo Bing/ChatGPT immesso nell'assistenza sia stato addestrato appunto ad affrontare situazione di assistenza base a prodotti Microsoft. ChatGPT/OpenAI ha Microsoft tra i principali finanziatori e Bing AI è sviluppato a partire da ChatGPT, si presume che sia questo (ora Copilot) a rispondermi dopo apposito addestramento: questo sarebbe il risultato?
Ho proceduto come faccio solitamente con Copilot: ho resettato tutto ricominciando da capo, riepilogando nuovamente, e più chiaramente possibile, il problema, aggiungendo altri screenshot ma ancora più commentati e sistematici.
Ho aggiunto in coda "PREGASI LEGGERE INTERAMENTE QUESTA EMAIL NONCHE' LE DIDASCALIE RIPORTATE NEGLI ALLEGATI. SI PREGA DI FAR INTERVENIRE PERSONALE UMANO PER PALESI PROBLEMI DI COMPRENSIONE DA PARTE DEL BOT-AI DEDICATO ALL'ASSISTENZA. E' RICHIESTO INTERVENTO O SUPERVISIONE DI PERSONALE UMANO!!!!!"

Dopo esattamente 24 ore e 32 minuti mi è arrivata questa risposta:
Grazie per la tua risposta e per tutti gli allegati che hai condiviso con noi. Faremo del nostro meglio per aiutarti.
Abbiamo ricevuto la vostra preoccupazione e abbiamo iniziato a lavorarci. Attendi la nostra prossima risposta mentre esaminiamo la questione per te, ti risponderemo con i nostri risultati il prima possibile. Poiché stiamo esaminando questo caso a partire da ora.  
La vostra pazienza è molto apprezzata!
Sottolineo che le frasi in grassetto si ripetono sempre, in ogni conversazione; la parte centrale invece sembra veramente una di quelle classiche frasi introduttive di qualsiasi IA, che sia ChatGPT/Bing, Gemini, Aria di Opera.
Dopo altre 3 ore esatte mi è arrivata quest'altra email:
Grazie per la vostra pazienza!
Abbiamo ricevuto la vostra preoccupazione e abbiamo iniziato a lavorarci. Attendi la nostra prossima risposta mentre esaminiamo la questione per te, ti risponderemo con i nostri risultati il prima possibile. Mentre stiamo portando questo caso al livello successivo.
La vostra pazienza è molto apprezzata!
Il grassetto è sempre mio.

Il ticket in assistenza l'ho aperto il 19 febbraio, le risposte di cui sopra sono del 23 febbraio, il 24 febbraio ho inoltrato ulteriore richiesta di aggiornamento ricevendo nuova stupida risposta che dovevo attendere, il 1° marzo ho nuovamente inviato un sollecito ricevendo un altro messaggio tranquillizzante sempre dello stesso tenore. Il 6 marzo ho infine ricevuto un messaggio ancora comunicantemi che dovevo attendere ma, questa volta, era firmato con un nome e il tono sembrava più "naturale", forse finalmente ero riuscito a superare il muro della Stupidità Artificiale.
Il 7 marzo ricevo una email sgrammaticata da tal "Dixit P.": "Grazie per la vostra pazienza. Spero che tu stia bene! Prima di tutto, ci scusiamo per l'inconveniente causato. Stiamo ancora lavorando sul tuo caso. Abbiamo ricevuto gli aggiornamenti dal team di preoccupazione. Ti chiederemo dicondividere i log di doppia traccia durante la riproduzione del problema. Ci aiuterà a indagare sulla questione. Si prega di seguire i passaggi seguenti, se si utilizza un PC Windows. [L'email si conclude poi con il magnifico...] Spero di sentirti presto. Stai al sicuro e in salute!" - Ho fatto copia incolla, quindi gli errori e il grassetto sono compresi, solo il corsivo è mio: dal nome e dal tono devo naturalmente dedurre che sono di fronte alla solita Deficienza Artificiale. L'email segue con le istruzioni per creare il "log di doppia traccia": il primo passo è "Apri Chrome in modalità di navigazione in incognito". Chrome??? Cioè, mi scrive Microsoft, alla quale ho detto più volte che uso Edge - il loro browser, e loro mi dicono di usare Chrome, il browser di Google? Assurdo. Per il resto è una procedura di ben 16 passaggi che prevede il passaggio alla modalità sviluppatore e registra un log di tutte le mie azioni; agghiacciante perché il sottinteso è che il problema riguardi i processi interni del mio browser (che non è Chrome!) e del mio PC mentre è palese che è un errore lato server.
La mia risposta è stata laconica e se avete letto tutto capirete che ora il mio dubbio è: dove avvio la procedura? Il problema infatti si presenta in ogni PC, con qualsiasi browser... perché è lato serve, dioboie! Si presenta in due PC con Windows 10, in un PC con Windows 11, in un PC con Windows Mint, e a seconda del sistema con browser MS Edge, Google Chrome e Mozilla Firefox. In che PC e con che browser devo avviare la procedura, chiedo? Non dovrò mica farla con ogni sistema/browser? La risposta di Dixip P. è: "Vorremmo informarvi che, è possibile utilizzare. Chrome in modalità di navigazione in incognito e accedi per OneDrive.com e accedi con il tuo account, quindi segui gli stessi passaggi menzionati nell'e-mail precedente. Puoi utilizzare qualsiasi PC Windows e seguire i passaggi." - Quindi, a parte l'incomprensibilità della prima parte, si sottolinea PC Windows: e il PC con Linux si fotte? E se domani comprassi un Apple?
Comunque... i semplici passaggi che chiedono sono questi:
Grazie per la vostra pazienza. Spero che tu stia bene!
Prima di tutto, ci scusiamo per l'inconveniente causato. Stiamo ancora lavorando sul tuo caso. 
Abbiamo ricevuto gli aggiornamenti dal team di preoccupazione. Ti chiederemo dicondividere i log di doppia traccia durante la riproduzione del problema. Ci aiuterà a indagare sulla questione. Si prega di seguire i passaggi seguenti, se si utilizza un PC Windows. Io
Sintesi del processo:
1 - Accedere a OneDrive. (con il tuo account)
2 - Avvia la traccia Trace Me in una nuova scheda
3 - Avvia la traccia Har nella prima scheda
4 - Riproduci il problema un paio di volte
5 - Inviare il file Har salvato e il "Percorso Azure" (Percorso Azure = Risultato dell'esecuzione di Trace Me)
Ok? Cominciamo!
1. Apri Chrome in modalità di navigazione in incognito
2. Accedi a OneDrive.com
3. Apri una nuova scheda nella stessa finestra del browser e vai su https://onedrive.live.com/?v=traceme
4. Nella riga contrassegnata con "Chiamate sui miei dati" selezionare la casella Auto Fiddler e fare clic sul collegamento per avviare una nuova traccia.
5. Nella riga contrassegnata con "Chiamate effettuate", selezionare la casella Auto Fiddler e fare clic sul collegamento per avviare una nuova traccia
6. Attendi 1 minuto per l'inizio della traccia (c'è un timer per il conto alla rovescia in giallo)
7. Trace Me è ora in esecuzione! Una volta fatto abbiamo solo bisogno che il "Percorso Azzurro" ci venga rispedito via email, ottimo lavoro! 8. Torna all'altra scheda in cui hai appena effettuato l'accesso a OneDrive.com.
9. Dalla barra dei menu di Chrome, seleziona Visualizza (tre puntini), Altri strumenti, Strumenti per sviluppatori.
10. Dal pannello che si apre nella parte inferiore dello schermo, selezionare la scheda Rete.
11. Cerca un pulsante Registra rotondo () nell'angolo in alto a sinistra della scheda Rete e assicurati che sia rosso. Se è grigio, fai clic su di esso una volta per avviare la registrazione.
12. Selezionare la casella accanto a Conserva registro.
13. Fare clic sul pulsante Cancella () per cancellare tutti i registri esistenti dalla scheda Rete.
14. Ora prova a riprodurre il problema che stavi riscontrando in precedenza, mentre le richieste di rete vengono registrate.
15. Dopo aver riprodotto il problema, fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi della griglia delle richieste di rete, selezionare Salva come HAR con contenuto e salvare il file sul computer.
16. Carica il tuo file HAR sul tuo ticket o allegalo alla tua e-mail in modo che possiamo analizzarlo e non dimenticare di incollare il percorso Traceme nella tua risposta!
Spero di sentirti presto. Stai al sicuro e in salute!
Fatto la prima volta, fai di 40mb inviato via link OneDrive... mi ha risposto dicendo che non hanno ricevuto nulla e che chiuderanno la pratica entro tre giorni. Riprovo: file di 20mb, lo invio allegato e mi rispondono con un messaggio identico!!!
Mi incazzo, rispondo di guardarsi i due messaggi precedenti. La loro risposta è la seguente:
Grazie per la risposta.
Prima di tutto, ci immediamo nella tua frustrazione e ci scusiamo sinceramente per qualsiasi problema che potremmo averti causato. Apprezziamo la tua opinione e vogliamo rassicurarti sul fatto che ci sforziamo sempre di fornire risposte oneste e utili ai nostri utenti.
Ti chiederemo di provare a condividere i dettagli seguenti- Per condividere il percorso Traceme . Desideriamo informarvi che, avete condiviso il. HAR registra, ma non il percorso di tracciamento. Ti chiediamo questi dettagli che ci aiuteranno a indagare sul tuo problema e saremo in grado di aiutarti in modo più efficiente. Quindi, prova una volta e condividi i dettagli seguenti: 
Sommario:
Accedere a OneDrive.
Avvia la traccia Trace Me in una nuova scheda.
Avviare la traccia HAR nella prima scheda.
Riproduci il problema un paio di volte.
Inviare il file HAR salvato e il "Percorso di Azure" (Percorso di Azure = Risultato dell'esecuzione di Trace Me) 
Pronto? Cominciamo!
Aprire un browser in Nuova finestra InPrivate/Nuova finestra di navigazione in incognito . 
Aggiungere una didascalia
Accedi a OneDrive.live.com
Apri una nuova scheda nella stessa finestra del browser e vai su https://onedrive.live.com/?v=traceme
Nella riga contrassegnata con "Chiamate sui miei dati" selezionare la casella Auto Fiddler e fare clic sul collegamento per avviare una nuova traccia.
Nella riga contrassegnata con "Chiamate effettuate", selezionare la casella Auto Fiddler e fare clic sul collegamento per avviare una nuova traccia
Attendi 1 minuto per l'inizio della traccia (c'è un timer per il conto alla rovescia in giallo)
Il Trace Me è ora in esecuzione! Una volta fatto, abbiamo solo bisogno che il "Percorso Azzurro" ci venga rispedito via email, ottimo lavoro!
Torna all'altra scheda a cui hai appena effettuato l'accesso.
Ora prova a riprodurre il problema che stavi riscontrando in precedenza, mentre le richieste di rete vengono registrate.
Dopo aver riprodotto il problema, inviaci il "Percorso di Azure" facendo uno screenshot o usando Copia e Incolla e inviandoci un'e-mail.
Mi hanno fatto fare questa e un'altra procedura simile ben due volte, poi c'era il problema di inviare il file ché diventava grosso, l'ho inviato via link Onedrive ma figurati se andava bene!!!
Allora sono riuscito a fare delle versioni piccole e le ho inviate.
Il 13 marzo ho ricevuto la solita idiota risposta:
Grazie per tutti i dettagli e i vostri sforzi!
Abbiamo ricevuto la vostra preoccupazione e abbiamo iniziato a lavorarci. Attendi la nostra prossima risposta mentre esaminiamo la questione per te, ti risponderemo con i nostri risultati il prima possibile. Mentre stiamo portando questo caso al livello successivo.
La vostra pazienza è molto apprezzata!
E così è finita! Cioé.... basta, non mi hanno più detto nulla, scrivo questo il giorno 8 aprile ovvero quasi due mesi dopo l'apertura del Ticket, e dal 13 marzo non ho alcuna notizia.
Il 29 marzo ho inviato un messaggio con scritto "SEGNALO CHE AD OGGI 29 MARZO DOPO OLTRE UN MESE NON HO ANCORA RICEVUTO ALCUNA SOLUZIONE RIGUARDO IL PROBLEMA SU UN SOFTWARE CHE STO PAGANDO" e non ho avuto alcuna risposta.
Il 4 aprile ho inviato un'email email con scritto "SEGNALO CHE AD OGGI 4 APRILE NON HO RICEVUTO ANCORA RISPOSTA E ATTENDO RISOLUZIONE PROBLEMA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!" e non ho ricevuto alcun risposta.
L'8 aprile ho inviato un'altra email, anche oggi Onedrive Web mi mostra le foto del 7 aprile, nessuna risposta.
Ho poi inviato un'email il 18 aprile, ma ancora nessuna risposta.
In pratica hanno persino smesso di rispondermi.
Ho provato ad aprire il 19 aprile un altro TICKET e la risposta dell'ennesimo bot è stata che il ticket è duplicato perché il precedente è ancora aperto quindi questo verrà chiuso senza alcuna possibilità per me di replicare.

