CATEGORIE:
Sigaretta elettronica Aspire BDC ET-S Clearomizer

Sigaretta elettronica Aspire BDC ET-S Clearomizer

Categoria: SVAPARE

Inserito in DATA: 08/11/2014
Vai ai COMMENTI
POST AGGIORNATO IL 23/01/2015: vedasi a fondo pagina "Errata Corrige"...

Oggi vi presento la mia nuova sigaretta elettronica, che ha sostituito la mia mitica Justfog Maxi: l'atomizzatore Aspire BDC ET-S Glass Clearomizer.

All'inizio della mia avventura nel mondo dello Svapo, avevo comprato una eBreeze-C modello iper-economico e, a mio parere, piuttosto inutile come alternativa alla cicca vera e proprio. Vapore freddo e poco.... ho detto tutto.

Successivamente passai al Justfog Clearomizer Maxi, una figata pazzesca. Mi ritrovai a creare magnifiche nuvole di vapore, la cui temperatura più alta della eBreeze-C dava anche più soddisfazione. Grazie a lui abbandonai pian piano le sigarette, provando sempre più soddisfazione a svapare.

Da un po' di tempo a questa parte, però, il Justfog non andava più benissimo. A volte non tirava niente, provai a lavarlo a fondo e la cosa migliorò ma non del tutto. Nella realtà però, ad essere sincero con me stesso, avevo voglia di cambiare.

Perché? Perché di si. Perché........ bo, non c'è un perché.

All'inizio cambiai comprando una mega batteria della Aspire da 1600mah che tira da paura. A quel punto il passo era fatto, perché la batteria può essere ipervoltata fino a 4.8V tensione che però la Justfog non regge. Dai 4 in su è già troppo...

E così ho deciso di passare a un atomizzatore più potente, dual coilAspire BDC ET-S Glass Clearomizer

E' bello, grande, ho preso il colore zincato e si abbina benissimo alla mia enorme batteria.

Un atomizzatore dual coil ha due resistenze: il Justfog ad esempio è un single coil. Cosa significa? Dual coil semplicemente vaporizza di più, quindi fa più vapore in bocca, da più hit in gola, il vapore è leggermente più caldo. Inoltre il dual coil, avendo due resistenze, è più resistente a voltaggi più elevati. La Justfog con batteria a voltaggio variabile era meglio non utilizzarla sopra il 4.0/4.2: la resistenza si sarebbe consumata in fretta, inoltre tende a perdere sapore sostituendolo con un bruciaticcio non proprio buono.

L'Aspire BDS invece tiene bene anche le alte tensioni, or ora la sto svapando a 4.8 ed è un tuono: il vapore è caldo, ma non tanto come la Justfog ad alte tensioni e quindi non è così fastidioso. Non è anormale.

Usare voltaggi elevati fa però perdere un po' del gusto del liquido, per cui è meglio non abusare.

La Aspire BDC ET-S ha un serbatoio da ben 3ml: se tenete conto che un liquido T-Juice è di solito da 10ml capirete che uno dei vantaggi è anche che con un pieno si riesce a svapare più a lunga prima di dover ricaricare. Io con la Justfog facevo circa tre ricariche al giorno, e il Maxi tiene 1.6ml: con questa conto dunque di coprire la giornata! Spero, però, perché comunque è una sigaretta che consuma più vapore anche con utilizzi "normali".

La resistenza è in basso, per cui non ho più quel fastidioso problema della Justfog di dover a volte ruotare la sigaretta: il Maxi infatti ha la resistenza con le wick corte in alto, e con il serbatoio da metà in giù uno dei problemi è che se non la ruotavi spesso le wick si seccavano ed a volte andavi a svapare e tiravi su solo puzza di bruciato. L'Aspire ha invece le resistenze sul fondo, per cui nella sua naturale posizione queste sono sempre a contatto col liquidi, anche quando nel serbatoio quest'ultimo sta finendo.

Invece delle wick, la resistenza dell'Aspire ha del cotone all'interno della coil per cui una volta riempita, se le coils sono nuove, conviene aspettare qualche minuto perché il cotone si imbibisca per bene.

Fin qui i pregi: ma ci sono difetti? Si, io ne trovo due.
1) il drip tip è in metallo e a me dà un fastidio incredibile perché sono abituato a tenere a volte la sigaretta in bocca come una cicca normale però, siccome pesa, devo bloccarla coi denti e il metallo non è il massimo. Inoltre è freddo e sulle labbra non è il massimo. Non capisco proprio questa loro scelta.
2) la ricarica del liquido va fatta da sotto. E' un difetto lieve, ma a me dà un po' fastidio perché la ricarica da sopra della Justfog era più semplice.

Nel complesso comunque gran sigaretta che, oltre a svapare molto bene e dare grandi soddisfazioni di svapo, è anche molto bella.


Qualche considerazione successiva

Dopo tre settimane di prova, mi sento ormai pronto a qualche considerazione.
Posso confermare tutto ciò che ho detto di buono ovvero: è bella, tira bene, dà soddisfazione, tira tranquillamente anche a più di 4.3V senza puzza di bruciato e se volete potete anche tranquillamente usare il 4.8V anche se secondo me non ha molto senso.
I sapori si sentono benissimo. Forse anche meglio che nella Justfog! Inoltre rispetto a questa non c'è più il bisogno di ruotare ogni tanto la sigaretta! Con la Justfog mi ci ero abituato, però succedeva ogni tanto, quando il liquido scendeva sotto la metà del serbatoio, di tirare e sentire sapore di bruciato in bocca. Con questa non c'è più questo problema, ed è una gran cosa perché fino alla fine tirate benissimo senza mai problemi, e potete lasciare la vostra sigaretta in qualsiasi posizione vogliate.
Il serbatoio da 3ml tiene tranquillamente il liquido che occorre per coprire le dure 24 ore di ogni giornata della nostra fottuta vita, per cui non vi troverete di continuo a doverlo riempire.
Parliamo ora di una cosa interessante, ovvero la RESISTENZA. Dopo 20 giorni (sarebbero 21 ma con un giorno di fermo per il problema di cui al sottostante DIFETTO 3) la resistenza tira ancora bene e non sento puzza di bruciato, per cui direi che posso andare avanti anche se non penso di molto perché si sente che non tira più come un tempo. Penso di poter già dire, dunque, che la durata è orientata alla Justfog: 3 settimane per uno svapatore pro.
Tuttavia devo confermare i due difetti di cui ho trattato precedentemente, per cui...

DIFETTO 1) è un difetto il drip in metallo? a mio parere si, senza ombra di dubbio. Innanzitutto sui denti da fastidio. Ok, la sigaretta non si fumerebbe coi denti, però a volte capita di toccare il drip è da fastidio. Sia per sorreggerla se bisogna utilizzare le mani per altro, sia perché per sbaglio la si tocca, è fastidioso.
Inoltre il drip in metallo è freddo, e resta freddo. Questa è la cosa peggiore. Io lavoro in un ambiente non riscaldato, dove in questo momento ci sono 12 gradi. Ogni volta che aspiro sento il drip ghiacciato. Questo poi è niente, se tenete conto che con la mega batteria Aspire la sigaretta, quando sono in moto, se la tengo nel taschino del giubbotto esce con tutto l'atomizzatore e il drip si ghiaccia! Secondo me è stata una scelta veramente infelice.

DIFETTO 2) la carica dal basso è realmente scomoda? Alla fin fine, in realtà, non lo è. Inizialmente mi pareva che rispetto alla Justfog fosse un dramma, ma non è così. Bisogna però prestare attenzione perché se con la Justfog questo problema era assente, con la Aspire invece se si carica facendo poca attenzione si va a rischio che la boccetta di liquido, che poggia su un bordo dell'atomizzatore, crei una bolla di liquido che sormonta il canale di aspirazione e vi sbrodolate di liquido che comincia a colare dal Drip. A me è già successo due volte, per cui fate attenzione: quando la riempite, inclinate la sigaretta e spremete la boccetta con calma per assicurarvi che il liquido coli sul fondo dal bordo del serbatoio.
Inoltre quando la aprite un po' di liquidi rimane nella base dov'è avvitata la resistenza; però poi quando dovete chiuderla dopo averla riempita, appena girate la base per avvitarla sul serbatoio sicuramente un po' di quel liquido traborda e mentre avvitate uscirà dalla filettatura. Si parla di poca roba, ma quanto basta per appiccivarvi le dita e costringervi a pulire la sigaretta.

