CATEGORIE:
Moto, pesca Zona A e sfiga varia

Moto, pesca Zona A e sfiga varia

Categoria: PESCA

Inserito in DATA: 11/03/2019
Vai ai COMMENTI
Prendersi due orette per fare varie cose assieme può essere una gioia ma anche un dolore, soprattutto se hai sfiga. Così decidi di fare sterrati in moto e provare a fare due lanci in solitudine, e invece... invece un cazzo.
E' domenica, è primo pomeriggio. 
Il tramonto in questo periodo è giorno per giorno più lontano, ma il cielo è coperto per cui non ci sarà luce a lungo. Verso le tre inforco la moto e decido di andare a fare un giro breve lungo la grava. Prima di partire però faccio mente locale al fatto che il Tagliamento fino al ponte di Morsano è Zona A: Zona A significa possibilità di pescare anche in questo periodo, anche se difficilmente ci sarà qualcosa. Bisogna trovare buche, c'è poca acqua, e pesci lì non ce ne sono molti di solito, ma comunque mi porto dietro la canna da pesca.
Parto con brio, da tanto non uso la moto e sono contentissimo, è come il primo giorno, subito feeling e, dopo tanto tempo senza usare la moto, comincio a darci come un masso finché a Camino non rischio di finire in una frana che è comparsa nel messo della strada e che evito per miracolo buttandomi sul ciglio. 
Che godimento però fare gli 80 all'ora sul ghiaione della grava!
Vagolo un po' poi ritorno sulla sterrata principale e dopo due zone brutte inforco il sentiero principale e comincio a scendere. Curve, sassi, sabbia, tutto è secco perché non piove un cazzo da mesi ma a tratti l'umidità ha creato delle zone di mollo dove le mie gomme sono tragiche, ma per il resto è tutta una tirata. Mi gaso come un cretino e una curva la faccio in piena aperta con la ruota dietro a spazzolare il terreno secco che sembra fatto apposta per far slittare la gomma in sicurezza.
Beata Africone, quanto sei bella e affidabile!
Voglio andare fino alla zona del ponte di Morsano dove sicuramente non troverò nessuno perché non ci sono strade che vi arrivino.
Non vedo nessuno in zona, solo a un certo punto un'auto parcheggiata. Avanzo ancora, parcheggio la moto, faccio un dosso e scendo nel letto del fiume ma non trovo buche valide. Mi inoltro nel bosco dove l'argine è crollato costeggiando il fiume.
Avanzo a fatica, la zona la conosco perché ci venivo anni fa ma già da qualche anno è diventata inagibile da piene del fiume che si sono portate via l'argine e il sentiero e nessuno ci viene più.
Col coltello mi faccio strada fra gli arbusti, dall'alto dell'argino c'è una buca di acqua cristallina e provo a far muovere una gommina sul fondo ma non c'è nessun movimento.
Arrivo in un campo al confine con la cava e lo costeggio fino al vecchio sentiero dove anni fa con l'XR600 andavo a fare il bagno e praticamente il sentiero non c'è più.
Scavalcando qualche tronco arrivo sul letto del fiume, sono in acqua, trovo però una bella zona e provo a fare qualche lancio ma senza nessun risultato, da lontano però vedo un'ansa veramente magnifica dove l'acqua diventa più scura e calma e, se c'è qualcosa, sicuramente sarà lì.
Qui interviene la sfiga. Mentre controllo quella zona e mi incammino per arrivarci vedo del movimento... Ma dio... Non è possible, penso, forse è stato un abbaglio. E invece no. C'è qualcuno. C'è veramente qualcuno. E chi c'è? Moroso e morosa!!! Non ci credo! Ma cazzo proprio qua?
Sono piazzati proprio davanti a quella buca.
Non vorrei rompergli i coglioni. Me ne sto dalla mia parte a fare vari lanci ma l'acqua qui, che sembrava buona, è in realtà bassa.
Decido di risalire e girare attorno alla coppietta che, mi dispiace, ha fatto km per restare da sola e si becca invece un povero coglione a pescare ma, sinceramente, è la stessa cosa che è capitata a me. E non è finita.
Gli giro attorno da lontano e arrivo più avanti dove c'è un'altra zona piuttosto bella, quella che vedete nella foto con l'albero isolato sopra l'argine. Sfortunatamente dalla foto non si nota ma l'ansa era piuttosto larga e coi miei cucchiaini non riuscivo a lanciare fino a laggiù.
Mentre sto lanciando, scopro con orrore un'altra cosa: la magnifica coppietta è in questo angolo isolato della natura a litigare!!!
Cominciano a urlarsi contro l'un l'altro e io sono lì che lancio e dico "Ma diocan proprio oggi doveva capitarmi questo disastro?". E' troppo tardi per andarmene a cercare un'altra zona, tra poco sarà buio.
Faccio ancora qualche lancio e si fanno le 16:30 e ho una mezz'ora buona per tornare indietro, e in quel momento i due se ne vanno.
La magnifica buca che loro mi precludevano è libera, raccolgo la mia roba e non gli do neanche il tempo di allontanarsi che sono lì.
E' fantastica, un'ansa del fiume contro blocchi di cemento e alberi caduti formano una piscina naturale.
Faccio un lancio per tarare la distanza, devo mettere un cucchiaino pesante. Faccio un altro lancio e recuperando incastro, tiro fino a spaccare un ramo e per l'ennesima volta mi stupisco della resistenza del filo 4x4 verde della Caperlan che monto su questa canna da viaggio/battaglia! Spacco il ramo e recupero fino a portarlo a riva. 
Terzo lancio, perfetto, faccio andare un po' giù il cucchiaino quindi recupero irregolare e SBANF mangiata!
Non posso sbagliare, era una mangiata o comunque non era un ramo, era un pesce venuto contro il mio artificiale!
Lancio nello stesso punto, ma ormai il cielo si fa scuro cazzo, devo muovermi, recupero, e nettissime nell'acqua cristallina si vedono due sagome scure rincorrere il cucchiaino. Ma sono le 17 e per tornare alla moto devo camminare nel boschetto.
Faccio ancora qualche tiro e vedo sempre le sagome scure seguire il cucchiaino, ma non ci danno più dentro. Cavedani, un pesce veramente tanto furbo quanto bastardo. 
Provo a cambiare artificiale ma non li vedo più.
Ormai è tardi, tanto per me quanto per loro. La buca è totalmente in ombra e scura.
Devo andarmene.
Ancora qualche tiro senza successo, e me ne torno alla moto.
Cazzo se quei due tizi non ci fossero stati sarebbe stato perfetto!
Sabato prossimo devo tornarci senza pietà!

MATERIALE A CORREDO


Inserisci un commento

Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti www.bostro.net
Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
» contatti » privacy policy


Licenza Creative Commons
www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Web Bostro.Net