Secondo me siamo ormai ben oltre il livello delle comiche. Ormai mi sono impuntato, sarò un cliente privato e saranno solo 69 euro l'anno ma sono comunque un cliente e un cliente pagante e inoltre voglio capire a che livelli può arrivare questa assistenza perché sto meditando da un bel po' l'introduzione di un servizio cloud in azienda.... ma voglio proprio poi trovarmi ad affrontare questa cose a livello aziendale? Posso anche fare a meno di questa funzionalità via web finché funziona su Android, su Onedrive Desktop e via notifica email, ma è una questione di principio.
Microsoft 365 Personal a conti fatti è una soluzione conveniente: c'è OneDrive da 1Tb che permette la sincronizzazione tra vari pc e Android, c'è la suite Office completa offline e online, però - ripeto - se avessi patito una perdita di dati questa sarebbe stata l'assistenza? Ovvero non l'impossibilità di risolvere il problema, ma l'impossibilità assoluta di farlo comprendere?
Il pacchetto da 200Gb di Google One costa meno, ok offre meno sicuramente però tanto vale pagare il meno possibile se i risultati della IA sono questi; non ho dubbi che con Google avrei avuto lo stesso risultato, il confronto con la IA è questo e chiunque può sperimentarlo se le usa per richieste che vadano oltre "E' meglio l'iPhone o il Galaxy" o "Come si cucina la carbonara" o "Puoi generarmi una poesia sull'amore".
Attualmente il punto valido delle IA è costituito dalla loro stupida linearità e dall'accesso ai database di motori di ricerca e dei dati di autoaddestramento, nonché dalla capacità di generare verbalizzazioni invece che meri elenchi di risultati; ma tutto qua. Anche la questione dello sviluppo di codice di programmazione va ridimensionata. Funziona, non c'è dubbio e l'ho provato più volte: ho generato codici in PHP per una pagina web che dovevo migrare da ASP Classic, ho creato script in VBScript e query SQL anche piuttosto incasinate e lo sto usando per conoscere Excel a livello molto più profondo, ma sia chiaro che funziona solo se non ne siete a digiuno. Gli errori che spara sono abnormi, un codice VBScript mi avrebbe generato una richiesta ricorsiva che avrebbe piantato la pagina sovraccaricando il sito, un errore in SQL non c'è stato verso di farglielo correggere e l'ho fatto io a mano cercando soluzioni sul web, in Excel cita formule che non esistono o dismesse e quasi sempre non usa il ";" ma la "," tra gli argomenti.
Tuttavia, questo non è sicuramente sufficiente per andare a gestire la risposta a un ticket di assistenza: può andar bene per filtrare il problema e categorizzarlo, eliminare i dati superflui inviati dall'utente e inserirlo, epurato e sistematizzato, in un elenco apposito da gestire però da personale umano. Le IA non sono pronte a sostituire le persone perché non sono vere "Intelligenze" artificiali, per ora la grande differenza è semplicemente che sanno parlare. E basta.