Tuttavia ho trovato un minimo DIFETTO 3: è un po' debole. E' ben fatta, ma bisogna fare attenzione se vi cade, o se la tenete in tasca, perché tende a piegarsi. Se smontate tutto, drip e base, vi rimane il tank con le due filettature: ecco, tenete presente che le due filettature sono due pezzi che sono incastrati all'interno del serbatoio e in alcune occasioni potrebbero muoversi leggermente. Fate conto che siano due cilindri che si inseriscono all'interno del serbatoio e che vanno in battuta col vetro. 
Guardate l'immagine qui a fianco: il disegno con quello spiacevole colore verde (che cazzo, non rompete i maroni, o PAINT o muerte!) è la sagoma del particolare con la filettatura. Mi è successo che, cadendomi la sigaretta, quel particolare si è mosso leggermente uscendo: me ne sono accorto non solo perché la sigaretta era inquietantemente storta, ma sopratutto perché perdeva liquido. Infatti, così, il tubo di aspirazione non andava più a coincidere con la resistenza e, da una lato aspiravo liquido in bocca, dall'altro il liquido colava nella resistenza e da qui inondando la batteria, nonché uscendo dalle prese d'aria.
Il problema è che non si riesce a rimetterlo a posto a mano, perché è fatto (bisogna ammetterlo) talmente bene che ci vuole molta precisione e un po' di forza, come inserire un cuscinetto nella ruota della moto dio maiale! Io l'ho appoggiata sul tavolo, ho messo uno strofinaccio da una parte e dall'altra, e pian piano con un martello l'ho battuto finché non è andato fino in fondo. Dovete battere bene perché deve andare dentro tutto, altrimenti continuerà a perdere soprattutto, nel caso manchi pochissimo, quando il liquido è al minimo e la tensione superficiale, arrivata alla giunzione tra tubo di aspirazione e resistenza, farà finire un po' di liquido all'interno: sentirete gorgogliare e forse qualcosa vi arriverà in bocca ma, cosa più spiacevole, del liquido finirà nella batteria costringendovi a pulire anche quella. Battete dunque bene ma occhio a non sfondare il contenitore in vetro però!
Saprete di aver battuto abbastanza quando non sentirete più gorgogliare, e quando tra il gommino bianco e il contenitore in vetro non ci sarà alcun profilo restante.
Tuttavia a me si era precedentemente storto un po' anche senza cadere, solo tenendolo in tasca. Probabilmente con qualche movimento si era un po' sforzato. Me n'ero accorto perché la sigaretta era leggermente storta, però non perdeva.
Per cui, se trovate la sigaretta un po' storta, non abbattatevi, bensì... battetela!
ATTENZIONE: SFORTUNATAMENTE DEVO RICREDERMI E IL DIFETTO 3) NON E' PER NULLA MINIMO. Una volta che la sigaretta si apre come spiegato, è piuttosto difficile rimetterla correttamente in posizione. A distanza di tempo ho notato che consumavo molto più liquido del previsto e che la mia sigaretta, da mezzo serbatoio in giù, gorgogliava copiosamente. E' probabile che l'allineamento tra la cannetta del drip tip e la resistenza vada perso e così la sigaretta comincia un po' a perdere e voi oltre a svapare vi ritrovate spesso con delle microgocce di liquido in bocca. Ve ne accorgete perché cominciate innanzitutto a consumare molto più liquido del normale, in secondo luogo perché la sigaretta gorgoglia, in terzo luogo perché a volte vi pizzica la lingua, segno che delle microgocce di liquido vi finiscono in bocca.
Sfortunatamente non è un atomizzatore molto solido, suppongo di non essere l'unico cui a volte cade la sigaretta e sarebbero cose da tenere in giusto conto durante la progettazione.

ATTENZIONE, ERRATA CORRIGE

Avevo segnalalto il problema del gorgoglio e perdita leggera di liquido dal drip tip.
Ora, posto che sicuramente queste cose sono relative alle svariate cadute della mia sigaretta, devo comunque fare un appunto che è una marcia indietro. Per far durare un po' di più le batterie e nel tentativo semi-salutista di consumare un po' di meno liquido e svapare di meno (sono perennemente con la e-cig appiccicata alle labbra, dal risveglio a quando vado a letto, e tenete conto che dormo poco) avevo cominciato a tenere la  tensione della batteria leggermente bassa, attorno ai 3.8V.
Mi sono però accorto che, svapando a tensioni maggiori, almeno 4V ma meglio da 4.2V in su, il gorgoglio sparisce e anche le microgocce che mi finivano sulla lingua, nonché i saltuari residui che trovavo nella sede della batteria. Probabilmente la resistenza richiede voltaggi elevati per lavorare bene. Non so perché la cosa mi succede sempre quando il liquido e sotto la metà del serbatoio, ma comunque da 4V in su (ora mi attesto attorno ai 4.2-4.3) la resistenza lavora bene, non ho perdite di liquido e neppure gorgoglii. Bisogna anche dire che ora la svapata è più soddisfacente, mentre a 3.8 o 3.9 sentivo una insoddisfazione innaturale, un senso di incompletezza.

MATERIALE A CORREDO



Inserisci un commento

Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti 2011

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.

» www.bostro.net » contatti
» Privacy Policy

Licenza Creative Commons
www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Web Bostro.Net