Condividi su Facebook | Commenta

Ricetta per una pasta aglio olio e peperoncino macho-man!

Categoria: CUCINA

Inserito in DATA: 28/01/2015
Vai ai COMMENTI
Su Corriere.it hanno pubblicato una ricetta, nel loro angolo Cucina, dedicata alla leggendaria pasta aglio olio e peperoncino e come al solito solo a leggerla mi viene nervoso già solo per la quantità di pasta.

La ricetta la trovate cliccando qui successivamente bestemmiate.

Masterchef di 'sta minchia che riesce a rovinare ogni cosa!!!!!

Sarà mica una aglio olio e peperoncino questa diomuuuuuul!!!!

La pasta aglio olio e peperoncino è una pasta che deve essere esagerata, altrimenti fatevi una pasta in bianco e non spaccate i coglioni! Togliere l'aglio..... pervertiti di sfigati!!! La pasta aglio olio e peperoncino (aio oio e saiettì come diceva un mio amico delle Marche) deve essere esagerata e intendo in tutto: deve essere stra-piccante; deve lasciarvi l'alito di un morto; deve essere così tanta che l'ultima forchettata dovrete aver paura a mangiarla.

Partiamo dalle quantità dichiarate: "Per 4 persone ci serviranno 400 g di spaghetti,2 spicchi di aglio, un mazzetto di prezzemolo fresco, peperoncino fresco o secco a piacere ,8-10 cucchiai di olio extravergine di oliva, sale".

Rivediamo il tutto a mio modo: "Per 2 persone ci serviranno 450 g minimi di spaghetti, o bavette; 3 spicchi di aglio belli cicciottelli o 4 normali; un mazzetto di prezzemolo fresco da triturare ma poco; peperoncino a sbreghebalòn; un pòdin di olio extravergine di oliva pastoso e saporito; sale; a scelta grana da grattugiare". Per quanto mi riguarda io, per me soltanto, metto 220-240 gr. di bavette che mi piacciono proprio; almeno due spicchi belli di aglio (al quale però tolto l'anima, sicuramente!) che tagliuzzo un po' a pezzi più piccoli, ma preferibilmente due, perché devono esserci sufficienti pezzettini che si distribuiscano per il piatto; peperoncino a manetta, deve fare fuoco dal culo questa pasta altroché! Olio ne metto abbondante, perché poi la forchettata deve gocciare altrimenti è una pasta per femminucce.

Poi: "Spegnete ed eliminate l'aglio"; eliminate l'aglio un cazzo diobueo! L'aglio deve restare, altrimenti che aglio olio è?!?!? Deve restare, dorato, abbrustolito, deve scrocchiare tra i molari e insinuarsi tra i denti lasciandovi il magnifico alito per almeno due giorni! Pellegrini!!!

Infine: "Portate in tavola con qualche fogliolina di prezzemolo fresco"; un cazzo, il prezzemolo trituratelo ma non troppe foglie, deve solo essere accennato. Il sapore principale dev'essere l'aglio, e l'olio.

Sollevate una forchettata di pasta e guardate se goccia olio abbondante, se non lo fa aggiungetene un po' crudo, perché vuol dire che siete dei finocchi e ne avete messo poco all'inizio.

Spolverate di grana a piacimento, mettetevi un tovagliolo legato in gola e mangiate con voracità smerdandovi il mento di olio, tenendo dello scottex per asciugarvi il naso appena il peperoncino farà il suo onesto lavoro, urlate bestemmiate e ruttate più che potete! 

Devono venirvi le lacrime agli occhi cazzo!

Per la cronaca: io alla fine metto anche una spruzzata di pepe nero.

A QUESTA PAGINA potete vedere la mia reazione a un'aglio olio e peperoncino fatta bene!

L'importante è non lesinare con gli ingredienti! Non si può fare un hamburger buono facendolo il più possibile sano; per lo stesso motivo, non si può fare una aglio olio e peperoncino che non vi faccia gonfiare la lingua e non lasci tanfo di aglio in gola!

E soprattutto............. BUTTATE TANTA PASTA PERDIO!!!

Revisione successiva: mi hanno consigliato di sostituire il grana con del pane grattuggiato, preferibilmente lievemente tostato. Che scoperta magnifica!!!

Materiale a corredo


Commenti all'articolo

Premetto che il sistema di commenti è mio indipendente e non prevede memorizzazione di indirizzi email o altro nel database. Si usa solo un nickname, così non rompete le balle con la privacy. Attenzione però, i commenti non saranno visibili finché io non li avrò validati.



Commenta con Disqus!



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima