CATEGORIE:
Recensione atomizzatore Innokin Zenith

Recensione atomizzatore Innokin Zenith

Categoria: SVAPARE

Inserito in DATA: 04/04/2019
Vai ai COMMENTI
Ho acquistato questo atomizzatore perché il mio GS-Tank mi aveva mollato. O meglio, l'ho mollato io. Dopo tre anni non ce la facevo più delle testine del cazzo GS-Air. Sono minuscole, sbagli base e le testine durano 3 giorni, la base non ha acqua e le testine durano 3 giorni, uso un liquido un po' scuro e le testine durano tre giorni, hai culo e le testine durano tre settimane ma devi averne veramente tanto perché ti capita una volta ogni 40 testine, hai sfiga e la testina dopo neanche 12 ore è da buttare e ti capita una volta ogni 10 testine.
Un altro lato negativo del GS-Tank che mi stava cominciando a snervare è la ricarica del liquido: va fatta dal basso, come nella maggior parte degli atomizzatori, svitando la base. Questo significa che ogni volta che devi ricaricare ti smerdi totalmente. Smerdi l'atomizzatore, smerdi te, e se ti va male smerdi i calzoni. Dopo anni ne ero nauseato, tenendo anche conto del fatto che negli ultimi mesi, essendo incasinato sul lavoro, stavo (sto ancora) svapando molto e quindi, essendo il tank molto arioso e da soli 3ml, consumo molto liquido e quindi devo ricaricare spesso.
Dovevo passare dal mio spacciatore ufficiale SvapoPear a vedere di un nuovo atom che mi aveva fatto provare mesi prima, ottimo per tiro di guancia e aroma, ma non riuscivo per via che ero incasinato sul lavoro, e mi ritrovai con un pacco di testine che si disintegravano letteralmente dopo 10/20ml (io svapo circa 3ml al giorno). Così mi sono ritrovato quasi a secco di tutto e nel dubbio ho comprato su Amazon un Eleaf Melo III perché lo davano con consegna il giorno dopo, e perché un mio amico che lo aveva mi aveva detto che le testine duravano settimane. L'ho ricevuto e usato per circa tre settimane finché non ho comprato questo XZenith, e del Melo III 4ml posso dire che effettivamente le testine durano uno sfacelo, però: consuma batteria a manetta perché sotto i 25W tira di merda; consuma liquido come me ai tempi doro la birra; l'aroma è praticamente inesistente. Mi sono ritrovato con batteria che dal mattino a volte non arrivavano alla cena, e con consumo di liquido raddoppiati rispetto al mio standard, e nonostante tutto con una certa insoddisfazione per via dell'aroma sostanzialmente neutro. Diciamo che è una chiavata totale, ma alla fine lo pagai 16 euro e due coil sono incluse per cui per tirare avanti fino a trovare un sostituto andava bene.
Complice una pescata in compagnia ho provato questo Zenith, ed è stato amore. Tiro di guancia puro, buon aroma, wattaggi bassi, cosa volere di più? Mi sono un po' informato su internet e ho letto solo recensioni entusiastiche per il tiro di guancia, e alla fine mi sono deciso e l'ho comprato.
L'Innokin Zenith viene dato con due coil:
- 0.8ohm da 15-18W
- 1.6ohm da 10-14W
I watt consigliati per queste testine fanno capire che si lavora bassi il che in svapo-idioletto significa:
- tiro di guancia
- basso consumo della batteria
- basso consumo di liquido
Lo fanno in due versione con due capienze: 22mm da 2-3ml e 24mm da 2-4ml, io ho preso quello da 22mm per poterlo montare sulla mia Eleaf iStick Pico e da 3ml. La ricarica avviene dall'alto in maniera fantastica: basta ruotare la testa e si apre un'asola dove versare il liquido, quindi ruotarla per richiuderlo: può sembrare una cretinata, ma ricarica la sigaretta elettronica in 20 secondi senza sporcarsi le mani è un enorme passo avanti.
La coil si inserisce invece da sotto ma non va avvitata sulla base: questa si svita e la coil va solo inserita nel corpo del tank, verso l'alto, incastrandola in due spessori fatti apposta, quindi si riavvita la base del tank e il gioco è fatto. Non è obbligatorio che il tank sia vuoto, basta che il liquido sia poco.
L'atomizzatore non versa mai, mai e mai. La ricarica con asola potrebbe far paura ma a distanza di tre settimane posso dire che non perde una goccia neanche ruotandolo per cambiare la coil.
Ci sono 5 fori minuscoli per variare l'aria, sono posizionati alla base ruotando la ghiera. Ho iniziato svapando con tutti i fori dell'aria aperti perché abituato all'ariosità del GS-Tank e inizialmente lo sentivo anche un po' chiuso, ma non troppo chiuso come quello, ad esempio, del Nautilus che infatti è a mio parere troppo chiuso e non mi ci sono mai abituato. Dopo un po', tuttavia, ho iniziato a chiudere un po' i fori perché la resa di questo atomizzatore è veramente incredibile, ed attualmente svapo a 11W con coil da 1.6ohm e tre fori aperti. Nonostante questa configurazione, ho un tiro di guancia soddisfacentissimo e una buona quantità di vapore che è la cosa principale che dà soddisfazione in una cicca elettronica. L'aroma è sicuramente migliore del Melo III ma non ci voleva tanto, però è anche migliore del GS-Tank che comunque tanto ho amato. In quest'ultimo giocavano a suo sfavore le testine che invece nello Zenith sono la vera forza: si può svapare a bassissimi wattaggi pure avendo una svapata che riempie le guance e un buon aroma anche con basi pesanti e aromi densi.
Come durata delle coil non eccelle ma resta nella norma: con una coil da 0.8ohm ho fatto 8 giorni, circa 40ml di liquido, poi ho messo una da 1.6ohm e sono a 30ml ma posos continuare. Tuttavia sono agli inizi e sto adeguando la svapata all'atomizzatore, infatti giorno per giorno cambio settaggio e ho abbassato watt e fori d'aria in base alla situazioni. Quando serve, apro tutti i fori dell'aria e alzo un po' i watt e vado di svapate potenti.
Insomma un ottimissimo atomizzatore: il sistema di ricarica dall'alto è sublime, gli aromi sono buoni, la durata delle coil è onesta ma soprattutto la batteria dura ora un'infinità e anche i liquidi.
Insomma ciò che serve per svapare in maniera abitudinaria, ovvero quando sei solo uno svapatore e non uno che svapa alternando cicche ma dicendo "Io ho smesso" più a se stesso che agli altri, né un bimbominkia che deve far vedere a tutti i suoi nuvoloni di vapore perché in realtà ha il pene piccolo.


Inserisci un commento

Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti www.bostro.net
Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
» contatti » privacy policy


Licenza Creative Commons
www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Web Bostro.Net