Lorenzo Stecchetti

Il Canto dell'Odio

Quando tu dormirai dimenticata
sotto la terra grassa
E la croce di Dio sarà piantata
ritta sulla tua cassa

Quando ti coleran marce le gote
entro i denti malfermi
E nelle occhiaie tue fetenti e vuote
brulicheranno i vermi

Per te quel sonno che per altri è pace
sarà strazio novello
E un rimorso verrà freddo, tenace,
a morderti il cervello.

Un rimorso acutissimo ed atroce
verrà nella tua fossa
A dispetto di Dio, della sua croce,
a rosicchiarti l'ossa.

Io sarò quel rimorso. Io te cercando
entro la notte cupa,
La mia che fugge il dì, verrò latrando
come latra una lupa;

Io con quest'ugne scaverò la terra
per te fatta letame
E il turpe legno schioderò che serra
la tua carogna infame.

Oh, come nel tuo core ancor vermiglio
sazierò l'odio antico,
Oh, con che gioia affonderò l'artiglio
nel tuo ventre impudico!

Sul tuo putrido ventre accoccolato
io poserò in eterno,
Spettro della vendetta e del peccato,
spavento dell'inferno:

Ed all'orecchio tuo che fu sì bello
sussurrerò implacato
Detti che bruceranno il tuo cervello
come un ferro infocato.

Quando tu mi dirai: perché mi mordi
e di velen m'imbevi?
Io ti risponderò: non ti ricordi
che bei capelli avevi?

Non ti ricordi dei capelli biondi
che ti coprian le spalle
e degli occhi nerissimi, profondi,
pieni di fiamme gialle?

E delle audacie del tuo busto e della
opulenza dell'anca?
Non ti ricordi più com'eri bella,
provocatrice e bianca?

Ma non sei dunque tu che nudo il petto
agli occhi altrui porgesti
E, spumante Licisca, entro al tuo letto
passar la via facesti?

Ma non sei tu che agli ebbri ed ai soldati
spalancasti le braccia,
Che discendesti a baci innominati
e a me ridesti in faccia?

Ed io t'amavo, ed io ti son caduto
pregando innanzi e, vedi,
quando tu mi guardavi, avrei voluto
morir sotto a' tuoi piedi.

Perché negare - a me che pur t' amavo -
uno sguardo gentile,
quando per te mi sarei fatto schiavo,
mi sarei fatto vile?

Perché m'hai detto no quando carponi
misericordia chiesi,
e sulla strada intanto i tuoi lenoni
aspettavan gl'Inglesi?

Hai riso? Senti! Dal sepolcro cavo
questa tua rea carogna,
nuda la carne tua che tanto amavo
l'inchiodo sulla gogna,

E son la gogna i versi ov'io ti danno
al vituperio eterno,
a pene che rimpianger ti faranno
le pene dell'inferno.

Qui rimorir ti faccio, o maledetta,
piano a colpi di spillo,
e la vergogna tua, la mia vendetta
tra gli occhi ti sigillo.

Di Lorenzo Stecchetti alias Olindo Guerrini
[ torna a tutte le poesie inserite ]

Elenco autori

TUTTE LE POESIE
Ada Negri
Alcmane
Alda Merini
Aleksàndr Puskin
Alfonso Gatto
Alvaro Vallar
Amedeo Giacomini
Anonimo
Antonio Vivaldi
Arthur Rimbaud
Bai Juiy
Bibbia (Re Davide)
Camillo Sbarbaro
Catullo
Cesare Pavese
Charles Baudelaire
Charles Bukowski
Dante Alighieri
Dino Campana
Duccio Monfardini
Edgar Allan Poe
Edward Thomas
Elio
Emilio Nardini
Emilio Praga
Enrico Fruch
Erasmo Da Valvasone
Eugenio Montale
Federico Garcia Lorca
Fëdor Tjutčev
Francesco Petrarca
Friedrich Hölderlin
Gabriele D'Annunzio
Gabriello Chiabrera
Georg Trakl
Giacomo Leopardi
Gian Carlo Menotti
Giosuè Carducci
Giovan Battista Marino
Giovanni Battista Guarini
Giovanni Pascoli
Giuseppe Ungaretti
Gustav Mahler
Henrik Ibsen
Iginio Ugo Tarchetti
Jim Morrison
Jules LaForgue
Kabir
Lorenzo Stecchetti
Lou Reed
Ludwig Uhland
Mahmoud Darwish
Mario Luzi
Mark Strand
Martin Niemöller
Matsuo Basho
Maya Angelou
Mevlana Jalaluddin Rumi
Nazim Hikmet
Omar Khayyam
Omar Khayyâm
Paul Eluard
Paul Valery
Paul Verlaine
Philippe Jaccottet
Pier Paolo Pasolini
Primo Levi
Rainer Maria Rilke
Robert Burns
Saffo
Salvatore Quasimodo
Sara Teasdale
Sdrindule
Sergio Corazzini
Stig Dagerman
Theresa Wallach
Trilussa
Ugo Foscolo
Umberto Saba
Walt Whitman
Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti 2011

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.

» www.bostro.net » contatti
» Privacy Policy

Licenza Creative Commons
www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Web Bostro.Net