Claude Yelnik, L'uomo, questa malattia

CLAUDE YELNIK

L'uomo, questa malattia

Stato lettura: LIBRO CONCLUSO IL 14/07/2018

Recensione

Con mezzi semplici: scorrevoli pagine di un diario; con un'ambientazione limitata dalla scelta del luogo in cui il romanzo si svolge: un faro, Claude Yelnick ha scritto un romanzo interessantissimo, angosciante, preciso nel suo presupposto scientifico e nella successione logica degli avvenimenti che narra e che danno loro clima ed efficacia. Il racconto, che nasce come un filo sottile d'acqua sorgiva e di balza in balza, ossia di pagina in pagina, s'estende, prende forza, dirompe, travolge come un torrente in piena, per ridistendersi, verso la fine, nella maestà solenne di un vasto fiume e trovare il suo naturale sbocco: il mare. I nostri lettori seguiranno la storia di quindici giorni di turno in un faro in mezzo a una terribile tempesta, di due guardiani: un uomo solido, tranquillo, superstizioso ma pieno di buon senso; e il suo compagno, un intellettuale scettico, che guarda le cose con la fredda obbiettività di un cervello raziocinante e al quale accadono le cose più bizzarre e inverosimili, fino a che raggiunge la facoltà di comunicare con esseri viventi su un altro piano parallelo al nostro, invisibili eppure coesistenti nel nostro universo: gli Altri; e si sente fare questa inverosimile eppur quasi biblica e scientifica affermazione: "La Creazione è doppia: ciò che pensa è ciò che vibra. Voi pensate e noi vibriamo. Dio ci ha voluti diversi, ma paralleli. Voi aveste il vostro spazio e il vostro tempo; noi la nostra estensione e la nostra durata...". Da questa diversità e da questa coesistenza nasce il conflitto fra gli Uomini e gli Altri; conflitto che forma la materia di questo appassionante, bellissimo romanzo.

Giudizio

Voto:
Maestoso. La grande narrativa di una volta, quella che oggi non c'è più. Un diario ritrovato in un luogo dal quale sono misteriosamente sparite delle persone, una delle quali autore del diario, e un'altra persona trovata morta. Cosa è successo? Niente astronavi, niente alieni (o perlomeno, niente alieni come di solito li prefiguriamo) ma tanto mistero a condire una storia intrigante e sviluppata molto bene con arguzia, a legare in maniera magistrale la narrazione finto-autobiografica, ricordi personali del narratore, fatti sconvolgenti e inspiegabili ma rappresentati molto bene con un minimo di nozioni fisiche senza però appesantire neanche un po' la linea narrativa tant'è che non lo classificherei come fantascienza. Un libro che potrebbero leggere tutti gli amanti della narrativa misteriosa e psicologica. Anche qui abbiamo una rappresentazione perfetta del concetto di Linea d'Ombra del grande Conrad.
Cerca citazioni di Claude Yelnik tra quelle inserite!

Tutti i libri di Claude Yelnik

  • L'uomo, questa malattia (stato: Libro finito)
  • Guarda l'anteprima di tutti i libri di Claude Yelnik
  • Ultimi 5 post dal blog riguardo a LIBRI

    Roger Deakin e l'anima dell'ecologia
    Recensione Kobo Aura Edition 2 vs Kobo Aura Classic
    Su Suraya Sadeed, la guerra in Afghanista, i talebani, e chi ha ragione
    Prima che fosse troppo tardi: scoprire Stephen King
    Libri relativi al mondo della pesca
    Leggi tutti i post nella categoria LIBRI del blog
    Il Bostro-X
    © Federico "Bostro" Bortolotti 2011

    Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.

    » www.bostro.net » contatti
    » Privacy Policy

    Licenza Creative Commons
    www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
    Web Bostro.Net