AGGIORNAMENTO 25/04/2024 e conclusione

Ho ricevuto un messaggio in cui quel demente di un bot mi chiede nuovamente di creare un file HAR - gli ho risposto che mi hanno rotto i coglioni, che il fatto che sia un errore lato server e non client sarebbe palese anche a un deficiente, e che possono andare a fare in culo... e questo finalmente ha smosso le cose. Il giorno seguente mi ha risposto finalmente un utente presumibilmente umano che ha riconosciuto che è un errore LATO SERVER e che hanno inoltrato al reparto tecnico la richiesta di correzione.
Due mesi e una settimana di assistenza per, alla fine, semplicemente capire cosa stavo dicendo.
Se dovessi dare un voto all'assistenza Microsoft da 0 a 10 è -500

Post iniziato il 20 febbraio 2024, concluso l'8 aprile per disperazione.

Non perderti gli altri articoli dal blog categoria PENSIERI!

Materiale a corredo


Commenti all'articolo

Premetto che il sistema di commenti è mio indipendente e non prevede memorizzazione di indirizzi email o altro nel database. Si usa solo un nickname, così non rompete le balle con la privacy.
Ricordate che i commenti non saranno visibili finché io non li avrò validati.





© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Visitando il sito si sottintende la presa visione delle CONDIZIONI D'USO
CONTATTI: info[at]bostro.net

Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima