Condividi su Facebook | Commenta

Citazioni, aforismi, motti celebri da libri o recuperati

Scegli e filtra una CATEGORIA: TUTTE Bostro Filosofia Motto Narrativa Scienze
CONSULTA L'ELENCO DI TUTTI GLI AUTORI DI CITAZIONI, AFORISMI, MOTTI

RICERCA per autore/libro/citazione:

Ti senti fortunato? Leggi una citazione casuale

August Strindberg, "L'olandese"
Quest’albero verde è nero nella tenebra e solo alla luce sembra verde! Sembra!
Categoria: Narrativa
August Strindberg, "L'olandese"
Ma sì, tutti gli uomini sono nemici; amicizia e amore non sono che armistizi. E gli uomini usano tra di loro le donne come armi.
Categoria: Narrativa
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Tutti chiedono dei segni e dei miracoli, e segni e miracoli ci sono, ma nessuno sa chi li operi, poiché le potenze nere non sono meno capaci, nelle arti magiche, delle potenze bianche.
Categoria: Narrativa
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Mi ripugna, rigettare vigliaccamente le mie colpe sulle spalle d’un innocente. [Cristo]
Categoria: Narrativa
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Soffriamo dunque, fratelli miei, senza sperare dalla vita una sola gioia solida, poiché siamo all’Inferno.
Categoria: Narrativa
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Sorridere alla morte! E come sarebbe possibile, se la vita non fosse ridicola in sé?[Nota mia: cfr. Marco Aurelio: "La morte sorride a tutti, non possiamo che sorriderle a nostra volta"]
Categoria: Narrativa
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Spiegare? S’è mai spiegato qualcosa, se non parafrasando una quantità di parole con un’altra quantità di parole?
Categoria: Narrativa
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Vorrei diventare religioso, ma non posso perché esigo il miracolo.
Categoria: Narrativa
August Strindberg, "Inferno I, II, III"
Hanno il fiato pesante, i morti, come i dissoluti dopo una notte di bagordi.
Categoria: Narrativa
Knut Hamsun, "Fame"
Hai creato il mio cuore dormendo?
Categoria: Narrativa
Jirì Langer, "Le nove porte – I segreti del Chassidismo"
E’ nostro dovere dare [almeno] il decimo del nostro guadagno per scopi benefici. Ma la tua beneficenza non deve superare il quinto dei tuoi guadagni. Altrimenti non è più beneficenza, ma dilapidazione. [dal Talmud]
Categoria: Narrativa
Jirì Langer, "Le nove porte – I segreti del Chassidismo"
L’uomo non ha un “io”. E’ un nulla, un nulla assoluto, perché secondo la spiegazione del libro cabbalistico Tiqqunìm, la parola ebraica ayin, cioè “niente”, e la parola anyi, “io”, sono composte dalle stesse lettere diversamente raggruppate.
Categoria: Narrativa
Antonio Fogazzaro, "Malombra"
[…] la grazia delicata dell’ingegno femminile colto [...]
Categoria: Narrativa
Antonio Fogazzaro, "Malombra"
Gli amici delle ore tristi sono pochi e il vino è il più fedele.
Categoria: Narrativa
Antonio Fogazzaro, "Malombra"
Il dolore è […] in certi casi un confortante indizio di vitalità morale, perché dove non vi è dolore, vi è cancrena.
Categoria: Narrativa
Thomas Bernhard, "Perturbamento"
L’uomo è un essere basso e volgare e […] chi lo ha creato, proprio per questo, è un essere ancora più basso e volgare di lui.
Categoria: Narrativa
Thomas Bernhard, "Perturbamento"
La vita è sempre faticosa, finché non se ne esce, e il piacere consiste nel sopportarla con raziocinio. La maggior parte degli uomini sono sentimentali, non raziocinanti, e proprio per questo la maggior parte di loro finisce nella disperazione e non nel raziocinio. “Ma il raziocinio di cui sto parlando” dissi “non ha nulla di scientifico".
Categoria: Narrativa
Thomas Bernhard, "Perturbamento"
Era un errore […] chiudere gli occhi di fronte al fatto che tutto è malato e triste.
Categoria: Narrativa
John Steinbeck, "Piano della Tortilla"
La morte è una faccenda personale che suscita dolore, disperazione o sconsolata filosofia. I funerali, d’altra parte, sono una funzione sociale. […] Per nessuna altra funzione sociale le regole dell’umana condotta son rigide come per i funerali.
Categoria: Narrativa
John Steinbeck, "Al Dio sconosciuto"
L’orologio caricato da Elisabeth batteva sempre, conservando nella propria molla la pressione della mano di lei, e i calzini di lana che ella aveva appeso ad asciugare sul parafuoco erano ancora umidi. Queste erano parti vitali di Elisabeth e non erano ancora morte. La vita non può essere rapidamente recisa. Uno non può essere morto finché non siano morti gli oggetti da lui mutati. E pensava: “La [continua...]
Categoria: Narrativa

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21



© il sommo Bostro-X - www.BOSTRO.net

Licenza Creative Commonswww.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Per farla facile: questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.
Aggiornamenti via feed RSS | Torna in cima